ULTIMO: un anno da favola per il Peter Pan della musica italiana.

Il rapper Ensi rivela la tracklist del nuovo album “Clash”
7 gennaio 2019
“Rockstar” di SFERAEBBASTA è l’album più venduto dell’anno, tra i singoli in vetta TAKAGI & KETRA
7 gennaio 2019

ULTIMO: un anno da favola per il Peter Pan della musica italiana.

Ultimo

Poco più di un anno fa dopo aver ascoltato “Pianeti”, il primo album di quel Niccolò Moriconi che tutti abbiamo imparato a conoscere semplicemente come Ultimo, pensai che quel ragazzo avrebbe fatto senza alcun dubbio strada. Ma il percorso di Ultimo nell’anno appena trascorso è andato oltre ogni più rosea e immaginabile aspettativa.

Un anno di canzoni, un anno di record per il giovane cantautore romano, a partire dalla prima data a pagamento al Quirinetta di Roma il 20 gennaio scorso fino ad arrivare allo Stadio Olimpico, con il concerto evento del 4 luglio 2019.

Un viaggio iniziato con la vittoria a Sanremo giovani, grazie al brano “Il ballo delle incertezze“, continuato con il disco di platino per l’album “Peter Pan” (pubblicato da Honiro Label), in cui ogni canzone avrebbe potuto essere un singolo per l’intensità espressa. E ancora, un tour primaverile sold out nei club, seguito poi da altre tre date in autunno tra il Palalottomatica di Roma e il Forum di Assago, marchiandosi anche qui del record come più giovane cantante italiano a calcare questi palchiUltimo

Un pubblico che spazia dai più giovani agli adulti, parole di stima per lui da parte di artisti che fino a poco tempo fa ascoltava dalla sua cameretta, come Vasco, il mito di una vita, e Fabrizio Moro, mentore e fratello maggiore per il quasi ventitreenne di San Basilio. Verrebbe quasi da domandarsi come sia stato possibile questo exploit in così poco tempo.

Voglio che un giorno si sappia quello che ho scritto nelle canzoni”, canta in “Sabbia”, ed è proprio nell’autenticità dei suoi pezzi che troviamo la spiegazione a questo successo senza precedenti. Ultimo parla di sé, dei suoi sogni e soprattutto delle sue fragilità, annientando ogni possibile filtro tra lui e chi ascolta. E lo fa unendo linguaggi completamente diversi, si muove dal cantautorato più tradizionale al rap. Canta, molto bene, e aggiunge, a volte, strofe incalzanti con parole serrate, avvicinandosi alla comunicazione dei più giovani. Sul palco convince ed emoziona, davvero e tanto.

Il suo è un linguaggio diretto e sincero, non c’è spazio per inutili fronzoli, tramite il quale rivela la sua voglia a ribellarsi alla vita quando le cose non vanno come si desidera “e se la vita si ribella, tu ribellati con lei”, urla in “Giusy”. Quasi sempre lo fa suonando il pianoforte, ed è proprio mentre accarezza i tasti che, tra una frase e l’altra, sembra farci respirare le sfumature più profonde della sua anima.

Ma Ultimo non si ferma qui. C’è un 2019, iniziato già con due album in classifica da quasi un anno, pronto a regalare nuove emozioni a tutti coloro che lo seguono: Sanremo, il suo terzo album “Colpa delle Favole” e un tour con i biglietti già in esaurimento.

I piedi di Ultimo restano ben saldi a terra, ma lo sguardo no, quello è rivolto sempre verso l’alto, nella direzione delle stelle, è lì che si spinge con la sua immaginazione e la sua costante necessità di evasione “senza mai sapere dove ti portano i passi, è la fantasia che trasforma in pianeti i sassi”, sintetizza in una delle canzoni che più lo rappresenta, “Pianeti”.

In un panorama musicale italiano in cui la cosiddetta musica indie ha raggiunto platee impensabili fino a qualche tempo fa; in cui i talent tentano ancora di mostrarci proposte; in cui la trap ha conquistato il pubblico dei giovani; si è fatto spazio da solo un giovane cantautore moderno, Ultimo, il quale nella sua canzone manifesto, “Sogni appesi”, rivela se stesso “da quando ero bambino, solo un obiettivo, dalla parte degli ultimi, per sentirmi primo”.

La sua nitida identità e il suo grandissimo talento gli forniscono la chiave per scrivere importanti pagine della musica italiana, destinate sicuramente a restare.

Ora, Niccolò, puoi volare davvero, proprio come Peter Pan.

Comments on Facebook

Comments are closed.