#AspettandoSanremo. Gli EX-OTAGO al festival con “Solo una canzone”. E Genova nel cuore

Nino D'Angelo Gigi D'Alessio
NINO D’ANGELO e GIGI D’ALESSIO insieme per “Figli di un re minore”, tre concerti speciali all’Arena Flegrea
11 gennaio 2019
Neblo
Neblo, Worst, Enemy: dal Salento al successo. Storia di un incontro e di rime in freestyle – INTERVISTA
14 gennaio 2019

#AspettandoSanremo. Gli EX-OTAGO al festival con “Solo una canzone”. E Genova nel cuore

Ex-Otago

Nel percorso di svecchiamento intrapreso da Claudio Baglioni per questo Festival di Sanremo numero 69 alcuni nomi sono più significativi di altri, per varie ragioni. Uno di questi è quello degli Ex-Otago, il gruppo di Genova formatosi nel 2002 ed arrivato al successo solo negli ultimi anni, dopo numerosi cambi di formazione.

Otago è il nome di una squadra di rugby della Nuova Zelanda che vince il campionato contro ogni pronostico. Fantastico! Suona bene e ci piace pure il concetto!” spiegano i membri della band raccontando l’origine del proprio nome “Bene… dopo 5 minuti non ci piaceva più. Ci siamo sciolti e riformati come Ex-Otago. Tutto questo in 10 minuti. Il trattino? Ci piaceva!” In questa presentazione programmatica c’è tutta l’anima del gruppo di Genova, formato oggi da Maurizio Carucci (voce), Simone Bertuccini (chitarra), Olmo Martellacci (tastiere), Francesco Bacci (basso) e l’ultimo arrivato Rachid Bouchabla alla batteria. Un’anima cazzona ed ironica, che ha fatto della leggerezza il suo marchio di fabbrica.

Leggerezza però che è sempre stata accompagnata da una visione più ampia, forse non sociale ma sicuramente attenta a ciò che ci circonda, partendo dal legame col territorio d’origine, quella Genova colpita da crolli ed inondazioni ma sempre pronta a rimboccarsi le maniche per ripartire. Un legame forte, vivo, esemplificato dai titoli degli ultimi due album della band, “Marassi“, uno dei quartieri della città, e “Corochinato“, di prossima uscita, il liquore tipico della città ligure.

Nati più di 15 anni fa, gli Ex-Otago hanno trovato un certo successo solo dopo l’uscita di “Mezze Stagioni” (2014), album in cui la produzione vira verso nuove sonorità più internazionali, sempre nel solco del pop. “Costa Rica” e “Figli degli hamburger” i singoli contenuti nell’album che li fanno conoscere al grande pubblico. Un altro disco nel 2014 (“In capo al mondo“) e poi il successo con “Marassi” (2016), trainato da “Cinghiali incazzati“, “Quando sono con te” e “I giovani d’oggi“.

Ora il 2019 sarà per la band un anno pieno: l’uscita del nuovo album “Corochinato”, il “Cosa fai stanotte tour” e la presenza al Festival di Sanremo 2019, il primo festival, con il brano “Solo una canzone“. Chissà se parlerà della Genova ferita o dell’amore che va sempre tanto di moda a Sanremo: ma probabilmente ci piacerà. I bookmakers di sicuro non li vedono tra i favoriti: la SNAI li quota a 28, ben lontani dai favoriti Ultimo (2) e il Il Volo (4). Ma si sa che difficilmente i favoriti della vigilia poi portano a casa il trofeo, e anzi in molte edizioni hanno vinto proprio i più lontani dai favori del pronostico. Ricordate gli Stadio? Quando vinsero a Sanremo erano quotati 46..

Nome: Ex-Otago

Album Pubblicati: 5 (ultimo, “Marassi“, 2016)

Interviste: 2016; 2017

Presenze a Sanremo: 0

Frase: “Se i giovani d’oggi valgono poco/ Gli anziani cosa ci hanno lasciato? I pregiudizi delle persone per bene e le autostrade” (Giovani, 2018)

Quota bookmakers: 28

Ex-Otago – Solo una canzone | Testo

di M. Carucci – S. Bertuccini – F. Bacci – O. Martellacci
R. Bouchabla – M. Carucci
Ed. Metatron/Garrincha Edizioni Musicali – Torino – Bologna

Resta con me
Perché la notte mi fa perdere
Poi non ho voglia di sognare
Perché domani è uguale
Resta con me
Anche se è una vita che usciamo insieme
Dormir con te stanotte è importante
Perché ci vogliamo bene
Non è semplice
Restare complici
Un amante credibile
Quando l’amore non è giovane
Non è semplice
Scoprire nuove tenebre
Tra le tue cosce dietro le orecchie
Quando l’amore non è giovane
È solo una canzone
Abbracciami per favore
A te posso dire tutto
Tutto ciò che sento
Tutti cantano l’amore
Quando nasce quando prende bene
Quando tremano le gambe
Quando non c’è niente che lo può fermare
Ma tutte quelle storie
Che hanno visto almeno dieci primavere
Cento casini cento grandi scene
Mille pagine attaccate ancora insieme
Non è semplice
Restare complici
Un amante credibile
Quando l’amore non è giovane
Non è semplice
Scoprire nuove tenebre
Tra le tue cosce dietro le orecchie
Quando l’amore non è giovane
È solo una canzone
Abbracciami per favore
A te posso dire tutto
Tutto ciò che sento
È solo una canzone
Abbracciami per favore
Con te voglio fare tutto
Tutto ciò che sento
Resta con me
Perché da solo non ho fame
Poi non è bello cucinare
Solo per me
Solo per me
È solo una canzone
Abbracciami per favore
A te posso dire tutto
Tutto ciò che sento
È solo una canzone
Abbracciami per favore

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.