Neblo, Worst, Enemy: dal Salento al successo. Storia di un incontro e di rime in freestyle – INTERVISTA

Ex-Otago
#AspettandoSanremo. Gli EX-OTAGO al festival con “Solo una canzone”. E Genova nel cuore
11 Gennaio 2019
Dirotta su Cuba
I DIROTTA SU CUBA tornano con il nuovo singolo in inglese “Good Things”
14 Gennaio 2019

Neblo, Worst, Enemy: dal Salento al successo. Storia di un incontro e di rime in freestyle – INTERVISTA

Neblo

foto di Davide Carlà

Worst e Enemy, due rapper esordienti hanno pubblicato “Carillon” (Phat House Music), primo singolo del progetto di collaborazione con Neblo, artista, producer e dj pugliese che si è esibito al fianco di personaggi del calibro di David Guetta. Durante una battaglia di freestyle l’incontro tra i due giovanissimi rapper salentini, Worst e Enemy e il producer che decide di invitarli nel proprio studio di registrazione a Surbo (LE) per lavorare assieme. Dall’immediata intesa fra i tre ragazzi prende forma un importante numero di progetti, alcuni dei quali anche individuali.

Da dove prendi/prendete le ispirazioni per scrivere o per comporre i brani?

Da tutto quello che ci circonda. Ogni singolo rumore, oggetto, persona condiziona costantemente la nostra musica. Soprattutto per quanto riguarda la composizione del brano da parte di Neblo, che crea la base. Questo stimola le nostre menti a viaggiare ancora di più.

Come vi siete conosciuti e cosa vi lega?

Ci siamo conosciuti grazie ad un freestyle. Durante una serata tra amici, nel nostro paese, io e Worst ci stavamo sfidando in uno dei nostri soliti freestyle da “allenamento serale”. C’era anche Neblo, che ci ha notato e ci ha proposto di lavorare insieme a lui. Quello che ci lega è sicuramente la voglia di innovare e i gusti in comune, che rendono il tutto omogeneo.

Quanto è importante essere in sintonia con chi si lavora per fare musica? Conta più l’aspetto umano o il feeling artistico?

È molto importante la sintonia in studio, anzi, direi quasi di vitale importanza. Bisogna circondarsi sempre di good vibes per creare musica di qualità. Sicuramente il feeling artistico ha la meglio, ma non si può negare che l’aspetto umano, se positivo, è una marcia in più.

Neblo, collaborazioni famose. Come ti sei sentito? Che emozioni ti ha dato?

Descrivere emozioni di quel calibro è quasi impossibile. Bisogna viverle per capirne l’essenza. Indiscutibile! Collaborare con artisti del calibro di David Guetta mi ha reso più fiero di me stesso e anche della mia musica!

Mi raccontate le origini dei vostri nomi?

Worst: il mio nome nasce dal mio carattere pessimista, vedo sempre il lato negativo delle cose ma è ciò che mi invoglia ad andare avanti. Ho sempre preso il meglio dal peggio, dalle cosiddette “situazioni sfavorevoli”. È da qui che nasce il nome Worst.

Enemy: in realtà il mio nome nasce per caso. “Enemy” mi ha sempre affascinato come parola. Il significato è quello di “nemico”, una parola che accomuna tutti i rapper o trapper: tutti vengono spinti moralmente dalla presenza di qualcuno/qualcosa che crea in loro “danni” o “fastidi”. Ecco, il mio nemico sono io stesso! Faccio spesso i conti con il mio io interiore, come se fosse una seconda persona ma con un lato negativo e critico.

Neblo: Sin da piccolo ho usato questa “tag” per rappresentare la mia arte. Di tempo ne è passato, ma le cose non sono cambiate. Ho preso questo nome e l’ho portato dentro alla mia musica.

Come mai avete scelto questo genere? Perché è più “diretto”?

Capita spesso di sentirsi partecipi di qualcosa senza saperne il motivo. È senso di appartenenza, è un po’ come l’habitat naturale di un animale: se nasci nella savana non puoi vivere nella tundra.

Enemy, mi ha colpito questa cosa che avevi bisogno di liberarti e hai scritto un pezzo. Mi racconti?

Enemy scrive così… si alza la mattina, vive a pieno la giornata e butta giù rime. Scrivo quasi ogni giorno con intensità differente, a volte provo emozioni discordanti tra loro. Soprattutto in questo periodo della mia vita ho necessariamente bisogno di tirare fuori tutto ciò che accumulo dentro e con “Carillon” ho espresso solo una piccola parte di me.

Avete in programma altre collaborazioni? Che farete a breve?

Non abbiamo in mente nessuna collaborazione per il momento, il nostro brainstorming conta già tre teste, e per adesso bastano. Ovviamente ci saranno in un futuro, non troppo lontano, non troppo vicino.

Neblo, all’anagrafe Mattia Paladini, è un artista, produttore e dj leccese. Inizia ad interessarsi alla musica da giovanissimo, seguendo i concerti e le prove del padre e del bisnonno, entrambi membri di band locali. Studia per anni la chitarra, finché decide di intraprendere la carriera di producer e dj. Nel 2014 partecipa ad un “remix contest” online promosso da Jennifer Lopez per il suo brano con Iggy Azalea “Booty”. Il suo remix si piazza all’ottava posizione nella classifica mondiale redatta dalle stesse artiste. Influenzato da rock, pop, urban e musica elettronica, Neblo raggiunge presto un sound maturo e il 12 agosto 2016 si esibisce sul Main Stage del Parco Gondar di Gallipoli come supporter ufficiale della star francese David Guetta. È su quel prestigioso palco che Neblo presenta dal vivo il suo nuovo remix della hit mondiale di Billie Eilish “Ocean Eyes”, traccia che pubblicherà esclusivamente su YouTube il 5 ottobre 2016. Attualmente è impegnato in studio nella lavorazione al suo primo EP con artisti italiani e nella produzione di brani inediti d’ispirazione trap, hip hop, pop, dance, electro e EDM.

Worst, nome d’arte di Luca Leo, nasce a Lecce nel 1998. Da sempre appassionato di hip hop, inizia a scrivere testi rap all’età di 13 anni. Si cimenta presto con i freestyle, allenandosi ogni giorno con il suo amico fraterno Cristian, in arte Enemy, cresciuto insieme a lui nella stessa strada, a Surbo. Nell’estate 2017, durante una battaglia di freestyle a cui partecipa anche Enemy, Worst viene notato da Neblo, produttore e musicista della loro zona, che gli propone di scrivere una canzone e iniziare a lavorare insieme su dei “beat” da lui realizzati. Dalla collaborazione con il producer, matura una crescita artistica importante, configurandosi come un rapper versatile che riesce a spaziare da testi aggressivi pieni di punchline, a una scrittura più introspettiva e minimale. Nel 2018, Worst ha registrato i suoi primi singoli di debutto ed è al lavoro per realizzare il suo primo album in studio.

Enemy, pseudonimo di Cristian Sava, nasce a Nardò (Lecce) il 12 Agosto 1996. Ha sempre avuto la passione per la musica e per il canto, che ha approcciato esplorando vari stili. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Artistico, decide di dedicarsi completamente alla musica e comincia a dilettarsi con il freestyle. Nell’estate del 2017, durante una battaglia di freestyle alla quale era presente insieme a Worst, Enemy conosce Neblo, produttore e musicista della zona, che invita entrambi nel proprio studio a Surbo, in Puglia. Passa poco perché Enemy inizi a scrivere e registrare quotidianamente canzoni al fianco di Neblo. Enemy è attualmente in studio per realizzare brani inediti ed il suo primo album.

Comments on Facebook

Comments are closed.