STRADAROLO 2019, da domani a Zagarolo con Giobbe Covatta, Nada, Ascanio Celestini e tanti altri

Niccolò Fabi
È “Io sono l’altro” il primo singolo di NICCOLÒ FABI estratto dal nuovo album “Tradizione e Tradimento” – Video
11 settembre 2019
Dente
DENTE: a dicembre a Roma e Milano per l’anteprima del tour, via oggi alle prevendite
12 settembre 2019

STRADAROLO 2019, da domani a Zagarolo con Giobbe Covatta, Nada, Ascanio Celestini e tanti altri

Stradarolo

Dopo 4 anni di assenza torna Stradarolo, uno degli eventi più creativi ed originali che si siano mai affacciati alle porte di Roma. Festival multidisciplinare per vocazione, Stradarolo propone decine di performance artistiche, dal teatro alla danza alla musica alle semplici parole, utilizzando il parametro artistico come elemento di catalizzazione di impegno, passione, cultura.

Il Festival è alla sua ventesima edizione, nato nel 1997. Qui è passato tanto teatro, la danza, le canzoni e il circo e stupefacenti performer, grandi nomi e spiazzanti acrobati, annate a tema, segni del tempo.

Andrea Satta, direttore artistico visionario, sempre in bilico tra la professione di pediatra e la passione della musica con i Têtes de Bois e mille altri progetti cui ha dato vita negli anni, ha costruito un percorso artistico strabiliante, riuscendo a fare di Marco Tardelli, calciatore ed eroe-mundial che tutti conoscono, un capo-comico su una corriera; mettere Giobbe Covatta in un incontro con i ragazzi di Friday For Future; parcheggiare Ulderico Pesce in una stazione di servizio a parlare di petrolio e di ambiente, Ascanio Celestini partecipare al dibattito sul caso cinematografico italiano dell’anno “Selfie” insieme all’autore Agostino Ferrente, ascoltare Nada parlare – e suonare – ad un incontro sulla musica d’autore o vedere Rocco Papaleo partecipare al sentito omaggio a Francesco Di Giacomo. Ma questo è solo un assaggio di cosa avverrà nei tre giorni a Zagarolo.

Stradarolo è il Festival della lettura dei percorsi, delle idee, della interpretazione degli spazi. Corriere che sono teatri ambulanti, spettacoli di fronte alle pompe di benzina, pianoforti agli svincoli stradali, danza contemporanea sul sagrato della chiesa, interviste a popolari voci della musica leggera affacciati ad un balcone in piazza del Genio a Zagarolo, un film straordinario proiettato fra i vicoli e disegni giganti sui muri di un palazzo principesco, un pranzo popolare con bicchieri di vetro, piatti di coccio e forchette di metallo che ogni commensale si porta da casa per una tavolata lunga centinaia di metri la domenica a pranzo e la necessità di parlare di urgenze ambientali e ascoltare ragazzi di 17 anni che si battono per il futuro del pianeta.

 

Il festival ha sempre avuto a cuore le tematiche ambientali. Quest’anno il tema è “Plastic Free”. Quindici anni fa, un’edizione fu dedicata alla raccolta differenziata, un’altra alle ciclabili che sognate in luogo della dismessa tratta ferroviaria Roma-Fiuggi. In altre occasioni il festival si è articolato sulla velocità lenta con percorsi montani che raggiungevano paesi vicini, ma, a piedi, con bivacchi in quota e attrazioni d’arte notturne.

Stradarolo 2019 sarà il luogo dell’incontro, il vero assente di questi anni. Nella stagione della connessione permanente, trionfa la solitudine. Siamo così tanto connessi che siamo soli. Tutti concentrati sul proprio display, singolarmente tutti e la somma di tutti non fa un insieme.

 

Stradarolo 2019 – Programma

Venerdì 13 settembre dalle 20.00

Il festival aprirà con Giobbe Covatta nel suo spettacolo “Sei gradi” e a seguire, ancora con lui, l’incontro con i ragazzi di Friday for Future che stanno rinnovando e svecchiando il pigro modo di immaginare il futuro, rivendicando il diritto ad un pianeta pulito. Ai ragazzi di FFF I Têtes de Bois hanno prestato il Palco a Pedali in piazza del Popolo, a Roma, lo scorso 19 aprile, in occasione della presenza in Italia di Greta Thumberg.

Sabato 14 settembre – dalle 15.00

La seconda azione andrà in scena il sabato. Nel 1998 Stradarolo si fece sulle corriere e fu un gran successo. Venti anni dopo si tornerà sulle corriere. Saranno come piccoli teatri ambulanti in viaggio fra i paesi di Zagarolo, Gallicano e San Cesareo verso i caselli autostradali di Tivoli e San Cesareo. Tre corriere in cammino con sopra spettatori (bisogna prenotarsi per tempo al n: 0695769313 o via mail segreteria.stradarolo@gmail.com) per ribaltare il viaggio, quello dei pendolari, spesso fatto di noia e automazione, di fatica e rassegnazione. Per un’area suburbana ex paesana come quella che racconta Stradarolo, il viaggio del pendolare è la cosa da cui non puoi prescindere. In quel viaggio è il ritmo del giorno e della settimana, della stagione e della vita, su quelle corriere si dorme, ci si dispera, ci si addormenta, ci si sfinisce, ci si conosce (sempre meno), qualche volta ci si innamora. Un tempo si rubava l’occhio al giornale del vicino, ora si consulta assiduamente lo smartphone, purtroppo. A Stradarolo le corriere saranno spazi artistici.

Capocomici delle corriere saranno Giuseppe Cederna attore e camminatore, nonché figlio di Antonio, il padre dell’ambientalismo italiano; Peppone Calabrese che ci ospiterà sulla sua corriera gastronomica, allestita con uno chef e prodotti locali a chilometro zero; Marco Tardelli, certo per tutti “l’eroe mundial”, ma anche uomo profondo e appassionato. Sarà con sua figlia, Sara Tardelli, a raccontarsi attraverso il suo libro “Tutto o niente. La mia storia”. Sulle corriere e durante il festival ci saranno le incursioni musicali dei Têtes de Bois.

Domenica 15 settembre – dalle 11.00

Il Pranzo Popolare, è già stato sperimentato in occasione della edizione Stradarolo Big del 2015, dedicata all’amico, l’indimenticabile Francesco Di Giacomo, che a Zagarolo viveva. Anche quest’anno ci sarà una tavolata lunghissima, attraverso il centro storico di Zagarolo in via Fabrini, con artisti, pubblico, suoni improvvisati, bambini e altre mille occasioni. Sarà necessario portarsi da casa il patto di coccio, il bicchiere di vetro e la forchetta di metallo. (per info e prenotazioni: 0695769313)

Al termine del pranzo, l’azione artistica prenderà la strada di un’area di servizio e lì sarà possibile assistere a “Petrolio”, lo spettacolo-denuncia di Ulderico Pesce dedicato a tutto quello che è successo in Basilicata in questi ultimi anni di furiose estrazioni petrolifere, e vedere “Sefie” di Agostino Ferrente, caso cinematografico dell’anno; a parlarne con l’autore ci sarà, tra gli altri, Ascanio Celestini.

Certo, avremo la “Piazza Big” (il 15 domenica) come ogni anno dedicata a Francesco Di Giacomo, che tutti ricordano come meravigliosa voce del Banco del Mutuo Soccorso, invece è stato autore, anzi cantautore e creativo operatore culturale. Tutta “La parte mancante” di Francesco (come il titolo del suo album solista pubblicato di recente) sarà protagonista a Stradarolo. Qualunque sia il rinnovamento del Festival, a Stradarolo ci sarà sempre una piazza per Francesco che aveva scelto di abitare a Zagarolo da moltissimi anni. In questa piazza si alterneranno gli amici di Francesco, tra cui Rocco Papaleo, Paolo Sentinelli, Cecilia, con musica, testimonianze, performance, documenti filmati e sonori.

La musica si incontrerà in tutte le piazza con Nada, Mariella Nava, Stefano Saletti, Her Pillow, Alessandro D’Alessandro, Daniele Di Bonaventura, Elena Somarè, Raffaella Misiti, Agnese Valle, Cecilia, Carmine Torchia, Valerio Corzani, Carlo Valente, Alessandra Parisi, Aranira, Nora Tigges, Sara Modigliani e il Coro multietnico di Romolo Balzani

Poi sarà lo Stradarolo che tutti ricordano. I vicoli punteggiati di performance, dodici postazioni nelle sere del sabato e della domenica a partire dal pomeriggio. In piazza San Pietro avremo appuntamenti con la danza contemporanea e nelle altre evocative vie del paese: circo, arte di strada, teatro e musica, cinema d’autore, disegni.

Il festival, come sempre, ospiterà nel primo pomeriggio di sabato e domenica attività dedicate ai bambini con la “caccia al tesoro” di Legambiente, la domenica con il laboratorio musicale sugli strumenti del Mediterraneo con Stefano Saletti, e alle 12 il laboratorio di circo a cura di Circo Maximo e gli spettacoli con gli equilibristi Los Filonautas .

Gli artisti Fabio Magnasciutti e Krayon, dal buio in poi, il sabato e la domenica, realizzeranno e proietteranno in diretta giganti disegni sui muri chiari di Palazzo Rospigliosi al suono di un musicista.

Comments on Facebook

Comments are closed.