Giulia Molino, anche in fase 2 “Va tutto bene” – INTERVISTA

Peligro
Peligro: “Scrivere è come un’analisi di me stesso, fa parte di me e del mio quotidiano” – INTERVISTA
21 maggio 2020
Diodato
Diodato, dopo il David e l’Eurofestival il nuovo singolo inedito “Un’altra estate”
21 maggio 2020

Giulia Molino, anche in fase 2 “Va tutto bene” – INTERVISTA

Giulia Molino

In fase 1, in fase 2, in fase 3.. in qualsiasi fase della vostra vita siate fidatevi di quello che vi dice Giulia Molino: “Va tutto bene“!

E’ questo il mood della giovane cantautrice finalista di Amici 19 ed ora negli store (fisici e digitali) con il primo album “Va tutto bene“, 7 tracce, tra cui due scritte interamente dalla stessa Giulia, che mostra appieno il suo raffinato talento nella scrittura: l’intima e personale “Nietzsche”, in cui grazie a un personalissimo flow e utilizzando sonorità che mischiano l’urban e l’hip hop, racconta la sua storia nella quale ha dovuto lottare durante l’adolescenza contro un mostro invisibile e letale, l’anoressia, e la malinconica “Solo questo mi è rimasto”, brano sulla fine di una relazione e di tutto quello che rimane quando il sentimento ormai non è più abbastanza.

Ed oltre all’album, qualche giorno fa Giulia ha presentato il nuovo singolo “Camice bianco“, un brano scritto da lei stessa insieme a Manuel Finotti e Laura Di Lenola “…Ho pensato davvero tanto alla situazione critica che l’Italia, e il mondo tutto, sta vivendo da qualche mese a questa parte.

…C’è chi trascorre le proprie giornate fra le mura di un ospedale, sperando di sopravvivere, di sentire, giorno dopo giorno, il proprio respiro riacquisire forza.” scrive Giulia su Instagram “Altri vorrebbero riabbracciare le persone che amano, mentre sono costrette dalle circostanze a salutarle tramite i vetri di una finestra o attraverso lo schermo di un cellulare.

E poi ci sono loro: MEDICI, INFERMIERI, VOLONTARI, che ogni santo giorno dedicano la propria esistenza al prossimo. In questo periodo storico ancor più complesso, regalano il proprio tempo a chi sta soffrendo in questi ospedali affollati.

E sono EROI che non chinano la testa dinnanzi agli innumerevoli ostacoli, che non si lasciano demoralizzare dalle troppe vittime, ma che, invece, non si fermano e continuano a lottare affinché quanta più gente possibile possa rientrare nelle proprie case e ripristinare la vita di sempre.

Ciononostante, dimentichiamo che dietro quelle mascherine, dietro quegli sguardi, ci sono anzitutto delle PERSONE. Persone che soffrono, come tutti noi, ma che lottano, senza sosta, senza risparmiarsi, donandosi completamente mettendo a rischio la propria vita per salvare quella degli altri…

Abbiamo incontrato Giulia Molino alla vigilia della fase 2 per farci raccontare le impressioni del post Amici, del primo disco e di quello che sarà il suo futuro. Ecco la nostra video intervista

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.