#AspettandoSanremo. ULTIMO con “I tuoi particolari” ritorna a Sanremo, questa volta nei “grandi”

Carl Brave
CARL BRAVE annuncia le prime date del suo “Notti Brave Summer Tour”
31 gennaio 2019
Fiorella Mannoia
Esce oggi in radio e digitale il nuovo singolo di FIORELLA MANNOIA “Il peso del coraggio”
1 febbraio 2019

#AspettandoSanremo. ULTIMO con “I tuoi particolari” ritorna a Sanremo, questa volta nei “grandi”

Ultimo

Da San Basilio a Sanremo, dalle canzoni nate tra quattro mura ai tour sold out, dalle note suonate per tirare fuori ciò che aveva dentro ai doppi dischi di platino, da quei sogni così grandi di ieri ad oggi che Ultimo, il romano Niccolò Moriconi, li ha fatti diventare la sua quotidiana realtà.

Quasi un anno fa Ultimo lasciava Sanremo da vincitore nelle Nuove Proposte con il brano “Il ballo delle incertezze”, tra pochi giorni sul quel palco ci torna, questa volta nei “grandi”, con la sua canzone “I tuoi particolari” e con un anno da ricordare alle spalle.

Niccolò ha appena compiuto ventitre anni e per lui, il giovane Peter Pan della canzone italiana, la musica è sempre stata una fedele compagna.  A 8 anni inizia a suonare il pianoforte, a 14 anni a scrivere le sue prime canzoni, alcuni anni di studio all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, fino alla vittoria di un concorso di musica hip pop, a cui partecipa quasi per caso, dell’etichetta indipendente romana Honiro Label, che inizia a produrre i suoi lavori, nonostante Ultimo non sia “etichettabile” solo al mondo rap. Nel maggio 2017 apre il concerto di Fabrizio Moro al Palalottomatica di Roma, pochi mesi dopo si esibisce al MACRO in occasione dell’Honiro Label Party. 

Chiave” è il suo singolo d’esordio, tramite il quale urla al mondo cosa vuole fare della sua vita “Voglio che un giorno si sappia quello che ho scritto nelle canzoni”, segue l’uscita dell’album “Pianeti” nell’ottobre del 2017, in cui mischia poesia, rabbia, solitudine e, infine, immaginazione. Per Ultimo lo scopo del primo album era uno solo: “Quando scrissi il primo volevo qualcosa che non avevo, sognavo di vivere in alto, volevo gridare al mondo che esistevo”.

Il secondo è stato l’album dove disegnavo le mie ambizioni concretizzate, volevo che ‘Peter Pan’ fosse la rappresentazione del sogno che si avvera”. Ed è stato proprio così, un 2018 che non è facile racchiudere in poche righe: la vittoria a Sanremo giovani e la conquista del premio Lunezia per il miglior testo; due album, che a distanza di un anno, non si schiodano dai primi posti; un continuo susseguirsi di date sold out, dal Quirinetta di Roma il 20 gennaio scorso fino ad arrivare allo Stadio Olimpico, con il concerto evento del 4 luglio 2019; e soprattutto, le canzoni. Le sue canzoni, attraverso le quali si percepisce la sincera urgenza che Niccolò ha di esprimersi e si rivela sua più profonda essenza.

Siamo soltanto bagali/ viaggiamo in ordini sparsi/ se solamente Dio inventasse/ delle nuove parole/ potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui”, eccole alcune parole della canzone favorita, “I tuoi particolari”, al Festival. Ultimo è infatti quotato dalla Snai 2,25. Sicuramente potrebbe essere l’artista in grado di mettere d’accordo sia il pubblico dei giovani sia quello più tradizionale della kermesse sanremese. Indipendentemente dalla vittoria o meno a questo Festival, Ultimo è una delle più belle e vere rivelazioni degli ultimi anni.

Vola alto, Peter Pan!
Nome: Ultimo (Niccolò Moriconi)

Album pubblicati: 2 (“Pianeti”, 2017 – “Peter Pan”, 2018)

Interviste: Sanremo 2018 – Intervista

Presenze a Sanremo: 1 – vincitore Sanremo nuove proposte 2018

Frase: “Ci sarà un posto vedrai per tutte le tue paure/ vedrai che è bello camminare senza mai sapere/ senza mai sapere dove ti portano i passi/ è la fantasia che trasforma in pianeti i sassi” (Pianeti, 2017)

Quota bookmakers: 2,25

Ultimo – I tuoi particolari | Testo

di N. Moriconi
Ed. Honiro – Roma

È da tempo che non sento più
La tua voce al mattino che grida «bu»
E mi faceva svegliare nervoso ma
Adesso invece mi sveglio e sento che
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Sei sempre stanco perché tu non hai orari…»
È da tempo che cucino e
Metto sempre un piatto in più per te
Sono rimasto quello chiuso in sé
Che quando piove ride per nascondere
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Ti senti solo perché non sei come appari»
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.
È da tempo che cammino e
Sento sempre rumori dietro me
Poi mi giro pensando che ci sei te
E mi accorgo che oltre a me non so che c’è
Che mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Sei sempre stanco perché tu non hai orari…»
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui
Fra i miei e i tuoi particolari
Potrei cantartele qui
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.

Comments on Facebook

Comments are closed.