Fuori oggi “Trilogy”, il nuovo album d’inediti di Arturo Stàlteri

Perché Milano diventi una città della Musica, nel rispetto delle esigenze e dei diritti di tutti. La sintesi dell’incontro
29 novembre 2019
Mahmood 2020
Mahmood 2020, il nuovo tour che parte da Milano per arrivare nei palchi di tutta Europa
29 novembre 2019

Fuori oggi “Trilogy”, il nuovo album d’inediti di Arturo Stàlteri

Arturo Stàlteri

Esce oggi venerdì 29 novembre “Trilogy” (etichetta Felmay), il nuovo album d’inediti di Arturo Stàlteri, tra i pianisti contemporanei più conosciuti e apprezzati in Europa, nonché storica voce di Rai Radio 3. A quasi due anni da “Low & Loud”, il musicista in quest’opera si è ispirato al numero tre, nei suoi numerosi significati: 11 brani in cui è assoluto protagonista con il suo pianoforte fatta eccezione per la partecipazione di Laura Pierazzuoli al violoncello e Federica Torbidoni al flauto in alcuni pezzi.

“Trilogy” è anche un omaggio a Keith Emerson, del quale reinterpreta il brano omonimo, in una lettura per due pianoforti.

Il disco contiene un tributo a Napoli, il Trittico Napoletano: “Ci sono tre brani, uno ispirato a Domenico Scarlatti, uno al Vesuvio (da un’idea di Gianni Colini Baldeschi) e uno a Tony Esposito, del quale riarrangio “Rosso Napoletano”, in una versione per pianoforte, flauto e knotdrum”, spiega Stàlteri.

Un’altra trilogia è quella dei “Trois Morceaux en forme de Pomme”, con il pensiero ai “Trois Morceaux en forme de Poire” di Erik Satie (nessun riferimento musicale, ma solo letterario): “Nei Trois Morceaux – continua il pianista – oltre a due brani in cui intervengono rispettivamente il violoncello e il flauto, c’è anche un omaggio alle figure di Brian Jones dei Rolling Stones, e di Anita Pallenberg, che fu sua musa e ispiratrice, prima di lasciarlo per Keith Richards (altra pietra rotolante)”.

Nel cd, inoltre, è presente un rarefatto brano dal titolo “Three Pianos” (tre pianoforti, di cui due a volte “trattati”) e l’immancabile tributo a J. R. R. Tolkien e alla sua trilogia “Il Signore degli Anelli”, con “Tre Anelli ai Re degli Elfi” per pianoforte e violoncello (versi tratti dal “Poema dell’Anello”).

C’è anche una composizione ispirata al celebre ‘Trittico del Giardino delle Delizie’ – spiega il pianista – del pittore fiammingo del ‘500 Hieronymus Bosch, e una pagina pianistica suggerita dalle immagini delle tre principali divinità babilonesi: Anu, Enlil, Ea”.

Una nota di accompagnamento al progetto di “Trilogy” è firmata da Guido M. Landucci. La produzione artistica dell’opera è curata da Arturo Stàlteri, la produzione esecutiva da Renzo Pognant Gros per Felmay. Le uscite in digitale sono in pre-release su iTunes dal 22 novembre, release sugli shops digitali dal 29.

A breve partirà l’instore tour di Stàlteri in giro per le Feltrinelli di tutta Italia.

Comments on Facebook

Comments are closed.