MOTTA e il suo rinnovato ottimismo in “Vivere o Morire” – INTERVISTA

CITTADELLA MUSIC FESTIVAL: sua maestà LAURYN HILL incanta Parma – REPORTAGE
26 Giugno 2018
PARCO SCHUSTER, dal 29 luglio a Roma un nuovo festival
26 Giugno 2018

MOTTA e il suo rinnovato ottimismo in “Vivere o Morire” – INTERVISTA

Motta

foto di Claudia Pajewski

Qualche anno fa lo incontravi per strada al Pigneto, o tra gli spettatori in qualche concerto all’Ex Dogana. Oggi pure, ma il buon Motta oramai lo incontriamo anche in palchi prestigiosi e televisivi come quello del Wind Summer Festival in Piazza del Popolo a Roma.

E non potrebbe essere altrimenti, visto che il suo “Vivere o Morire“, uscito ad aprile per Sugar, è uno dei dischi italiani più belli dell’anno, celebrato da pubblico e critica, in gara tra l’altro per la vittoria alle targhe Tenco (nella categoria Miglior Album e in quella Miglior Canzone con la titletrack “Vivere o Morire” e con “Mi parli di te“).

Un disco bello, nel più nobile e antico dei significati. Un disco che sprizza ottimismo da ogni canzone, specie rispetto al precedente e più malinconico “La fine dei vent’anni“. Cosa è cambiato nell’animo e nella musica di Francesco Motta, protagonista di una lunga gavetta fino ad arrivare ad essere uno dei più apprezzati cantautori del panorama musicale italiano?

Ce lo spiega direttamente lui ai nostri microfoni, durante le prove del concertone romano in Piazza del Popolo: ecco la nostra video intervista a Motta!

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.