Sanremo 2019 la rivincita delle vecchie glorie. I TOP e i FLOP della prima serata

Sanremo 2019, il pagellone della prima serata. Promosse le “divine”, il rap batte l’indie
6 febbraio 2019
Ermal Meta
Ermal Meta e Fabrizio Moro: i MetaMoro e un anno di “Non mi avete fatto niente”
6 febbraio 2019

Sanremo 2019 la rivincita delle vecchie glorie. I TOP e i FLOP della prima serata

E pure sta prima serata.. se la semo levata dalle palle“. Sì lo so, probabilmente questa citazione l’avrò utilizzata sempre negli ultimi anni, ma dopo 4 ore di diretta (che come di consueto seguono le 8 ore di viaggio) difficile non arrivare allo stremo a fine serata. Specie se il poroppopo arriva all’una passata.

Cosa ci rimane da questa prima serata di Sanremo 2019? Ci rimangono le performance di Loredana Bertè e di Patty Pravo, grandissime e immortali; ci rimane una classifica con l’indie e il rap relegato in zona rossa (Motta, Ghemon, Mahmood, Ex Otago e The Zen Circus e Achille Lauro) e i favoriti della vigilia in zona blu (Ultimo, Irama, Il Volo); e ci rimane uno spettacoli sbrodolato fino a tarda notte, tra ritmi serrati di esibizioni e spazi assurdamente lunghi per siparietti vari. Ma bando alle ciance, ecco i Top e i Flop della prima serata del festival.

Sanremo 2019 – I flop five della prima serata

Baglioni che canta

C’avrà un conflitto d’interesse che non finisce mai, ci starà marciando mediaticamente su una mezza uscita neanche così tanto ardita, sarà ancora un mistero come abbia fatto a fare quei numeri d’ascolto l’anno scorso.. però quando parte a cantare, ma che je voi di’?

Le divine immortali

Loredana Bertè che è più rock di questi giovinastri di oggi, Patty Pravo più eterea che mai che risolve una situazione difficile con la sua splendida ironia. Altro che quota 100, non andate mai in pensione vi prego!

Virginia Raffaele, la veterana

Praticamente da quando faccio l’inviato al festival lei c’è sempre stata, e anche se il pericolo rottura di coglioni è sempre dietro l’angolo lei se la cava sempre, alla grande tra l’altro. Possibile che l’unico palco televisivo adatto a lei sia solo quello dell’Ariston?

Il ricordo, davvero sentito, di Fabrizio Frizzi

Di solito questi momenti sono decisamente retorici, stavolta la retorica è giustificata. Buon compleanno Fabrizio, questo palco l’avresti meritato davvero

Giorgia, the voice

È giusto che a Sanremo si onorino le migliori voci italiane. E Giorgia è La voce. Sempre i brividi quando canta, grandissima

Sanremo 2019 – La top five della prima serata

La satira politica di Bisio

Che è un po’ come dire le pericolose inchieste di mamma moderna, o il pericolo estremismo di Madre Teresa di Calcutta. Mi si dirà: “ma mica era satira, era ironia”. Ah, che ridere

Gli sketch comico – musicali

Aridatece le marchette degli ospiti stranieri

Il gusto della giuria demoscopica

Non dico essere al passo coi tempi, ma almeno accendere la rado ogni tanto può aiutate nella valutazione

La lunghezza estenuante della prima serata

Un everegreen, da Baudo a Carlo Conti passando per Baglioni. Ma Salvini non dice nulla? La pacchia è finita!

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.