Polemiche, big nascosti ed esclusioni politiche: bentornato Festivàl di Sanremo!

Claudio Baglioni
“Gli anni più belli”, il nuovo inedito di Claudio Baglioni fuori oggi in radio e digitale
3 Gennaio 2020
Modà
“Testa o croce” è il nuovo singolo dei Modà. Online anche il video
7 Gennaio 2020

Polemiche, big nascosti ed esclusioni politiche: bentornato Festivàl di Sanremo!

Amadeus

Tanto tuonò che piovve. Dopo mesi di bluff, rilanci e puntate al buio è tempo per Amadeus di gettare le carte in tavola e presentare il suo Festival di Sanremo, nella speranza che il punto nelle sue mani basti per vincere il jackpot e portarsi a casa questa edizione numero 70 della kermesse più amata degli italiani.

Un edizione difficile, funestata come di consuetudine da una enorme sequela di polemiche come solo un film di Checco Zalone saprebbe generare: prima le critiche sulla scelta del conduttore, poi sui compensi, poi sui big ed infine sugli ospiti e sulle co-conduttrici: insomma, niente di nuovo. Perché Sanremo è da sempre sinonimo di infinite polemiche, prima durante e dopo la manifestazione.

Quest’anno una grande mano nell’alimentare il vespaio di polemiche l’ha sicuramente la Rai che, almeno da quello che si percepisce da fuori, non ha avvicinato al meglio la manifestazione, persa tra disorganizzazione, difficoltà comunicative e un cambio di governo che a viale Mazzini crea sempre un po’ di disorientamento. Fatto sta che oggi, che dovrebbe essere la giornata in cui annunciare i nomi dei 22 big di Sanremo 2020 (avvenimento che aveva sempre generato audience e interazioni social negli ultimi anni) noi tutti già conosciamo questi nomi, e cosa più incredibile li conosciamo per uno spettacolare autospoiler del conduttore sulle colonne di Repubblica. Conosciamo anche buona parte degli ospiti (Lewis Capaldi, Tiziano Ferro in tutte e cinque le serate, Fiorello, Roberto Benigni, Albano e Romina, Salmo e Jovanotti), sappiamo che ogni serata Amadeus sarà affiancato da due co-conduttrici (anche se non conosciamo ancora i loro nomi: sicuro ci sarà Antonella Clerici, di sicuro non ci sarà Rula Jebreal), e conosciamo pure il regolamento, la successione delle serate e i dettagli sul dopo festival, o meglio l’AltroFestival, condotto da Nicola Savino su RaiPlay. Sanremo 2020

Quello che ancora non conosciamo sono le canzoni, quelle che dovrebbero essere le vere e uniche protagoniste della kermesse, e soprattutto quante saranno: le indiscrezioni che vorrebbero a 24 i brani in gara, con due super sorprese (un super big e un giovane) da annunciare stasera nella puntata speciale dei I Soliti Ignoti sono sempre più forti, e i sospetti portano a nomi come Samuele Bersani e i The Kolors (presenti nella famosa lista di Chi, quella che secondo la vulgata ha fatto infuriare Amadeus spingendolo ad annunciare anzitempo la lista ufficiale), Ghali se non addirittura Massimo Ranieri (che potrebbe però essere presente come ospite).

Sanremo 2020 – I Big

Questi i 22 big finora annunciati da Amadeus, rigorosamente in ordine alfabetico

Achille Lauro
Alberto Urso
Anastasio
Diodato
Elettra Lamborghini
Elodie
Enrico Nigiotti
Francesco Gabbani
Giordana Angi
Irene Grandi
Junior Cally
Le Vibrazioni
Levante
Marco Masini
Michele Zarrillo
Morgan con Bugo
Paolo Jannacci
Piero Pelù
Pinguini Tattici Nucleari
Rancore
Raphael Gualazzi
Riki

Tanti gli esordi sul palco del Festivàl, ben 10: prima volta infatti per il vincitore di amici Alberto Urso e per quello di X Factor Anastasio,  per Elettra Lamborghini, Junior Cally, Levante, Bugo, Paolo Jannacci, Piero Pelù, i Pinguini Tattici Nucleari e Riki. Rancore e Giordana Angi, pur essendo per la prima volta tra i big, esordirono sul palco rispettivamente l’anno scorso (insieme a Daniele Silvestri ma non accreditato il primo, nella categoria dei giovani nominata “Sanremosocial” la seconda). Francesco Gabbani e Marco Masini sono gli unici due big presenti nell’albo d’oro del festival (avendo vinto nel 2017 e nel 2004) mentre Gualazzi, Zarrillo sono presenti in quello della categoria giovani (curiosamente insieme a Gabbani e Masini).

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.