EROS RAMAZZOTTI a Milano, un grande show di musica e positività – REPORTAGE

Irama
Nuove date estive per il tour di IRAMA #Giovanipersempre. Ecco gli appuntamenti
7 marzo 2019
Fabrizio Moro
FABRIZIO MORO torna con “Ho bisogno di credere”, che anticipa il nuovo album di inediti
8 marzo 2019

EROS RAMAZZOTTI a Milano, un grande show di musica e positività – REPORTAGE

Eros Ramazzotti è al Forum di Assago per la tappa milanese del World Tour che segue l’ uscita di “Vita Ce N’è”, album numero 14 del cantautore. Una tappa, quella di Milano, divisa però in quattro momenti, perché sono ben quattro le serate organizzate al Forum: 5, 6, 8 e 9 marzo, le ultime due già sold-out da tempo. Inequivocabile segno, come se ce ne fosse la necessità, che Eros Ramazzotti è ancora e per sempre una punta di diamante della musica pop italiana.

Eros è sempre in forma e di bell’ aspetto, la predominante componente femminile del pubblico è in visibilio. Nulla tradisce il passare degli anni se non una leggera, incipiente pancetta, visibile solo di profilo, che arrotonda la t-shirt scura. Allo stesso modo la voce non mostra alcun segno di cedimento, cosa affatto scontata per qualsiasi cantante maturo, ma Eros è uno forte, e lui lo sa. Del resto, non si diventa uno dei cantanti italiani più famosi al mondo in breve tempo, senza sforzo e senza un talento vero. Il suo canto è presente, limpido, potente, e come sempre non rinuncia ad imbracciare la chitarra, elettrica quando c’è da lanciarsi in un assolo, o acustica per una parentesi più soft. Le canzoni, anche quelle dei primi tempi, sono ben lungi dall’ averci stancato.

Eros, poi, può fare grande affidamento sulla sua band, composta da alcuni fra i migliori turnisti italiani più due special guest americani, Scott Paddock al sax ed Eric Moore alla batteria. Proprio quest’ ultimo riveste un ruolo di grande centralità nella dinamica dello show, e si ritaglia anche uno spazietto solista dove scalda il pubblico in stile “gospel”. Una nota speciale di merito va altresì alla corista Giorgia Galassi, interprete del duetto “I Belong To You”.

Al centro dello stage è collocato il principale elemento scenografico: un ledwall concavo, ideale rampa che si lancia dal livello zero del palcoscenico verso l’ alto dei cieli. Assomiglia anche ad un’ onda che si infrange contro una parete, oppure a gigantesca Pringles dai colori cangianti, scegliete voi l’ immagine che preferite.

Il World Tour di “Vita Ce N’è” è iniziato il giorno di San Valentino da Mantova ed ha fatto già tappa a Torino, passando da Germania e Lussemburgo. Martedì 12 approderà a Roma, poi Francia, Spagna, tutta Europa e anche USA e Sud America. Terminerà a dicembre, forse… perchè Eros ci ha ormai abituato a tourneè lunghissime, che durano anche anni, sempre in giro in ogni parte del globo, sia nelle maggiori capitali mondiali che nelle location nostrane più suggestive, come Taormina e Pula (Cagliari) nel mese di agosto 2019.

Eros ha uno spirito cosmopolita e positivo, porta un messaggio di amore globale con semplicità, senza la spocchia del moralista, solo attraverso le parole delle sue migliori canzoni, sempre attuali. In un paio di momenti della scaletta vengono proiettati dei video di matrice ambientalista, con una chiara esortazione a non essere spettatori passivi del degrado globale. “Se Bastasse una Canzone” viene dedicata al Venezuela in crisi. Eros ha un’ animo giocoso, cerca il pubblico e sdrammatizza sulle canzoni più emotive e angosciose.

Comments on Facebook
Leonardo Parisi
Leonardo Parisi
Nato a Sesto San Giovanni, acido come più non si può. Appassionato di cinema e sushi (ma non mischiati insieme), suono il basso elettrico e cado spesso vittima della "regola dell'amico" di Pezzali.

Comments are closed.