CESARE CREMONINI esce con “Possibili Scenari per Pianoforte e Voce”, il non-repack che onora la musica italiana

MÅNESKIN: tutte le date de “Il Ballo della vita tour” sono sold out! Quasi 100mila i biglietti venduti
7 dicembre 2018
X Factor 12
X FACTOR 12, alle semifinali fuori Leo Gassman e Martini Attili. E Manuel Agnelli getta la spugna
7 dicembre 2018

CESARE CREMONINI esce con “Possibili Scenari per Pianoforte e Voce”, il non-repack che onora la musica italiana

Cesare Cremonini

Uno dei grandi classici del Natale in Italia è la capacità di fare i regali fino alle 19.29 del 24 dicembre (“Negoziante.. stai chiudendo?” come cantava Elio), accontentandosi delle briciole lasciate negli scaffali dei negozi dai più previdenti, forti del fatto che tanto “Basta il pensiero“. Un altro grande classico è che di solito negli stessi scaffali, anche alle 19.29 del 24 dicembre, potremmo trovare una bella quota di special edition, repack natalizi e quant’altro, di gran parte degli album usciti durante l’anno.

Una prassi consolidata ormai, che vede le case discografiche contente di poter aggiornare un po’ il contatore delle vendite prendendo ossigeno dai regali di Natale. E, diciamocelo, i repack sono per lo più gli stessi dischi già ascoltati in primavera, con qualche inedito piazzato qui e lì, una cover di Jingle Bells per i più fortunati e tanto materiale (cartaceo, fotografico) interessante solo per i fan più accaniti.

Ecco, diciamo che di solito i repack di Natale sono un po’ come la corazzata Potemkin, senza i 92 minuti d’applausi però. Ma ogni tanto, fortunatamente, ci sono Artisti, con la A maiuscola, che invece di piegarsi alla solita special edition decide di reinventare totalmente un disco, stravolgendo arrangiamenti, scarnificando il sound e regalando ai propri ascoltatori un album che, c’è poco da fare, è un altro album rispetto all’originale. E’ il caso di Cesare Cremonini, fuori oggi con “Possibili Scenari per pianoforte e voce”, la versione piano e voce dell’ultimo album di inediti “Possibili Scenari“.

Un progetto che mette al centro la canzone, in quanto forma ed in quanto scrittura, che rielabora anche singoli radiofonici a manetta in atmosfere intimiste e toccanti, riuscendo a funzionare ugualmente. “Penso sia il momento giusto in cui pubblicare un album come “Possibili scenari per pianoforte e voce”- spiega Cesare Cremonini – perché offre la possibilità di ricondurre il pubblico ad un ascolto della musica più attento, paziente e meno frenetico: significa svelare, uno ad uno, i segreti nascosti nelle mia canzoni, donare al pubblico la loro purezza. Brani come “Poetica”, “Nessuno vuole essere Robin”, “Kashmir-Kashmir” e la stessa title track dell’album, ad esempio, in queste versioni notturne, rielaborate liberamente, registrate ad occhi chiusi e senza sovrastrutture di arrangiamenti, costringono all’abbandono anche chi quelle canzoni le canta, slegandoci dalla velocità con cui la musica viene “consumata” oggi. I tasti di avorio del pianoforte, ogni mio respiro che separa i versi delle canzoni, hanno un ruolo in questa trasformazione: realizzarla mi ha convinto ancora di più che il piacere della musica può svegliare il nostro tempo”.

Forse il piacere della musica non sveglierà il nostro tempo, ma sicuramente lo addolcirà. E altrettanto certamente, non aspettate il pomeriggio del 24 dicembre per regalare un disco, c’è il rischio di trovare solo repack annacquati..

 

Comments on Facebook

Comments are closed.