Al Monk Max Collini legge l’indie italiano con Clavdio e Bebo de Lo Stato Sociale

Premio Fabrizio De André
Annunciati i finalisti del XVIII Premio Fabrizio De André. Niccolò Fabi e Ex-Otago ospiti della finale a Roma
18 Dicembre 2019
Brunori Sas
Non un semplice firmacopie: Brunori Sas incontra i fan in “Parla con Dario”
18 Dicembre 2019

Al Monk Max Collini legge l’indie italiano con Clavdio e Bebo de Lo Stato Sociale

Max Collini

fotografia di Guido Mencari

Dopo alcune date di riscaldamento ed una apparizione a Propaganda su La7, arriva giovedì 19 dicembre al Monk di Roma il tour dove Max Collini, voce narrante e l’autore dei testi degli Offlaga Disco Pax, interpreta i testi dell’indie italiano degli anni Dieci.

Per l’occasione Max avrà come ospiti Clavdio, il cantautore romano rivelatosi con l’album “Togliatti boulevard” uscito per Bomba Dischi, e Bebo de Lo Stato Sociale, che lo accompagneranno in questo excursus particolare sulla musica italiana dell’ultimo decennio.

Appassionato di musica indipendente prima ancora di diventare uno che la scena degli anni zero se l’è poi mangiata a pranzo e cena con i suoi Offlaga Disco Pax, Max Collini recita, legge, racconta testi, modi, tempi, metodi e linguaggio di ciò che amate chiamare indie e come sia cambiato nel corso di questo decennio. Come alcuni gruppi considerassero il loro punto di arrivo riempire il piccolo Covo club di Bologna per poi ritrovarsi a mandare “completamente sold out” il Forum di Assago e altri luoghi prima frequentati solo per vedere le partite di basket. Cosa abbia reso possibile il fatto che il principe dell’indipendenza (sua maestà Manuel Agnelli) sia finito a fare il giudice a XFactor e un figliuol prodigo di quella storia (Lodo Guenzi) invece pure. In mezzo Calcutta, Coez, Coma Cose, i Cani, Gazzelle, Lo Stato Sociale, Achille Lauro, Young Signorino e chi più ne ha più ne metta. Il nuovo pop, il vecchio cantautorato, la trap romagnola, le parole, i testi, le note, ma anche lo sconforto, l’invidia, l’ironia e, a tratti, l’ammirazione. Per chi ce l’ha fatta, per chi vorrebbe farcela e per chi non ce la farà mai.

Comments on Facebook

Comments are closed.