MH: “Scrivo per sfogarmi e scavare dentro me stesso” – INTERVISTA

The Kolors
The Kolors, fuori il nuovo singolo “Non è vero” con un omaggio a Pino Daniele
16 maggio 2020
“La vita breve dei coriandoli”, il singolo che segna il ritorno di Michele Bravi
16 maggio 2020

MH: “Scrivo per sfogarmi e scavare dentro me stesso” – INTERVISTA

mh

Il rapper MH a un anno dalla pubblicazione di “Aeroplani” esce con il video del brano che ha totalizzato mezzo milione di stream su Spotify, distribuito da Artist First. Rappresenta per l’artista una via d’uscita da storia d’amore intensa, che l’ha portato a provare emozioni molto forti e contrastanti tra loro. Le immagini del video raccontano in maniera semplice questa storia d’amore adolescenziale e ogni sfaccettatura delle emozioni provate dai due protagonisti.

Pezzo molto intimo – racconta MH – è andato molto bene, un successo che non mi aspettavo. Parla di una storia importante della mia vita, la prima importante che ho avuto e finita nel peggiore dei modi. Ero molto giovane e come sempre quando si è giovani vivi emozioni molto intense. Quando poi finiscono storie come questa, sono disastri. Aeroplani l’ho scritta in un periodo in cui stavo male, per sfogarmi. È uscita in modo naturale e l’ho scritta per me. I miei amici quando l’hanno sentita mi hanno detto di farla uscire. E avevano ragione. Per me è stato incredibile che non sono mai uscito da Modena con la mia musica, invece questa canzone è arrivata in tutta italia. So di essermi tolto un peso e ora va meglio, come persona e come artista. I complimenti che ho ricevuto e tutte le belle cose che mi scrivono mi hanno aiutato ad avere una scrittura più personale. Ora sto preparando un disco che penso andrà bene, proprio per questo. Per la mia capacità di guardarmi dentro. Scrivere per me non è difficile, è come un allenamento per uno sportivo. Lo faccio ogni volta che sento qualcosa da esprimere, in ogni momento. Più scrivi poi e più sento il bisogno di scavare sempre di più”.

Il rapporto con il pubblico: “Difficile la prima volta, poi la gente capisce e ti capisce. Quando uscirà il disco sarà magari difficile mostrarmi davvero per quello che sono, perchè è inevitabile. Ma sento che posso farcela, anche perchè il pubblico sente le emozioni vere e le apprezza. Il mio primo pubblico sono gli amici. I migliori amici a cui faccio sentire tutto quello che faccio. Ho bisogno del parere dell’ascoltatore medio prima di far uscire qualcosa. La cosa bella è che capiscono davvero di cosa parlano nelle canzoni. Li conosco da una vita, dalle medie, siamo diventati grandi insieme. Se faccio citazioni o racconto qualche storia, sanno cosa è successo e conoscono le persone. Anche la ragazza di ‘Aeroplani’ la conoscono, sanno tutto sulla storia”.

MH sempre attivo in questo periodo: “Sto studiando e lavorando a due album. Il primo mio e il secondo insieme a uno dei miei migliori amici, che vive a Atlanta. Ci siamo sfidati a far uscire su Instagram una canzone a settimana, compresa di video. Le nostre canzoni sono andate benissimo, la gente le chiedeva su Spotify. Però durano 1 minuto, quindi ora le raddoppiamo, aggiungiamo qualche featuring e ci si fa un disco, spero in un paio di mesi. Più avanti vorrei riprendere con i live, a Modena avevo già qualche proposta, poi vorrei andare anche fuori”.

Una collaborazione con qualche big della scena rap non va escluso: “Ascolto il 99% del rap italiano, mi piace sentire cose diverse perchè penso che da ognuno si possa estrapolare qualcosa. Il modo che ho di rappare arriva da quello che ascolto. I primi a cui mi sono ispirato arrivano da Machete mix tape vol2, quindi Salmo, Nitro, Jack the smoker. Mi piace molto Lazza, Da Supreme che è proprio una cosa a parte, Shiva, Rkomi, Tedua ma anche Disme, Brush”.

MH nasce nel 2018 dalla necessità di Matteo Fiorini, classe ’99, di esternare la parte più intima ed emotiva di sé. Il rap, col quale ha da sempre un rapporto viscerale, diventa così il mezzo perfetto per liberare ciò che rimane intrappolato all’interno del suo carattere esuberante, ma al tempo stesso introverso e spesso troppo orgoglioso per lasciarsi andare alle debolezze. Comincia a scrivere barre a 17 anni e pubblica i primi pezzi a 19, cominciando a farsi conoscere a livello locale. Col tempo affina la tecnica e raggiunge una maturità artistica maggiore. Nel 2019 compare nell’EP “Meltin Pot” dell’amico e produttore Hotsteppa, successivamente pubblica “Aeroplani” che, con quasi 500.000 stream provenienti da tutta Italia, lo rende noto anche al di fuori della propria regione.

Comments on Facebook

Comments are closed.