Road to Sanremo Giovani – Chi è Fasma, il trapper – cantautore in finale con “Per sentirmi vivo”

Max Pezzali
“San Siro canta Max”, l’imperdibile concerto di Max Pezzali a Milano (spoilerato da Fiorello)
27 novembre 2019
Coez
Coez emoziona il Forum con il suo “È sempre bello in tour” – REPORTAGE
27 novembre 2019

Road to Sanremo Giovani – Chi è Fasma, il trapper – cantautore in finale con “Per sentirmi vivo”

Fasma

Tra i finalisti di Sanremo Giovani 2019 ci sarà anche il giovane Fasma, rapper o meglio trapper romano classe 96, che nella sfida più incerta delle semifinali ha battuto la favorita d’obbligo, la hitmaker Federica Abbate.

Il brano dell’autrice di gran parte dei tormentoni radiofonici degli ultimi anni non era certo un capolavoro ma Federica meritava decisamente un posto al festival di Sanremo, finanche nei big vista la sua collezione di dischi d’oro e di platino che tiene in casa. Come lo merita Fasma d’altronde, che con un brano più che orecchiabile (secondo noi addirittura il migliore dei primi dieci semifinalisti) centra il grande obiettivo della finale, diventando per forza di cose uno dei favoriti per la conquista di un posto tra le Nuove Proposte di Sanremo 2020.

Romano e poco più che ventenne, Fasma non è un parvenu nel mondo discografico italiano, anzi. Il suo esordio sul tubo (anno domini 2017) con il singolo “Marylin M.” è stato talmente fragoroso che il video macina ancora oggi visualizzazioni a gogò (arrivando a 10 milioni e rotti) e nella sua seppur breve carriera può già annoverare una partecipazione al Wind Summer Festival nel 2018, un Ep (“WFK.1“) e un album per Sony Music Italia, “Moriresti per vivere con me?“, forse il primo tentativo di portare l’emo trap statunitense nel belpaese. 

Cresciuto a pane e XXXTentacion, Fasma anche a Sanremo prosegue con le sue sonorità cupe, quasi gotiche, con il suo autotune usato con una maestria da veterano (chiedere a Boss Doms che l’anno scorso all’Ariston stava impazzendo) che si interfaccia perfettamente con una struttura abbastanza tradizionale a livello di forma canzone. Se ci aggiungiamo un testo non troppo ambizioso ma comunque interessante e un ritornello decisamente radiofonico ecco che forse abbiamo trovato la ricetta giusta per trionfare a Sanremo Giovani 2019.

Riascolteremo dal vivo Fasma e la sua “Per sentirmi vivo” il prossimo 19 dicembre in prima serata su Rai1. Intanto, riassumiamo il profilo della papabile Nuova Proposta sanremese nella sua scheda.

Fasma – Scheda Tecnica

Nome: Fasma (Tiberio Fazioli)

Brano con cui tenta Sanremo 2020: “Per sentirmi vivo”

Album all’attivo: 1 (“Moriresti per vivere con me?”, 2018) + 1 Ep (“WFK.1”, 2017)

Forse lo ricordate per: la sua “Marylin M.” che conta più di 10 milioni di visualizzazioni su Youtube

Punti di forza del brano: moderno nelle melodie ma tradizionale nella struttura

Fasma – Per sentirmi vivo | Testo

Non ti voglio più scrivere
dirti come vivere
per non farti piangere
ho fatto l’impossibile
pensi non sia fragile
pensi sia incredibile
perché non scendon lacrime
quando scendono a te

Ma a te sembra facile
dirti che sto bene
quando tutto non va
ed è brutto stare insieme
perché so ciò che era
e il ricordo mi fa male
del rapporto che c’era
prima di questa canzone io e te

Cosa siamo diventati io e te
sono quello che odiavi di me
baby perché non mi ami
amore sbatti le ali
e vola via da me
via da me, via da te
via da questa città
via da noi, via da te
e domani chissà

Questa fama, questa luce
questa notorietà
non mi basterà, non mi servirà
e se dentro muoio lento
sai che fuori sorrido
io ti ho persa dentro il letto
per tenerti vicino
io ti ho visto per la strada
e sai che ti voglio in giro
e se adesso non mi molli
è perché in testa ho un casino
E per questo ti scrivo
oggi non mi parli perché infondo ti uccido
perché infondo mi uccidi
perché infondo mi uccidi
siamo uguali opposti con i cuori divisi
oggi dove sei non lo so
ieri eri tutto ciò che avevo io
oggi chi sei non lo so
abbiamo detto basta senza dirci addio

Ma a te sembra facile
dirti che sto bene
quando tutto non va
ed è brutto stare insieme
perché so ciò che era
e il ricordo mi fa male
del rapporto che c’era
prima di questa canzone io e te

Cosa siamo diventati io e te
sono quello che odiavi di me
baby perché non mi ami
amore sbatti le ali
e vola via da me
via da me, via da te
via da questa città
via da noi, via da te
e domani chissà

Questa fama, questa luce
questa notorietà
non mi basterà, non mi servirà
e se dentro muoio lento
sai che fuori sorrido
io ti ho persa dentro al letto
per tenerti vicino
io ti ho visto per la strada
e sai che ti voglio in giro
e se adesso non mi molli
è perché in testa ho un casino

Io ti ho nella testa
tu mi hai detto resta
e vola via ma fallo con me
io ti ho detto basta
dai ti prego scappa
ma fallo lontano da me

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.