Il folk degli Of Monsters And Men incanta Milano – REPORTAGE

Luciano Ligabue
70.000 biglietti già venduti per l’evento di Luciano Ligabue a Campovolo “30 anni in un giorno”
20 novembre 2019
Andrea Bocelli
Andrea Bocelli in nominations ai Grammy Awards nella categoria “Best Traditional Pop Vocal Album”
20 novembre 2019

Il folk degli Of Monsters And Men incanta Milano – REPORTAGE

Of Monster And Men

Gli Of Monsters and Men sono tornati in Italia per la prima volta dalla pubblicazione del loro ultimo disco, Fever Dream, e lo hanno fatto giorno 19 Novembre nella cornice del Fabrique di Milano, palco presso cui approdano la maggior parte dei musicisti alternative internazionali nel capoluogo lombardo. Quest’ultimo frammento di discografia vede il gruppo esplorare territori nuovi, a volte decisamente lontani da quelli già battuti in passato, come la dance e il rock più puro.

Essendo questo tour un incontro tra il primo e l’ultimo album della band, con l’aggiunta di tre soli pezzi tratti dal secondo capitolo della loro avventura musicale, quello che viene fuori è uno spettacolo caleidoscopico di atmosfere sonore e generi, accomunati tutti dall’inconfondibile impronta stilistica del gruppo. Dal folk puro di pezzi come Dirty Paws si passa alle note più rock di brani come Alligator, che ha aperto la serata con ritmo, passando per momenti estremamente intimi come Waiting for the Snow e Ròròrò, interpretati con solennità e candore da Nanna Bryndís Hilmarsdóttir, soave voce femminile del gruppo, capace di donare ai pezzi una marcia in più grazie all’ottima capacità di interpretazione dimostrata dal vivo e ad un timbro apparentemente fragile ma capace di portare con la mente l’ascoltatore ai freddi paesaggi islandesi. Of Monsters And Men

Nanna viene affiancata dalla voce maschile, Ragnar “Raggi” Þórhallsson, nell’esecuzione dal vivo della travolgente Little Talks. Il misto di pop e folk che anima questo pezzo, che ci ha tutti ossessionati nel 2011, non manca di stupire anche live, con una resa ancora più gioiosa e coinvolgente, che diventa possibile anche grazie alla ricca strumentazione della band. Oltre all’alternarsi dei due cantanti alla chitarra acustica ed elettrica, infatti, il comparto sonoro degli Of Monsters and Men vanta anche una chitarra baritona e percussioni di ogni genere, che contribuiscono a rendere caratteristiche le canzoni, oltre ai classici piano e basso. Tutti i membri sembrano estremamente coinvolti nell’esecuzione di ogni pezzo, partecipando alla parte cantata come coro. Guardando la band si ha in effetti l’idea di un gruppo molto omogeneo, estraneo a meccaniche di predominanza di un frontman, dove ogni componente ha un peso specifico nella creazione di un suono caratteristico e polifonico.

Vedere dal vivo gli Of Monsters and Men è dunque senza dubbio un piacere per il carico di emozioni positive che sono in grado di comunicare e la personalità del suono che propongono. La musica di questi cinque giovani islandesi è al contempo tradizionale ma innovativa nell’ambito del mainstream, coinvolgente ed orecchiabile ma mai impersonale e soprattutto non può che far ballare se ascoltata live.

Of Monsters And Men @ Fabrique | Gallery

Foto di Antonio Galota

Comments on Facebook
Antonio Galota
Antonio Galota
Antonio Galota, nato in Sicilia nel 1995, trasferito a Roma per studiare Graphic Design. Oltre alle arti visive adoro la musica, che mi accompagna sempre anche nel lavoro e alla quale dedico il mio tempo libero!

Comments are closed.