Per #4Emergenti SAFFELLI: il “cantautore in borghese” che canta della generazione tra gli –enti e gli –enta

Riki
RIKI: online il video “Dolor de Cabeza” in featuring con i CNCO
30 maggio 2018
Fedez & J-Ax
J-AX & FEDEZ: sold out per “La Finale”, venerdì a San Siro e su Rtl 102.5. Aprirà la Dark Polo Gang
31 maggio 2018

Per #4Emergenti SAFFELLI: il “cantautore in borghese” che canta della generazione tra gli –enti e gli –enta

SAFFELLI

#4Emergenti fa tappa a Milano per presentarvi Saffelli, il “cantautore in borghese” nuova voce del panorama “it-pop”.
Scrive e suona dall’adolescenza, ha iniziato facendo rap ma ha poi virato verso il pop ed è in questa nuova fase che hanno visto la luce i primi 5 singoli di cui l’ultimo, “Amsa”, è uscito poche settimane fa per Oyez! . Più che cantautore vero e proprio preferisce definirsi “cantautore in borghese” il nostro #4Emergente di oggi.

Non è ascrivibile alla cerchia del bel canto all’italiana, né ha la pretesa di rientrarci. Saffelli è un cantautore “di un’altra razza”, più vicino al mondo dell’indie pop alla Stato Sociale e Calcutta. Non uno di quelli che apprezzi per doti canore, estensione o manierismi vocali. È per altro che il nostro #4Emergente di oggi ci ha incuriositi.

Per la vivacità della sua penna e la capacità di scrivere testi, semplici e diretti, che parlano per immagini in cui la generazione divisa tra gli –enti e gli –enta facilmente sa riconoscersi. Per intenderci, i brani di Saffelli sono di quelli che mentre li ascolti ti strappano un sorrisetto perché ti riportano alla mente scene di vita ordinaria e di ordinaria follia che anche tu hai vissuto: le capatine nei soliti locali di punta, le gioie e i dolori del Milan, le spese al super da universitari, i pomeriggi al mare dell’infanzia con la nonna “parcheggiata” al fresco dell’ombrellone, quel legame odi et amo che si risveglia tra i 20 e i 30 in quella fase in cui per la prima volta ripensi sul serio a quello che hai già perso ma a cui ancora non hai voglia di rinunciare, contando “sul riciclo” quando sarà portato via dalla nettezza urbana. Slice of life raccontati con un sottofondo di ironia “saffelliana”. SAFFELLI

Uno stile “urban-indie-pop” il suo in cui spesso si riconoscono i contorni di Milano, la città vissuta e consumata dal nostro “cantautore in borghese”. Al momento alcun album pubblicato, nonostante materiale almeno per un primo Ep ce ne sia. Saffelli ha preferito lasciarsi scoprire dal pubblico di ascoltatori con una strategia diversa: sfornando singoli da sparare come cartucce uno dopo l’altro a distanza di pochi mesi. È tra il 2017 e il maggio del 2018 che sono usciti “Corso Indipendenza” che inquadra a meraviglia la generazione degli ex adolescenti alle prese col mondo degli adulti, “Verve” feat. I Miei Migliori Complimenti, finito nella viral 50 di Spotify, “Bagni Italia”, un brano teneramente nostalgico che ha un sapore simile alla più nota “Guardia ‘82” di Brunori Sas, “Thè”, una dichiarazione d’amore che suona più come una lista della spesa che come una sdolcinata ballad romantica, e poche settimane fa il nuovo “Amsa” che, giocando con il nome della società milanese che si occupa dello smaltimento di rifiuti, parla di ciò che è andato ma che non siamo ancora disposti a perdere.

Mentre attendiamo d’ascoltare i prossimi singoli che vorrà darci in pasto, facciamo il nostro “in bocca al lupo” al “cantautore in borghese” consigliandolo a chi ancora non lo conoscesse. Chissà non finisca anche nella vostra di playlist su Spotify.

Nome: Saffelli

Album: al momento zero

Genere: it-pop

Curiosità: Saffelli è all’anagrafe Marco Alberti. Il (cog)nome d’arte, è un’evoluzione della tag che si era scelto nella fase rap

Frase tratta da uno dei suoi brani: “In fondo pensare che la digestione è la cassa integrazione di un bimbo che ha appena compiuto 10 anni. E mentre i ragazzi più grandi giocavano a beach volley, io son sull’attenti. Riporto la palla, come lavoretto, il mio primo vero contratto a progetto” (da “Bagni Italia”)

Artisti simili: Dente, Lo Stato Sociale, Calcutta

Link utili: www.facebook.com/ssaffelli

Comments on Facebook

Comments are closed.