ANDREA AMATI, due nuove date a Roma dopo il tour estivo – INTERVISTA

Tonight is the night: al via stasera X FACTOR 12. Cosa sapere prima del “fischio d’inizio”
6 Settembre 2018
Lucio Battisti
LUCIO BATTISTI: fuori il 14 settembre tutti gli album rimasterizzati dai nastri originali in versione vinyl replica
7 Settembre 2018

ANDREA AMATI, due nuove date a Roma dopo il tour estivo – INTERVISTA

Andrea Amati prosegue il suo tour con due date a Roma: il 13 settembre al Lanificio159 (Via di Pietralata, 159) alle 15:20 nell’ambito del KeepOn live fest (prevendite su http://www.keeponlive.com/live-fest/ con i biglietti in Early bird a prezzo speciale di 10 €) e il 14 settembre al The Yellow Bar (Via Palestro, 51 – ingresso gratuito) dalle 21:30, sempre all’interno del circuito di eventi organizzati da KeepOn Live. In questi due appuntamenti.

Nel corso del concerto, il cantautore presenterà i brani del suo repertorio e gli estratti dal suo ultimo album di inediti “Bagaglio a mano”, pubblicato per Borsi Records e prodotto da Massimo Marches, che lo accompagnerà alla chitarra in entrambi i live. Il disco comprende 9 tracce, scritte e arrangiate dallo stesso Andrea Amati e una cover (La ballata della moda di Luigi Tenco) e, ispirato dall’omonimo libro di Gabriele Romagnoli. Si tratta di un progetto in cui l’autore ha voluto mettersi alla prova, sperimentando nuove sonorità e un nuovo approccio alla scrittura, collaborando anche con i più giovani e promettenti artisti della nuova scena musicale emiliana.

“’Bagaglio a mano’ rappresenta la mia voglia di mettermi in gioco – dice Amati – di raccontare in musica l’essenziale, quello che proprio non posso fare a meno di raccontare. È un disco in parte ispirato al libro di Gabriele Romagnoli “Solo Bagaglio a Mano” che ho letto al momento giusto e quasi per caso durante un viaggio in treno.Ho cercato una linea che coniugasse i miei ascolti della grande canzone d’autore italiana e la leggerezza musicale del miglior pop d’autore senza pormi alcun limite di arrangiamento. Mi piace che i brani che canto siano orecchiabili e dicano qualcosa, credo sia un traguardo importante da porsi come autore e musicista. Leggerezza e immediatezza possono essere al servizio della storia che si racconta.

Il tour e l’esperienza con i NomadiHo fatto una quindicina di date in Italia – racconta – come opening dei Nomadi ed è stato magnifico suonare tutte le sere davanti a migliaia di persone le canzoni che mi rappresentano; pur con 55 anni di carriera alle spalle mantengono vivi un entusiasmo e una professionalità contagiosi, è stato bellissimo entrare per qualche mese nella grande famiglia nomade e sarò sempre grato a Beppe Carletti per la grande possibilità regalatami. Parallelamente ho suonato tanto anche con i miei musicisti per i miei concerti e sono molto soddisfatto di vedere come questo disco dal vivo acquisisca potenza e arrivi alle persone”.

Le nuove date al Keep On LiveSeguo Keep On Live da anni, è ormai uno dei pochissimi punti di riferimento autentici per chi vuole fare musica originale dal vivo, sia per gli artisti che per i locali e i club. Partecipare al Keep On Fest, addirittura in due momenti diversi, lo considero un ottimo punto di partenza; suonerò entrambe le sere insieme a Massimo Marches alle chitarre, offrendo una versione estremamente intima del mio repertorio”.

Futuri appuntamentiLa cosa più straordinaria – prosegue Amati – che mi sia capitata quest’anno, insieme al tour con i Nomadi, è l’essermi aggiudicato il bando Siae ‘S’illumina’ che mi permetterà di finanziarmi un tour. Ho intenzione di portare questo disco in giro, di farlo sentire a più orecchie possibili e di allargare il mio circuito in maniera importante. Non vedo l’ora di iniziare, non so bene quando partiremo ma sicuramente tra l’autunno e l’inverno saremo pronti e di nuovo sul palco, dopo le tante soddisfazioni che ci siamo presi in estate”.

Comments on Facebook

Comments are closed.