A che punto sono le squadre di NBA per la stagione 2019-2020

Giochi e musica
Musica-videogiochi, dalle console alle slot machine: il connubio perfetto
30 gennaio 2020
Videogame
Videogame, il 2020 sarà l’anno dello streaming
20 febbraio 2020

A che punto sono le squadre di NBA per la stagione 2019-2020

NBA

Photo by Zach Beeker/NBAE via Getty Images

La stagione di basket NBA sta regalando fino a questo momento grandi emozioni, sia per quanto riguarda la NBA Eastern Conference, ma soprattutto per il cambio di guardia repentino che si è verificato per la Western Conference. In testa alla classifica troviamo infatti i Lakers, seguiti a stretto raggio da un terzetto composto da Nuggets, Clippers e Jazz.

La classifica attuale per la Western Conference di NBA

Più distanti ci sono poi Rockets, Mavericks e al settimo posto, con 32 vittorie e 12 sconfitte gli Oklahoma Thunder chiudono la griglia delle prime sette squadre, impegnate nella Western Conference. C’è poi da sottolineare l’impietosa stagione per i Golden State Warriors, che dopo il successo della passata stagione, occupano addirittura l’ultimo posto in classica, per quanto riguarda la stagione in corso. Nonostante il proprietario della squadra, Joe Lacob, stia correndo ai ripari per salvare il salvabile di una stagione disastrosa, ma ancora di più per tornare a fare la voce grossa durante la prossima stagione, che nel basket viene come sempre preparata con largo anticipo, per meglio programmare i cambi di modulo e di schema, al fine di tornare sui livelli soddisfacenti che hanno reso i Warriors una delle squadre più vincenti degli ultimi anni, con cinque titoli consecutivi, di cui quattro vittorie contro i Cleveland Cavaliers.

Cosa bisogna attendersi da questa ultima parte di stagione per il basket di NBA

Una stagione che vede protagonisti fino a questo momento i campioni dei Lakers, con ben 41 vittorie, a cui seguono poi i successi di Nuggets e Clippers; sul fronte degli Oklahoma Thunder è definitivamente sfumato l’accordo tra Danilo Gallinari e i Miami Heat, che nelle passate settimane sembrava poter passare alla squadra di Miami, ma l’accordo non si è concretizzato, nonostante sia stato per un po’ di tempo al centro di diverse e fondate voci di mercato. Del resto il cestista italiano ha fatto parlare di sé anche per via del monte ingaggi, visto che il discorso legato allo stipendio di Gallianari è stato per qualche tempo una delle notizie più cliccate per gli appassionati di basket NBA di questo inizio stagione. Bisogna però riportare la questione alla stagione di NBA tutt’ora in corso, che vede sul fronte orientale Bucks e Raptors in pole, mentre a quasi 10 lunghezze sono posizionati per il momento sia i Boston Celtics, sia i Miami Heat. Strano a dirsi, anche per quanto riguarda la classifica attuale della Eastern Conference troviamo una nobile decaduta, cioè i Cleveland Cavaliers, che tuttavia stanno tentando di risalire la china, dopo aver ottenuto la vittoria per 127 a 105 contro gli Atlanta Hawks, penultima squadra della EC di questa stagione. Per come sono messe le cose una finale tra il Mikwaukee Bucks e i Lakers sembra essere la più quotata, sia per quanto visto durante queste ultime partite, ma soprattutto dovendo fare un ragionamento rispetto a quanto è stato prodotto nell’arco dell’intera stagione, per quanto riguarda naturalmente questa regular season.

Comments on Facebook

Comments are closed.