#AspettandoSanremo2020 – Raphael Gualazzi al Festival con la gioia esotica di “Carioca”

Gulino
Gulino, dopo i Marta sui Tubi una carriera da solista anticipata da “Un grammo di cielo”
24 gennaio 2020
ALEX BRITTI e SALMO
Alex Britti torna con il nuovo singolo “Brittish” prodotto da Salmo & DjGengis
24 gennaio 2020

#AspettandoSanremo2020 – Raphael Gualazzi al Festival con la gioia esotica di “Carioca”

Raphael Gualazzi

Raphael Gualazzi partecipa al Festival di Sanremo 2020 con il brano “Carioca” e torna sul palco dell’Ariston dopo aver vinto la categoria Giovani nel 2011 con “Follia d’amore” e aver partecipato alle edizioni 2013 e 2014.

Pesarese, figlio d’arte – il padre Velio ha fondato con Ivan Graziani gli Anonima Sound – pianista e compositore, ha iniziato a studiare pianoforte e avvicinarsi alla musica jazz, blues e fusion. Nel 2005 pubblica l’album d’esordio “Love Outside the Window” e ottiene un certo successo, partecipando a vari festival jazz. Nel 2008 esce in Francia la raccolta “Piano Jazz”, che include il brano di Gualazzi “Georgia on My Mind”, oltre a composizioni di artisti come Norah Jones, Diana Krall, Art Tatum, Ray Charles, Jamie Cullum, Michel Petrucciani, Chick Corea, Thelonious Monk, Dave Brubeck, Nina Simone e Duke Ellington. raphael gualazzi

Dopo altre esperienze internazionali, nel 2009 Gualazzi incontra Caterina Caselli e firma un contratto discografico con la Sugar Music. Si fa conoscere dal grande pubblico grazie alla cover di “Don’t Stop”, il successo dei Fleetwood Mac e prosegue a fare concerti in Francia e negli Stati Uniti. Dopo Sanremo 2011 esce il secondo album in studio “Reality and Fantasy” e Raphael Gualazzi rappresenta l’Italia all’Eurovision Song Contest. Partecipa al Festival di Sanremo 2013 con i brani “Senza ritegno” e “Sai (ci basta un sogno)”, quest’ultima prosegue nella gara e conclude al quinto posto. Il 14 febbraio esce il terzo album, “Happy Mistake”. L’anno successivo torna sul palco dell’Ariston insieme a The Bloody Beetroots, con i brani “Tanto ci sei” e “Liberi o no” che viene scelto e termina come secondo classificato. Nel luglio 2016 esce, dopo due anni di assenza dalle scene, il singolo “L’estate di John Wayne”, contenuto nell’album “Love Life Peace” e pubblicato a settembre. Il 26 agosto 2017 è maestro concertatore della serata finale della Notte della Taranta.

Carioca” è un’irresistibile connubio tra atmosfere urban e esotiche. La canzone, nata dalla collaborazione con il producer Dade e l’autore Davide Petrella, si snoda tra ritmi e sonorità estremamente coinvolgenti. In primo piano il pianoforte che propone una personale declinazione del tipico accompagnamento pianistico cubano ‘montuno’. Il testo scritto da Gualazzi con Petrella completa il disegno esotico che appartiene al brano. Il ballo, la musica e il ritmo festoso sono il più gradevole rifugio per un cuore spezzato, tanto che a volte basta un ‘sogno carioca’, inno al valore del ‘qui ed ora’, per capire che la vita è meravigliosa. Intrecci ritmici e visivi trascinanti fanno da tappeto a un brano volto al divertimento che sottolinea ancora una volta l’eclettismo e la forza compositiva di Raphael.

Raphael Gualazzi a Sanremo 2020 – La scheda

Nome: Rapahel Gualazzi

Album Pubblicati: 4 (ultimo, “Love Life Peace”, 2017)

Presenze a Sanremo: 3

Frase: “Quello che resta da dire, lo diremo domattina. Stasera ho voglia di cantare, di gridare, di ballare in riva al mare” (“L’estate di John Wayne”, 2017)

Quota bookmakers: 18

Raphael Gualazzi – Carioca | Testo

di R. Gualazzi – D. Petrella – R. Gualazzi – D. Pavanello
Ed. Sugarmusic/Universal Music Publishing Ricordi/
Metatron Publishing – Milano – Torino

L’ultimo bacio è un apostrofo
Che mi hai lasciato
Non ci sei più e sono in un angolo
Tirando il fiato
Io che con te ho sorriso e pianto
Fino a non vedere
La nostra storia è stata un salto
E io non so cadere
Vedo
Nel buio
Luci
Di un locale a due passi da me
Nel fumo
Una voce
Mi sospira dai balla con me
Occhi scuri
E pelle carioca
Carioca
Ma chi l’avrebbe detto
Sento solo la musica
Forse sei il diavolo
Ma sembri magica
Quanto tempo ho perso
La vita quasi mi supera
Resto qui adesso
Che si spegne la città
Bastava un sogno carioca
Puoi cancellare ogni momento
In una volta sola
Meglio spazzati via dal vento
Che ogni tua parola
Ora
Vedo
Nel buio
Il tuo viso a due passi da me
Non hai
Scuse
Per tenermi lontano da te
Occhi scuri
E pelle carioca
Carioca
Che io sia maledetto
Dai non fare la stupida
Fammi un sorriso
Che la noche se ne va
Ma chi l’avrebbe detto
Sento solo la musica
Forse sei il diavolo
Ma sembri magica
Quanto tempo ho perso
La vita quasi mi supera
Resto qui adesso
Che si spegne la città
Bastava un sogno carioca
Non me ne importa di quel che pensi
Non me ne importa di quel che senti
Non mi ricordo neanche chi sei tu
Voglio sorridere dei miei sbagli
Voglio rivivere sogni immensi
Voglio una vita che non finisce più
Ma chi l’avrebbe detto (Non me ne importa di quel che pensi)
Sento solo la musica (Non me ne importa di quel che senti)
Carioca (Non mi ricordo neanche chi sei tu)
Carioca
Ma chi l’avrebbe detto (Voglio sorridere dei miei sbagli)
Sento solo la musica (Voglio rivivere sogni immensi)
Carioca (Voglio una vita che non finisce più)
Carioca
Carioca

Comments on Facebook

Comments are closed.