#AspettandoSanremo: al festival “canta Napoli”. ‘O scugnizzo NINO D’ANGELO in coppia con ‘o selfie LIVIO CORI con “Un’altra luce”

Salmo
SALMO annuncia altre nuove date del “Playlist summer tour”. Appuntamenti a Bologna, Bari e Genova
31 Gennaio 2019
Cosmo
Tutto pronto per la festa di COSMO, sabato al Mediolanum Forum. Info e ospiti
31 Gennaio 2019

#AspettandoSanremo: al festival “canta Napoli”. ‘O scugnizzo NINO D’ANGELO in coppia con ‘o selfie LIVIO CORI con “Un’altra luce”

Nino D'Angelo e Livio Cori

Ricordate la fusione tra Goku e Vegeta? È nulla in confronto al super saiyan a cui stanno dando voce e corpo Nino D’Angelo e Livio Cori, in coppia al 69° Festival della Canzone Italiana con “Un’altra luce”.

Al Sanremo più “friendly” di ogni edizione c’è posto anche per loro, per le due generazioni del “canta Napoli”. Una fusione curiosa quella tra l’icona della musica melodica partenopea e il rapper popeggiante nuova voce del repertorio campano. Nino D’Angelo, l’eterno ragazzo dal caschetto d’oro, torna a Sanremo dopo 9 anni di assenza. Sarà il suo 6° festival. Per Livio Cori, invece, prima esperienza all’Ariston. Tra loro 30 anni di differenza e una fama di portata diversa. Nino D’Angelo, più che un cantante, è venerato da napoletani (e non) come un vero e proprio culto alla pari di San Gennaro, della pizza e del Napoli. Suo, tra l’altro, l’onore di cantare l’inno storico della squadra. Livio Cori è in piena fase di lancio. L’8 febbraio, alla vigilia della finalissima di Sanremo, uscirà “Montecalvario – Core senza paura”, il disco d’esordio targato Sugar già disponibile in pre-order.

Il passato e il futuro della musica napoletana si incontrano sul palco dell’Ariston per dar voce al presente. Due ragazzi di umili origini che hanno fatto della loro passione una forma di riscatto. Entrambi cresciuti nei borghi di Napoli: D’Angelo nato nel vicolo di ‘o Pizzo Casale con il padre che lo voleva scarparo, Cori in quel Montecalvario – a due passi dai quartieri spagnoli – che da il nome al suo prossimo lavoro in studio. Entrambi svezzati dalla Napoli più verace, coi suoi pro e contro. Avrebbero potuto prendere un’altra direzione e, invece, il destino e la loro caparbietà li ha condotti sulla strada della musica. Sono le due facce della stessa medaglia. D’Angelo, per tutti semplicemente “Nino”, autore di pietre miliari del repertorio neomelodico quali “’Nu jeans e ‘na maglietta”, “Pop corn e patatine”, “Chiara” e “Senza giacca e cravatta”. Livio Cori passato alla ribalta per la sua partecipazione alla serie fenomeno di massa Gomorra 3, in cui è stato attore e cantante, vestendo i panni di ‘o selfie del clan dei Talebani e dando voce a “Surdat”, il brano che fa parte della soundtrack dell’ultima stagione. Ha 29 anni eppure gode già di un’ottima reputazione nel settore discografico. Ha collaborato con Ghemon nel pezzo “Tutta la notte” ed è “l’indiziato numero 1” del caso Liberato. Parrebbe che sotto il cappuccio del rapper misterioso si celi proprio il volto di Livio Cori, che non si è mai scagionato “dalle accuse” né tantomeno le ha confermate.

A Sanremo il super sayian “D’Angelori” ci farà ascoltare “Un’altra luce”, l’inedito del cui testo sono entrambi autori mentre le musiche vedono lo zampino di Massimiliano Dagani alias Big Fish. Un brano con inserti in lingua napoletana che nella serata dei duetti D’Angelo e Cori canteranno con i Sottotono. Le aspettative sono alte, la curiosità lo è altrettanto. Dalla combo “D’Angelori” attendiamo l’effetto sorpresa.

Nino D’Angelo – Sanremo 2019

Nome: Gaetano D’Angelo

Album Pubblicati: 36 (ultimo, “Nino D’Angelo 6.0” 2017)

Presenze a Sanremo: 5

Frase: “Dint’a casa toja è astessa guerra, mandi a quel paese i tuoi fratelli e tua madre t’ difend’ sempre. Chiara vinc’ semp’ tu” (“Chiara”, 1987)

Livio Cori – Sanremo 2019

Nome: Livio Cori

Album Pubblicati: 0

Presenze a Sanremo: 0

Frase: “Nun ce sta tiempo pe’ sentì prumesse, pigliamm tutt’ primm ca fernesce” (“Surdat”, 2017)

NINO D’ANGELO E LIVIO CORI

Quota bookmakers: 41

Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce | Testo

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me
Tu assumiglie a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te
Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire

Comments on Facebook

Comments are closed.