Amici 19 – Michelangelo: “Canto la forza di non arrendersi e l’amore che rimane, quello vero” – INTERVISTA

Réclame
I Réclame dopo Sanremo Giovani tornano col singolo “Due amanti” in attesa del disco d’esordio
26 marzo 2020
Roby Facchinetti Stefano D'Orazio
“Rinascerò, rinascerai”, la canzone per Bergamo di Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio
26 marzo 2020

Amici 19 – Michelangelo: “Canto la forza di non arrendersi e l’amore che rimane, quello vero” – INTERVISTA

michelangelo

Michelangelo ha pubblicato “In due a lottare”, nuovo singolo del concorrente di Amici di Maria de Filippi edizione 19 che parla dell’amore che a fronte di tutto ciò che cambia, se è vero rimane, non arrendendosi al tempo, alle difficoltà e alla logica delle scelte umane. Anche Ii videoclip di “In due a lottare”, diretto da Federico Falcioni (Falcioni Productions), racconta non una storia d’amore, ma una storia sull’amore. La sequenza di immagini è incentrata sul filo invisibile e sui ricordi che, come nodi, legano i due giovani protagonisti, Michelangelo ed Emily.

Il singolo nasce – racconta Michelangelo – dal bisogno che avevo di parlare dell’amore che provo per la mia ragazza. L’ho scritta durante un momento no, uno dei tanti che capitano in ogni coppia prima o poi. Volevo dire che essendo due è tutto più facile, le cose si affrontano meglio e si risolvono prima. Anche adesso in questa brutta situazione in cui ci troviamo, dove io come molti altri non possiamo vedere la nostra ragazza o quelli a cui vogliamo bene, bisogna essere forti. Anche se non ci vediamo, dobbiamo continuare a lottare, insieme. Ho espresso con questa canzone il bisogno di parlare nella mia relazione, di farlo alla gente che si può identificare con la mia storia. In questo senso ora che siamo costretti a stare a casa, molti mi scrivono dicendo che si ritrovano nelle parole della canzone. Anche nel video ci sono scene comuni, vissute da tutti nello stesso modo, riprodotte però scene di vita vera”.

L’artista è una vera star di Tik tok: “Sono felice ma non sono una star – scherza Michelangelo – là dentro c’è di tutto, per me è il social del futuro. Io cerco di dire la mia, di interessare la gente, di interagire e poi, ovviamente, anche di arrivare al mio pubblico e far sentire la mia musica usando magari anche Instagram o altri canali”.

Michelangelo è di poche parole, ma chiare. Non gli piace parlare di sè ma ha tanto da dire. Dell’esperienza di Amici: “Devo dire che è stata una bella spinta – racconta – però ora io cresco di mio. Mi ha dato una spinta perchè mi ha formato tantissimo a livello artistico e caratteriale. Prima ero più chiuso, dicevo di meno, anche nelle interviste. Là sei costantemente sotto i riflettori, bisogna essere sempre pronti, il cervello non ha tempo di pensare, devi svegliarti e, soprattutto, ho capito che da ora in avanti devo cavarmela da solo. E così sto facendo”.

Come si è avvicinato alla musica: “In famiglia si cantava e la musica c’è sempre stata – ricorda Michelangelo – a un certo momento ho deciso di iniziare anche io. Nel 2012 ho fatto un provino per ‘Io canto’, mi hanno preso ma quell’anno non l’hanno fatto. Mi hanno chiamato un anno dopo e così ho fatto il programma nel 2013. In quel momento ho assaggiato il mondo della musica e dello spettacolo e devo dire che mi ci sono trovato bene, ho deciso che sarebbe stata la mia strada. Poi tanta gavetta, che continuo a fare. Belle cose però ‘pesanti’, impegnative, come Castrocaro. Ho trovato tanta gente che ti promette cose e che poi non rispetta. Alla fine ho incontrato la persona giusta, ho preparato alcuni inediti e sono andato al provino di Amici”.

Un’esperienza iniziata male e proseguita alla grande visto che: “Non pensavo di entrare sono onesto – racconta l’artista – quell’estate ho passato cinque tonsilliti, non potevo cantare ed ero rassegnato a non fare nemmeno il provino. Addirittura il giorno in cui dovevo andare il provino sono finito in ospedale. Una settimana dopo ero al provino, ho passato la prima selezione, poi un’altra e poi ho avuto il banco. Non ci credevo”.

Michelangelo e il suo pubblico: “Il rapporto col pubblico ora forzatamente lo curo con i social, mi scrivono, gli rispondo e la cosa mi piace. Vedo che la gente nota la semplicità che poi è quello che volevo far arrivare all’esterno dall’inizio. Non serve altro, quando sei vero arrivi al pubblico”.

Michelangelo e I colleghi: “Mi piace un sacco Mahmood, mi piacerebbe anche lavorare con lui. Sto ascoltando in loop ‘Andromeda’, il brano che ha scritto per Elodie”.

Michelangelo Vizzini, in arte Michelangelo, è un giovane artista di 20 anni nato ad Ostia (Roma) l’11 maggio 1999. Fin da bambino comincia a coltivare la sua grande passione per la musica: all’età di nove anni studia già pianoforte e inizia a prendere lezioni di canto. Nel 2015 è finalista Rai del Festival della Canzone di Castrocaro. Nel 2019 prende parte ad Amici di Maria de Filippi 19, dove ha modo di farsi conoscere fin da subito vincendo per cinque volte consecutive la sfida Tim, in quanto artista più votato della classe. Nonostante sembri timido e riservato, Michelangelo è in realtà un ragazzo estroverso e che fa della semplicità uno dei suoi punti di forza; è infatti molto apprezzato sui social network, soprattutto Tik Tok, dove è uno dei personaggi più ricercati dagli utenti. Il suo nuovo singolo “In due a lottare” disponibile sulle piattaforme digitali e in rotazione radiofonica dal 13 marzo.

 

PARTECIPA ALLA RACCOLTA FONDI

Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus FOURZINE.IT è con voi per continuare ad informarvi con precisione e leggerezza. Mentre leggi i nostri articoli puoi contribuire ad aiutare chi sta combattendo contro l’epidemia di Coronavirus.

Manda un SMS o chiama da numero fisso il numero solidale della Nazionale Italiana Cantanti: 45527, aggiungendo l’hashtag #iosuonodacasa. Il valore della donazione è di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulare personale WINDTRE, Tim, Vodafone, PosteMobile, Coop Voce e Tiscali.

Da rete fissa, sempre al numero 45527, è possibile donare 5 € o 10 € con Tim, Vodafone, WINDTRE, Fastweb e Tiscali, 5 euro con TWT, Convergenze, PosteMobile.

I fondi raccolti sono destinati ad aumentare i posti “unità posto letto rianimazione” (letto, respiratore, pompa, infusionali, monitor) disponibili per l’emergenza Coronavirus (COVID-19) dell’ospedale Niguarda di Milano.

E’ possibile donare anche attraverso bonifico bancario (Banca Fideuram), coordinate bancarie Iban IT 83 U032 9601 6010 0006 7281370 intestato a La Partita del Cuore Umanità senza Confini, con causale Terapia Intensiva Ospedale Niguarda.

Comments on Facebook

Comments are closed.