Road to Sanremo Giovani: vi presentiamo FEDRIX & FLAW e GIULIA MUTTI, in gara per un posto al Festival

SIA: in rotazione radiofonica il nuovo singolo “I’m Still Here”
10 Dicembre 2018
BACI E ABBRACCI A MEZZANOTTE: a Modena il Capodanno con l’Orchestra Mirko Casadei, Adriano Pappalardo e la compagnia Lux Arcana
11 Dicembre 2018

Road to Sanremo Giovani: vi presentiamo FEDRIX & FLAW e GIULIA MUTTI, in gara per un posto al Festival

Al festival dei Big mancano ancora un paio di mesi, ma per le nuove proposte di questo Sanremo si avvicina il suono della campanella: il 20 e 21 dicembre 24 artisti verranno chiamati a dimostrare di meritarsi il primo posto a Sanremo Giovani, la kermesse nella kermesse nata come costola della competizione dedicata ai Big e fortemente voluta da Claudio Baglioni per dare più risalto ai talenti emergenti.

Tra pochi giorni Pippo Baudo e Fabio Rovazzi dal Teatro del Casino’ di Sanremo ci presenteranno ufficialmente le 24 canzoni e i 24 concorrenti in gara. Sino ad allora però abbiamo tempo per conoscerli meglio attraverso il nostro Road to Sanremo Giovani, occupandoci oggi del duo Fedrix & Flaw e di Giulia Mutti.

FEDRIX & FLAW – “L’IMPRESA”

Fedrix & Flaw come Federico e Flavia Marra, i due fratelli capitolini in corsa a Sanremo Giovani con il brano “L’impresa” (Warner Music) finiti nella rosa dei 24 finalisti direttamente da Area Sanremo.

Un duo curioso il loro, e non solo per il nome un po’ da cartoon alla Asterix e Obelix che si sono scelti. Fossero nati oltreoceano probabilmente Fedrix & Flaw ora sarebbero già delle acclamate leggende tra i teen idol sfornati da Casa Disney. Due ragazzi dalla faccia pulita, genuini quanto la canzone con cui sono in gara a Sanremo Giovani, un brano carico di bei sentimenti da bravi ragazzi. Il loro “L’impresa”, è infatti un pezzo “da life coaching” che incoraggia a rincorrere i propri obiettivi facendosi forza dal supporto e dall’amore di chi ci è caro che sia un fidanzato, un genitore o un fratello.Fedrix & Flaw Sanremo Giovani

Un brano semplice e propositivo accompagnato da un motivetto leggero con tanto di fischiettio spensierato che chiama il “clap”, l’accompagnamento a tempo con il battito delle mani. L’asso nella manica de “L’impresa” di Fedrix & Flaw, come già detto, è il suo essere una canzone genuina che dimostra d’avere l’età che ha: quella dei 2 ragazzi che le danno voce e cuore. E menomale. Perché di giovani che cantano goffamente di problemi da adulti, ne siamo anche stufi.

Del loro brano Fedrix & Flaw dicono che: “È molto coinvolgente, fresco e fatto letteralmente in casa da noi che siamo fratelli. Ed è un bel messaggio che vogliamo dare da giovanissimi ad altri giovani ragazzi che hanno un sogno e vogliono perseguirlo aiutati da un amore affianco”.

In gamba e completi lo sono. I fratelli Marra hanno studiato tanto diventando entrambi anche abili polistrumentisti: suonano tastiere, ukulele, percussioni, chitarra. Ma farcela in mezzo ad altri 23 leoni in gara “agguerriti” quanto loro sarà comunque “un’impresa”. In qualsiasi modo dovesse andare a finire la loro avventura a questo Sanremo Giovani non possiamo che ricambiare la carica emotiva del loro brano e augurare a Fedrix & Flaw di salire sempre più vicini alla vetta dei loro sogni.

GIULIA MUTTI – “ALMENO TRE”

“Sesso debole” sì, ma sino a un certo punto. A questo Sanremo Giovani che anche le donne possano avere gli attributi quanto gli uomini ce lo ricorderà Giulia Mutti, cantautrice e musicista pop-rock toscana selezionata tra le nuove proposte con l’energico “Almeno Tre” (BMG Rights Management). Giulia Mutti Sanremo Giovani

Una canzone di rivincita, la sua. Un pezzo che si fa portavoce di tutte quelle donne che delle ferite riescono a fare un promemoria per avere la grinta di andare avanti e riprendersi “almeno tre” volte quanto gli spetta e gli è stato invece tolto. La Mutti canterà a Sanremo Giovani il suo inno di riscatto del “sesso debole”. E per un messaggio così immediato e volitivo non poteva che esserci un tappeto sonoro altrettanto potente: un arrangiamento pop-rock con un sottofondo di chitarre elettriche che si alternano alla voce del pianoforte.

Del suo brano la Mutti dice: “Almeno tre è energia, orgoglio e determinazione. Forza che spacca gli argini di una vita dimessa. È voglia di farcela, di prendere la propria vita in mano e trascinarla fuori da ogni negatività”.

Piccola curiosità: abbiamo scoperto che la giovane toscana ha un rito scaramantico. Salire sul palco con le mani tatuate con un pennarello nero. E chissà se energia, determinazione e scaramanzia saranno il cocktail vincente che farà guadagnare a Giulia Mutti un primo posto a questo Sanremo Giovani.

Comments on Facebook

Comments are closed.