FABRIZIO MORO: “L’eternità (il mio quartiere)” è il nuovo singolo feat. ULTIMO

The Voice of Italy Rai2
THE VOICE OF ITALY 2018: cominciano domani su Rai 2 i Knock Out
18 Aprile 2018
5 second of summer
5 SECONDS OF SUMMER protagonisti di RTL 102.5 Live session
18 Aprile 2018

FABRIZIO MORO: “L’eternità (il mio quartiere)” è il nuovo singolo feat. ULTIMO

Fabrizio Moro torna da venerdì 20 aprile con il nuovo singolo “L’eternità (il mio quartiere)“, cantato insieme ad Ultimo, il vincitore della sezione giovani di Sanremo 2018.

L’incontro tra i due cantautori, entrambi provenienti dallo stesso quartiere, avviene, la prima volta a maggio 2017 quando Ultimo viene invitato da Fabrizio ad aprire il suo concerto al Palalottomatica di Roma. Da quel momento nasce un’amicizia e una stima reciproca. Dopo la vittoria di entrambi a Sanremo, Fabrizio e Niccolò si incontrano e decidono, di rielaborare insieme, il brano “L’eternità” già pubblicato nell’album “L’inizio” e in versione riarrangiata e rimasterizzata in “Parole Rumori e Anni“. Nasce così, la versione 2018 di questo pezzo, ribattezzato “L’ETERNITA’ (IL MIO QUARTIERE)” in radio e in digitale da venerdì 20 aprile.

In fondo ‘l’eternità per me, sei tu‘: è questa l’espressione chiave di questo brano racconta Fabrizio. “L’eternità è una parola lunga e larga e come questa non ne esistono tante, forse nessuna. Ognuno ne può dare la propria interpretazione a seconda di quello che sta vivendo. E’ una grandissima dichiarazione d’amore in tutto tondo con tutta la consapevolezza che ne deriva.”

In Ultimo, rivedo me a 20 anni” – dice Fabrizio Moro, “le stesse radici, la stessa rabbia, la stessa voglia di emergere… Lavorando insieme, ho avuto come la sensazione di poter trovare nuovamente un equilibrio con il mio passato

Per me poter dire di aver partecipato ad un brano di Fabrizio, cantandolo insieme è già una vittoria – dice Ultimo. “Questo pezzo rappresenta la voglia di emergere e di durare per sempre. Quello che ho voluto fare nel testo, è descrivere l’eternità in ‘fotografie’. Tutte quelle piccole cose che poi vanno a formare la vita

Comments on Facebook

Comments are closed.