Mario Lavezzi, 50 di carriera nel libro “E la vita bussò..” “ma col Campusband penso anche ai talenti del futuro” – INTERVISTA

Eros Ramazzotti
Dopo il sold out a Buenos Aires Eros Ramazzotti torna in Brasile col suo tour – VIDEO
17 febbraio 2020
Il Triangolo
Il Triangolo presenta il nuovo disco “Faccio un cinema”: “ma assomiglia di più a una serie TV”- INTERVISTA
17 febbraio 2020

Mario Lavezzi, 50 di carriera nel libro “E la vita bussò..” “ma col Campusband penso anche ai talenti del futuro” – INTERVISTA

Mario Lavezzi

Sono passati più di 50 anni da quel lontano 1969 quando “Il primo giorno di primavera” raggiungeva il primo posto della Hit Parade. Il brano era il primo successo di Mario Lavezzi, mezzo secolo di carriera e non sentirlo, che da quel giorno di 50 anni fa di soddisfazioni nel mondo della musica se n’è tolte “Ho cominciato con i Trappers, in qualche modo sono stato un precursore, ma senza autotune” scherza il music maker che ha fatto, con le sue composizioni, le fortune di tantissimi artisti (Loredana Berté, Ornella Vanoni, Ramazzotti, Dalla e più di recente Alexia, Emma e Alessandra Amoroso).

Incontrato per la presentazione del concorso “Campusband Musica & Matematica 4”, il maestro si è lasciato andare in racconti ed aneddoti dei suoi primi 50 anni di carriera, festeggiati nel 2019 con il cofanetto E la vita bussò..“, con un tour nei teatri italiani ed ora con un libro pieno di aneddoti e di racconti di una musica e di un’Italia che non c’è più “c’era un fermento incredibile, una voglia di novità e di sperimentazione che travalicava i gusti e le tendenze. E poi c’era il muro, c’era un mondo diviso, tensioni sociali che facevano delle canzoni una valvola di sfogo. La tecnologia poi ha cambiato tutto“.

Tra una riflessione sul ruolo del producer oggi e qualche racconto inedito ecco come Mario Lavezzi racconta i suoi 50 anni in musica e ci presenta la quarta edizione del Campusband, il concorso musicale per gli studenti diventato un vero trampolino di lancio per tanti giovani musicisti.

 

Campusband 2020 – Aperte le iscrizioni

Campusband è di nuovo in ricerca degli studenti amanti della musica e apre ufficialmente le iscrizioni alla quarta edizione del concorso! Partecipare è semplice: basta inviare un inedito (depositato regolarmente presso la Siae) e una cover. Le selezioni sono aperte anche per gli iscritti alle scorse edizioni.

I concorrenti non dovranno avere più di 25 anni e devono frequentare l’università o scuole superiori di secondo grado. Riguardo i gruppi, almeno il 30% dei componenti deve essere composto da studenti.

Per partecipare basta inviare un brano inedito (depositato regolarmente presso SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori) e/o una cover entro e non oltre il 30 maggio 2020.

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.