#AspettandoSanremo. Francesco Renga in gara con “Aspetta che torni”. Aspettando il nuovo album

Dark Polo Gang
DARK POLO GANG: posticipate le date di Venaria Reale e Nonantola del “Trap Lovers Tour”
18 gennaio 2019
Sea Star Festival
SEA STAR FESTIVAL annuncia i primi artisti in line up: Sven Vath, Nina Kraviz e Ilario Alicante
21 gennaio 2019

#AspettandoSanremo. Francesco Renga in gara con “Aspetta che torni”. Aspettando il nuovo album

Francesco Renga torna al Festival di Sanremo con il brano “Aspetta che torni” dopo aver vinto l’edizione 2005 con “Angelo”. Per il cantautore è l’ottava partecipazione alla kermesse canora, l’esordio nel 1991, sezione giovani, con i Timoria con cui vinse il premio della Critica presentando “L’uomo che ride”. Da solista partecipa nel 2001, ancora fra i giovani, con “Raccontami”, una delle sue canzoni più intense che gli fa vincere un altro premio della Critica. Il brano è inserito nel suo primo album, Francesco Renga.

L’artista lavora ad un secondo disco “Tracce” che esce nel 2002 e contiene il singolo “Tracce di te” con cui è in gara, questa volta tra i big, all’edizione 52 del Festival. Dopo due anni di pausa Renga pubblica Camere con vista, suo terzo album con i singoli “Ci sarai” e “Meravigliosa (La luna)”. Nel 2005 il trionfo sul palco dell’Ariston con la bellissima “Angelo, dedicata alla figlia Jolanda. Nel 2007 un altro album e nel 2009 il ritorno a Sanremo con “Uomo senza età”. Anche se non in gara il cantautore prende parte alle successive due edizioni del Festival: nel 2010 per celebrare la 60esima edizione, canta “La voce del silenzio” e l’anno dopo viene invitato a cantare il brano “Arriverà” (secondo classificato in quell’edizione) con i Modà ed Emma. Nel 2012 la penultima esibizione sanremese di Francesco Renga con “La tua bellezza”, inserito nell’album “Fermoimmagine”, prima raccolta di successi dell’artista. Nel 2014 l’ultima volta in gara con addirittura due brani: “A un isolato da te” che viene sostituito dopo la prima serata da “Vivendo adesso”, scritto per Renga da Elisa, che ottiene il quarto posto nella classifica finale.

A cinque anni di distanza ecco di nuovo il cantautore sul palco del teatro Ariston, alla vigilia del suo atteso ritorno live in primavera con due date: all’arena di Verona il 27 maggio e al teatro antico di Taormina il 13 giugno, anteprime live del tour che il prossimo inverno toccherà tutta Italia per presentare il suo ottavo disco di inediti, in uscita in primavera.

Nome: Francesco Renga

Album Pubblicati: 7 (ultimo “Scriveròil tuo nome”, 2016)

Presenze a Sanremo: 7 (vittoria nel 2005 con “Angelo”)

Frase: “Le parole possono fare male. Impariamo a non prendere in giro ma ad apprezzare le diversità. Diverso uguale unico” (“Raccontami”, 2001)

Quota bookmakers: 9

Francesco Renga – Aspetto che torni | Testo

di Bungaro – C. Chiodo – Rakele – F. Renga
Bungaro – C. Chiodo – G. Runco
Ed. Music Union/Favole/Metropolitana – Milano – Brescia – Roma

Io che guardo sempre il cielo
E sogno ancora di volare
Ogni volta più lontano e poi
Non so più come tornare
Con un poco di fortuna
E due stelle da seguire
Ho trovato le tue braccia ad aspettare.
Cerco ancora nei miei occhi
Il sorriso di mia madre
Mi manca da trent’anni e
Vorrei dirle tante cose
Che mio padre adesso è stanco.
E forse sta per arrivare
Che la ama più di prima
Ed è l’unica cosa che sa ricordare
C’è un universo che mi riempie le mani
Il mondo si perde
Tu invece rimani
C’è un mare dentro negli esseri umani
Aspetto che torni stasera
Per stare con te
Oggi voglio camminare
Come un treno sui binari
Diventare un’emozione che attraversa i tuoi pensieri
E seguirti tra le cose che ogni giorno devi fare
Come vento per poterti accarezzare
E guardarti mentre dormi
Che mi sembra che sorridi
Ed entrare nei tuoi sogni
Di nascosto come i ladri
Per rubarti la bellezza
Che nemmeno sai di avere
C’è un universo che mi riempie le mani
Il mondo si perde
Tu invece rimani
C’è un mare dentro negli esseri umani
Aspetto che torni stasera
Sei l’ossigeno che cerco quando resto senza fiato
Il coraggio che mi serve quando sono disperato
La sorpresa che ogni volta
Mi fa sentire vivo
Tu sei
Tu sei
Tu sei
Tu sei
Un universo che mi riempie le mani
Il mondo si è perso
Tu invece rimani
Un mare dentro nei nostri destini
Io aspetto che torni stasera
Aspetto che torni

Comments on Facebook

Comments are closed.