Road to Sanremo Giovani – Chi è Leo Gassmann il cantautore/surfista che da X Factor tenta di cavalcare l’onda con “Vai bene così”

Niccolò Fabi, performance magica nel concerto di Milano per il “Tradizione e Tradimento Tour”
3 dicembre 2019
Annalisa
Online il video di “Vento sulla luna”, il nuovo singolo di Annalisa feat. Rkomi
3 dicembre 2019

Road to Sanremo Giovani – Chi è Leo Gassmann il cantautore/surfista che da X Factor tenta di cavalcare l’onda con “Vai bene così”

Riportiamo indietro il calendario, tornando al 5 dicembre 2018. Poco prima della mezzanotte Alessandro Cattelan, dal palco dell’allora X Factor Arena, salutava Leo Gassmann finito al ballottaggio con Luna Melis precludendogli l’accesso alla finale del talent show. È passato un anno. Oggi il rampollo di casa Gassmann ha 20 anni, negli ultimi mesi ha sfornato due singoli, scritto nuova musica, si è dedicato (e continua a farlo) al lavoro sul suo primo album e nel tempo libero ha coltivato la sua seconda passione, il surf, sentendosi ora pronto a cavalcare una nuova onda: il Festival di Sanremo.

A un anno di distanza lo ritroviamo nuovamente a un passo dall’obiettivo. Nel 2018 non era riuscito a raggiungere la finalissima di XF, dodici mesi dopo è tra i primi 5 finalisti di Sanremo Giovani 2019 con il brano “Vai bene così” ma il biglietto per l’Ariston non è ancora stampato, c’è un ultimo scoglio da superare: la serata del 19 dicembre che decreterà definitivamente la rosa di 8 artisti che saranno in gara al festivàl nella sezione Nuove Proposte. Non è Sanremo senza la ballad strazzamutande di rito, la canzone di impegno sociale, il pezzo leggero dal testo sorvolabile che porti un po’ di vivacità tra le cariatidi sedute in platea, il brano poetico di cui nessuno capisce il senso ma piace perché usa paroloni e va per immagini oniriche. Leo Gassman

E poi c’è il “Gass” che invece è andato a coprire una delle categorie meno gettonate: la canzone sanremese “motivazionale”. “L’ho scritta in un momento in cui avevo bisogno di sentirmi dire quelle parole” abbiamo sentito dire al cantautore intervistato dai microfoni di mamma Rai. Il suo singolo “Vai bene così” è un brano semplice che incita a non mollare, a non sentirsi gli ultimi degli sfigati solo perché qualche colpo non è andato a segno, a non essere troppo duri con se stessi perché, nonostante gli errori e i passi falsi: “vai bene così”. Sei giusto come sei. Una canzone dedicata a se stesso e a quanti si sentono alle prese con una corsa irta d’ostacoli verso un sogno ancora non del tutto raggiunto e che alle volte sembra sfuggire di mano proprio ad un soffio dal traguardo.

Per Leo Gassmann nutriamo una certa simpatia, non lo nascondiamo. Ci siamo affezionati al suo modo di essere, alla sua umiltà nonostante il cognome “pesante” che si ritrova a portare, al suo sembrare un ragazzo d’altri tempi appena uscito dal Beverly High, un novello Brandon Walsh insomma. Con tanto di jeans sformati, camicione di velluto, riflessioni da uomo di mezza età nonostante appena 20 anni sul documento. “Vai bene così” ne è la riprova. Suona strano che un ragazzo così giovane canti già di cadute da cui rialzarsi. Eppure Leo Gassmann e il suo vocione profondo lo fanno sembrare credibile e un brano su misura di un ventenne. Ha lavorato sull’interpretazione e si sente, alleggerendola un po’ da quella “teatralità” che spesso durante XF gli era stata fatta presente come difetto delle sue performance. Si sente il tentativo di appropriarsi di un sound più anglofono, si avverte chiaro che dopo aver lasciato il talent di Sky Leo ha continuato a sudare per costruirsi un’identità musicale più definita. E il brano con cui tenta la carta Sanremo, nonostante non ci abbia spettinati, accompagnato dall’orchestra potrebbe assumere quell’incisività che ancora un pizzichino ci manca.

Un artista è un bambino che non vuole mollare” canta in “Vai bene così” citando un po’ Picasso. Resta “bambino”, Leo. Continua a mantenere quello spirito, a non cedere al disincanto dell’età matura e a emozionarti coltivando il tuo sogno. Comunque vada, a noi piaci così, per noi “vai bene così”.

Sanremo Giovani 2019 – Leo Gassman | Scheda tecnica

Nome: Leo Gassmann

Brano con cui tenta Sanremo: “Vai bene così”

Album all’attivo: zero ma il primo è in cantiere

Forse lo ricordate per: la sua partecipazione a X Factor 2018 (arrivò sino alla semifinale)

Punti di forza del brano: cantautoralità alla Brunori Sas e Maldestro ma in versione più easy a misura di un ventenne

 

Leo Gassmann – Vai bene così | Testo

Solo tu sai quanto fa male sentirsi
l’ultimo in una finale di artisti
crollare così tante volte
per poi svegliarsi di notte
svegliarsi in un mare di lacrime
abitato dalle peggiori delle anime
che ti ricordano quante volte
ti sei già svegliato

Ma tu sei così
e non ti devi arrabbiare
per ciò che non sai fare
per ciò che non sai dare
perché per me tu
lo sai
vai bene così

Perché sei fatto così
dici sempre di sì
non accetti l’errore
ti rovini l’umore
sono qui per ricordarti
che gli errori sono altri

Solo tu sai quanto fa male arrivare
così in alto per poi scivolare
crollare così tante volte per poi
svegliarsi di notte
svegliarsi per le mille domande
alle quali risposta non hai
che portano solo più in basso
ogni tuo singolo passo

Ma tu sei così
e non ti devi arrabbiare
per ciò che non sai fare
per ciò che non sai dare
perché per me tu
lo sai
vai bene così

Perché sei fatto così
dici sempre di sì
non accetti l’errore
ti rovini l’umore
sono qui per ricordarti
che gli errori sono altri

Che la vita è là fuori
non è sempre a colori
ma una cosa è certa
non le importa dei tuoi errori
e crollare fa male
ma ritorna a sognare
che un artista è un bambino
che non vuole mollare
non bisogna affogare
in ciò che non sai fare
che vai bene così

Perché sei fatto così
dici sempre di sì
non accetti l’errore
ti rovini l’umore
ma sono qui per ricordarti
che gli errori sono altri

Che la vita è là fuori
non è sempre a colori
ma una cosa è certa
non le importa dei tuoi errori

Comments on Facebook

Comments are closed.