La crescita dell’entertainment tra cinema, gambling e… spazio

Sfera Ebbasta
Apre a Roma Healthy Color, il fast food di Sfera Ebbasta, Andrea Petagna Marcelo Burlon
2 Febbraio 2021
5G
Il 5G rivoluziona la vita in Italia: quali benefici apporterà nei vari settori?
22 Luglio 2021

La crescita dell’entertainment tra cinema, gambling e… spazio

Nonostante il brusco stop della pandemia, il settore dell’intrattenimento continua a macinare chilometri. E a trovare nuovi settori di investimento.

La notizia ha iniziato a circolare qualche giorno fa e subito ha scosso gli ambienti di mezza Europa, anzi di mezzo mondo. E a ufficializzarla è stato direttamente lui: Andrea Iervolino, 33 anni, titolare della Iervolino Entertainment, società di produzione di contenuti cinematografici e televisivi. “Prevedo che entro la prima metà del 2023 saremo in gradi di realizzare il primo evento live nello spazio”. Queste le sue parole riportate da Forbes Italia, a commento della sottoscrizione di un contratto di licenza di tre anni con la Space 11 LLC Usa, società oltreoceano controllata sempre da Iervolino. L’obiettivo: l’utilizzo del marchio Space 11 e la realizzazione di format di produzioni televisive in ambiente di microgravità. Un accordo rivoluzionario che potrebbe creare un nuovo filone di investimento: quello delle produzioni entertainment in orbita bassa terrestre.

“Oggi pensare a un progetto di questa portata potrebbe sembrare troppo futuristico e poco pratico -ha continuato Iervolino – ma il progresso tecnologico sta evolvendo a una velocità tale da far credere che tutto sia già possibile nel medio termine”. Progresso, è questa la parola chiave. Anche in un contesto difficile come quello della pandemia, che ha dato una brusca frenata all’ascesa del settore E&M, ovvero entertainment e media. Nel 2020 infatti si è registrato il calo più drastico, a livello globale, degli ultimi 21 anni, con una riduzione del 5.6% rispetto al 2019, traducibili in oltre 120 miliardi di dollari. Ma dopo questo annus horribilis nel 2021 si dovrebbe riprendere a crescere: le ricerche parlano infatti di un possibile +6.4%.

“A trainare questo settore, soprattutto nei mesi difficili della pandemia, è stato un comparto che spesso viene sottovalutato: quello del gambling. Il mondo del gioco legale, in Italia, è riuscito a crescere anche durante il 2020, facendo toccare un giro d’affari di 103.6 milioni di euro, con una crescita del +57.5% rispetto al 2019”, spiega l’head writer di Bonusricchi.com. “Conseguenza diretta del confinamento dentro casa imposto dal lockdown, ma anche merito della proliferazione di siti specializzati che guidano gli utenti e gli appassionati della selva di giochi online”, conclude.

Comments on Facebook

Comments are closed.