WRONGONYOU conquista il Castello, il tour di “Rebirth” è passato per Milano – INTERVISTA

MOGWAI & FRANZ FERDINAND, una serata british all’Auditorium per il Roma Summer Fest
11 Luglio 2018
Cesare Cremonini
CESARE CREMONINI, lo spettacolo continua! Da ottobre 16 date nei palazzetti
12 Luglio 2018

WRONGONYOU conquista il Castello, il tour di “Rebirth” è passato per Milano – INTERVISTA

Wrongonyou fa tappa a Milano con il tour di “Rebirth”, l’album dell’artista romano pubblicato a febbraio su etichetta Carosello Records. Dopo una serie di fortunate date all’estero, Marco Zitelli si prende la splendida cornice del Castello Sforzesco e offre un concerto intenso e coinvolgente. Sul palco della manifestazione “Estate sforzesca” (che durerà fino al 26 agosto) ha proposto il meglio del suo repertorio, accompagnato dalla sua storica band e con un ospite d’eccezione: il pianista Dardust.

L’anno scorso in questo stesso periodo stavo suonando a Milano in un chiostro – scherza Wrongonyou salutando il pubblico – direi che siamo migliorati molto”. Poi due ore di concerto con la sua voce potente ed emozionante a incantare il pubblico presente. Ha presentato il singolo “Family of the year”, nuovo estratto dall’album e diventato l’inno della recente Pride week e poi le celebri “Rebirth”, “Tree”, “Son of winter”. Un crescendo di emozioni con Marco che spinge il pubblico ad alzarsi e portarsi sotto il palco con un “Famose caccià tutti”. Poi il momento più alto dell’esibizione quando stacca tutti i jack e nel silenzio della notte sforzesca canta “Sweet Marianne”. Un “unplugged” fuori programma mostruoso, un momento pazzesco che il pubblico, Marco e la sua band si porteranno a casa come un grandissimo momento.

Wrongonyou saluta il pubblico alla sua maniera, spontaneo e ironico come si presenta alle interviste: scende dal palco e termina l’ultima canzone in mezzo al suo pubblico. Trascina sotto tutta la band e si prende il meritato applauso che riempie la notte al Castello, la sua notte.

Prima del concerto lo abbiamo incontrato per quattro chiacchiere in amicizia, ecco cosa ci ha detto nella nostra videointervista

Comments on Facebook

Comments are closed.