#AspettandoSanremo2020 – Pinguini Tattici Nucleari, la quota indie al festival cantando le gesta di “Ringo Starr”

Ghali
Ghali, fuori oggi il video del nuovo singolo “Boogieman” Feat. Salmo
3 Febbraio 2020
Sanremo Start, il party di Radio Italia: quale la canzone più significativa del festival? – VIDEO
3 Febbraio 2020

#AspettandoSanremo2020 – Pinguini Tattici Nucleari, la quota indie al festival cantando le gesta di “Ringo Starr”

Pinguini Tattici Nucleari

Chiamatela quota indie, chiamatela quota cazzona, chiamateli “quelli che cercano di fare come Lo Stato Sociale” insomma fate come volete, ma i Pinguini Tattici Nucleari a Sanremo 2020 ci stanno con tutti i meriti.

I cinque bergamaschi cresciuti tra chitarre e gavetta sono balzati agli onori delle cronache con il loro terzo disco “Gioventù Brucata” (2017), nella cui tracklist c’erano pezzi ormai evergreen del repertorio come “Irene” (contestata financo dal duo Red Ronnie e Matteo Salvini) e “Sciare“, si sono poi confermati l’anno scorso con il gradevole “Fuori dall’Hype“, album trainato dal singolo “Verdura” che ha conquistato anche l’airplay radiofonico. Forti del successo fin qui ottenuto (anche e soprattutto ai live) i Pinguini sbarcano sul palco dell’Ariston tra curiosità e mugugni, ma fidatevi di noi, quel palco se lo meritano tutto, specie per la qualità del brano presentato, un inno ai perdenti: “Ringo Starr“.

Interamente scritto e composto dal frontman Riccardo Zanotti, “Ringo Starr” è un mix di pop, rock e funky impreziosito da un arrangiamento orchestrale con ottoni e archi a farla da padrone. Tra le citazioni beatlesiane la band si fa portavoce della loro generazione prendendo il famoso batterista dei Fab Four come metafora esistenziale. Pinguini Tattici Nucleari

Se con l’inedito puntano sul gradevole, per la serata delle cover l’animo cazzone prevale: i cinque presenteranno infatti “I’m going slightly medley“: non una canzone, non un duetto, bensì un medley con 8 canzoni, per omaggiare i 70 anni della kermesse canora. Si parte dagli anni 50 con PAPAVERI E PAPERE di Nilla Pizzi, per poi passare all’indimenticabile NESSUNO MI PUO’ GIUDICARE (Caterina Caselli, anni 60); è poi la volta di GIANNA (Rino Gaetano, anni 70), SARÀ PERCHÈ TI AMO (Ricchi e Poveri, anni 80), UNA MUSICA PUÒ FARE (Max Gazzè, anni 90), SALIRÒ (Daniele Silvestri, anni 00) e SONO SOLO PAROLE (Noemi, anni 10), per terminare con ROLLS ROYCE, hit di Achille Lauro della scorsa edizione del Festival.

Durante il festival inoltre i PTL usciranno con il repack del loro precedente disco, FUORI DALL’HYPE RINGO STARR (Sony Music), fuori il 7 Febbraio, che accompagnerà la loro partecipazione alla 70esima edizione del Festival di Sanremo. Oltre alle 10 tracce di Fuori dall’hype, l’album uscito per Sony Music il 5 aprile 2019, il disco conterrà le nuove versioni di Irene e di Cancelleria, riarrangiate e rimasterizzate, e tre brani totalmente inediti: Ringo Starr, Bergamo e Ridere, scritti successivamente all’uscita dell’ultimo disco.

Pinguini Tattici Nucleari a Sanremo 2020 – La scheda

Nome: Pinguini Tattici Nucleari

Album in studio: 4 (l’ultimo “Fuori dall’Hype”, 2019)

Presenze a Sanremo: 0

Frase tratta da uno dei suoi brani: “Siamo la fine del mondo di domenica mattina / Siamo una cena a lume di candela fra due taniche di benzina” (da “Verdura”, 2019)

Quota bookmakers: 15,00

Brano con cui è in gara a Sanremo 2020: “Ringo Starr

Pinguini tattici nucleari – Ringo Starr

di R. Zanotti
Ed. BMG Rights Management (Italy)/Tuttomoltobenegrazie Milano – Padova

A volte penso che a quelli come me il mondo non abbia mai voluto bene
Il cerchio della vita impone che per un re leone vivano almeno tre iene
Gli amici ormai si sposano alla mia età ed io mi incazzo se non indovino all’eredità
Forse dovrei partire, andarmene via di qua, e cambiare la mia vita in toto tipo andando in Africa
Ma questa sera ho solo voglia di ballare, di perdere la testa e non pensare più
Che la mia vita non è niente di speciale e forse alla fine c’hai ragione tu
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
Uooh oooh
Tu eri Robin poi hai trovato me, pensavi che fossi il tuo Batman ma ero solo il tuo Ted eh eh
E quando dico che spero che trovi un ragazzo migliore di me fingo,
Che i migliori alla fine se ne vanno sempre e che cosa rimane? Ringo.
Ma questa sera ho solo voglia di ballare, di perdere la testa e non pensare più
Che la mia vita non è niente di speciale e forse alla fine c’hai ragione tu
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
Uooh oooh
Ringo, Ringo, Ringo, Ringo
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr
Ma questa sera ho solo voglia di ballare, di perdere la testa e non pensare più
Che la mia vita non è niente di speciale e forse alla fine c’hai ragione tu
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr (Ringo)
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr (Ringo)
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr (Ringo)
Uooh oooh

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.