Francesca Michielin e Fedez presentano “Chiamami per nome”: “una luce nei momenti di buio”

Margherita Vicario
Margherita Vicario torna con il nuovo singolo “Orango Tango”
15 Febbraio 2021
SANREMO 2021 - Coma_Cose
Aspettando Sanremo 2021 – Coma_Cose al Festival con “Fiamme negli occhi”
15 Febbraio 2021

Francesca Michielin e Fedez presentano “Chiamami per nome”: “una luce nei momenti di buio”

Francesca Michielin e Fedez

foto di Fabrizio Cestari

Un progetto in divenire all’orizzonte, un’amicizia che va oltre il lavoro come base di partenza, un pizzico d’ansietta, qualche svista perdonata e tanta emozione. E’ questa la ricetta di “Chiamami per nome“, il brano che Francesca Michielin porterà al Festival di Sanremo 2021 insieme a Fedez.

In “Chiamami per nome” raccontiamo entrambi una crescita stilistica e una consapevolezza maggiore, sia a livello testuale che musicale, rispetto alle collaborazioni fatte in passato.” racconta durante la conferenza Francesca Michielin, al ritorno sul palco del Teatro Ariston dopo il secondo posto del 2016 con “Nessun grado di separazione” – “Questa canzone mi emoziona molto, la vivo come un manifesto dell’anno appena passato, che ci ha messi tutti a dura prova. Esordire sul palco dell’Ariston dicendo “oggi ho una maglia che non mi dona / ma vorrei dirti non ho paura / vivere un sogno porta fortuna”, rappresenta la consapevolezza di essere in una situazione complessa ma voler comunque continuare a inseguire i propri sogni, credere nella musica, avere speranza. È un brano leggero e sognante ma filantropico, una luce nei momenti di buio, e molto trasversale: una canzone d’amore, sì, ma anche universale, che ognuno può declinare un po’ come vuole. Da un punto di vista musicale è stato inoltre un esercizio di sottrazione, è molto minimale, lascia spazio alle emozioni

Un brano dove i mondi dei due artisti si fondono in una maniera inaspettata ma non per questo meno accattivante “Abbiamo cercato di fare qualcosa di più dinamico, un brano in cui si potessero interfacciare le nostre voci in maniera più complessa e meno tradizionale” racconta Fedez durante la conferenza stampa di presentazione del singolo ““Chiamami per nome” affronta principalmente le tematiche dell’amore, ma riflette anche le insicurezze del momento attuale, in cui siamo fortunati a vivere il grande privilegio della speranza. Il testo è stato scritto insieme, in prima battuta da me e Francesca, per poi allargarsi a tutto il team di scrittura e composizione, con Davide Simonetta, Jacopo, Dargen e Mahmood… è stato un lavoro di collettività, un viaggio che mi ha portato una vera boccata di ossigeno“.

Il brano porta la firma di una nutrita schiera di autori (Federico Lucia, Francesca Michielin, Davide Simonetta, Alessandro Mahmoud, Alessandro Raina con la produzione di d.whale) “Alessandro lo conosco da anni e anni, eravamo veramente piccoli, molto giovani. Abbiamo fatto questo viaggio in treno parlando di musica, ci siamo piaciuti e la collaborazione è nata con Cheyenne. Non è facile lavorare con autori che mi danno un pezzo. Alessandro l’ha scritta in virtù di tanti discorsi che ci accomunano musicalmente. Come scrittore di melodie credo sia fenomenale. E’ una persona che studia tanto” racconta Francesca Michielin circa il suo rapporto con Mahmoud, mentre Fedez sottolinea la sua firma sullo stile del brano “Mi sento molto Mahmoud mentre la canto“.

Immancabile una citazione all’episodio dell’auto spoiler che li ha visti sull’orlo dell’eliminazione “Quando è avvenuto il fattaccio, Francesca era legittima ad apostrofarmi in tutti i modi. Invece era lei a darmi il supporto psicologico. Sono entrato in studio il giorno dopo e ho detto “Ne siamo usciti più uniti”, mi hanno mandato tutti a cagare. Il rapporti tra me e Francesca si sono legati molto di più, è inevitabile che si crei un legame umano

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.