LIGABUE a San Siro vent’anni dopo: “Si riaccende lo spettacolo” – REPORTAGE

Liam Gallagher
LIAM GALLAGHER: due date in Italia a Roma e Milano per il “Why Me? Why Not. Tour”
29 Giugno 2019
Radio Italia Live
RADIO ITALIA LIVE, le foto e il video del concertone di Palermo
30 Giugno 2019

LIGABUE a San Siro vent’anni dopo: “Si riaccende lo spettacolo” – REPORTAGE

Ligabue

Luciano Ligabue riempie San Siro per la quinta data dello “Start Tour 2019”, vent’anni esatti dopo un altro grande evento live del cantante emiliano. Due ore di show con il meglio del suo repertorio davanti ad una folla enorme che ha coperto interamente il prato e gran parte delle tribune. Proprio il pubblico ha voluto ricordare l’evento del 1997 con un grande striscione mostrato nella tribuna di fronte al palco e una coreografia.

Un palco allestito sul lato lungo del campo di gioco, cinque grandi schermi e due pedane a tagliare la folla con alle estremità due mini stage sono la scena in cui Ligabue e la sua band si sono mossi per far battere forte il cuore dei tanti fan. Luciano Luisi (tastiere, cori), Max Cottafavi (chitarre), l’immancabile Federico Poggipollini (chitarre elettriche, cori), Davide Pezzin (basso), Ivano Zanotti (batteria, percussioni), Massimo Greco (tromba e flicorno), Emiliano Vernizzi (sax tenore) e Corrado Terzi (sax baritono) i compagni del rocker di Correggio che ha aperto il concerto con una toccante versione di “A modo tuo”, scritta per Elisa. Poi un crescendo di musica e emozioni con le canzoni più famose del “Liga”: da “Happy hour” a “Niente paura”, da “Eri bellissima” a “Quella che non sei” e “Una vita da mediano”, omaggio a Lele Oriali nel teatro dei suoi grandi successi da giocatore dell’Inter. In mezzo, alcuni brani del nuovo album “Start”, dodicesimo disco d’inediti dell’artista, da poco certificato disco di platino (dati diffusi da FIMI/GfK Italia). “Ancora noi”, “Luci d’America”, “Quello che mi fa la guerra” e il singolo “Certe donne brillano”. Per il gran finale non potevano mancare i grandi classici, ecco dunque tutto lo stadio a cantare “Certe notti” illuminati dalle torce dei cellulari, a ballare “A che ora è la fine del mondo” e a tirare fuori la voce per “Urlando contro il cielo”, la canzone-inno di Ligabue.

Il tour, prodotto da Riservarossa e Friends & Partners prosegue con le date del 2 luglio allo STADIO OLIMPICO di Torino; 6 luglio allo STADIO DALL’ARA di Bologna; 9 luglio allo STADIO EUGANEO di Padova; 12 luglio allo STADIO OLIMPICO di Roma.

Comments on Facebook

Comments are closed.