Antonello Venditti propheta in patria: quinto sold out in un anno al Palazzetto dello sport di Roma

Iosonouncane
Iosonouncane torna con “Ira”, il nuovo album presentato live con sette appuntamenti in anteprima. Le date
16 dicembre 2019
Enrico Nigiotti
Enrico Nigiotti torna live nel 2020 con un nuovo tour teatrale. Tutte le date
16 dicembre 2019

Antonello Venditti propheta in patria: quinto sold out in un anno al Palazzetto dello sport di Roma

Antonello Venditti

Inarrestabile Antonello Venditti a Roma. L’artista torna per la quinta volta in un anno nella Capitale e registra l’ennesimo sold out dopo aver trionfato sia nei palazzetti che nelle location estive di tutta Italia (le ultime tappe previste toccheranno Livorno, Jesolo e Londra, dove la tournée si concluderà a marzo 2020 con l’unica eccezionale data europea).

Un legame fortissimo quello che unisce l’artista alla sua città, che anche questa volta risponde alla sua chiamata riempiendo il Palazzo dello Sport in ogni ordine di posto. Un tour pensato e voluto dallo stesso Venditti come una celebrazione festosa dedicata a tutte le generazioni di ascoltatori accolte dall’artista con parole piene di emozione: “Benvenuti! ‘Benvenuti’ è poco. Ho pensato molto e sognato molto questo evento, ed è più bello di quello che potessi immaginare”.

In scaletta la celebrazione di un album, Sotto il segno dei Pesci, che nel 1978, anno della sua pubblicazione, ebbe un forte impatto sul Paese, sia a livello musicale che culturale. Tra tematiche sociali mai affrontate prima in maniera così esplicita in una canzone (come in Sara, o Giulia), brani dagli arrangiamenti modernissimi e rivoluzionari (come Sotto il segno dei Pesci, che ancora oggi è un’inesauribile fonte di ispirazione per i nuovi cantautori it-pop) e tracce che sono una preziosa testimonianza della scena musicale anni ’70 (come Francesco, dedicata all’amico Francesco De Gregori), l’album riuscì a farsi strada nel cuore e nell’immaginario italiano.

Antonello Venditti, accompagnato dalla sua band storica, riporterà sul palco un disco che ha segnato per sempre il corso della musica italiana, oltre alle canzoni più amate del suo repertorio, come Giulio Cesare, Ci vorrebbe un amico, Roma Capoccia, Notte prima degli esami, Amici mai, Grazie Roma, Benvenuti in paradiso e tante altre, riuscendo a riunire generazioni diverse e apparentemente lontanissime, sotto la stessa costellazione.

Comments on Facebook

Comments are closed.