JOVANOTTI: il salone delle feste del “Lorenzo Live 2018” arriva a Roma! E a luglio si torna a Milano

Eterna Compleanno di Roma
ETERNA#2771, il compleanno di Roma con Piotta, Adriano Bono, Briga, Elodie e tanti altri
17 Aprile 2018
Primo Maggio
PRIMO MAGGIO ROMA: nella line up anche Lo Stato Sociale, Ministri, Francesca Michielin, Gemitaiz, Ultimo e Gazzelle
17 Aprile 2018

JOVANOTTI: il salone delle feste del “Lorenzo Live 2018” arriva a Roma! E a luglio si torna a Milano

Jovanotti Forum Milano Live

Il Salone delle Feste di Lorenzo Live 2018 arriva a Roma! Dopo 32 serate gremite, lo show di Jovanotti che ha già conquistato Milano (12 serate), Rimini (3 serate), Firenze (9 repliche), Torino (5 repliche), Bologna (3 repliche), arriva nella capitale per 10 nuove repliche: ad aprile il 19 e 20, 22 e 23, 25 e 26, 28 e 29 e l’1 e il 2 maggio.

La seconda parte del tour apre i battenti al Palalottomatica e, in occasione del debutto, Trident Music, la società che da oltre trent’anni produce gli show di Jovanotti, annuncia una GRANDE FESTA FINALE.

Dopo il debutto le 12 repliche sold out, Lorenzo Live 2018 torna infatti a Milano per due serate conclusive il 3 e il 4 luglio al Forum di Assago, battendo se stesso con il record assoluto di 14 repliche nel capoluogo lombardo e chiudendo il tour da dove era partito e da dove trenta anni fa è partita la sua carriera.

Sto recuperando! Ho avuto un piccolo edema alle corde vocali e mi sto sottoponendo a tre giorni di silenzio totale. Ma sto recuperando e giovedi debuttiamo a Roma!”, ha commentato Lorenzo a margine dello spostamento della data prevista per il 16 sera alla Unipol Arena di Bologna e slittata al 4 maggio (per info www.tridentmusic.it) . “Il nuovo show è una festa, una dichiarazione d’amore, una celebrazione della vita, della fantasia, della forza dell’immaginazione, dell’apertura, dell’incontro, della libertà. Sono contento di arrivare a Roma!

Lorenzo Live 2018, è una grande festa,  il più incredibile di tutti i concerti di Lorenzo, ha già entusiasmato più di 300 mila persone e ha già totalizzato 44 serate sold out: lo spettacolo comincia appena si entra nel Palazzo: 13 grandi lampadari trasformano lo spazio in un vero e proprio salone delle feste mentre le note dell’Ouverture del Guglielmo Tell di Rossini accompagnano il pubblico a prendere posto.

Mi rendo conto di essere nel cuore di un tour incredibile, ogni sera spremiamo il palasport come un arancia e ci beviamo il succo tutti insieme. Io un’atmosfera così non l’ho mai vissuta in nessun concerto a cui sono stato, sia sul palco che come spettatore.

In scena con Lorenzo: Saturnino (basso), Riccardo Onori (chitarra), Christian Rigano (tastiere e synth), Franco Santarnecchi (piano e fisarmonica), Gareth Brown (batteria), Leo Di Angilla (percussioni), Gianluca Petrella (trombone), Jordan MC Lean (tromba), Matthew Bauder (Sax).

Lo show si apre con un’opera realizzata da Manuele Fior, uno dei fumettisti italiani più apprezzati del mondo, al debutto nel mondo dell’animazione che, per la prima volta, collabora ad uno spettacolo. Partendo dall’idea di Lorenzo ha infatti scritto e realizzato un cartone introduttivo con protagonista il Jova/Don Chisciotte. Tre minuti di immagini travolgenti che introducono l’adattamento teatrale di Corrado D’Elia recitato in spagnolo dalla magica voce di Miguel Bosè.

Il cuore di tutto è la musica naturalmente, le mie canzoni in questa sequenza pensata come un unico flusso in tre atti (più i bis).Non ho mai avuto una band in stato di grazia come stavolta, con una grande nuova sezione fiati e i miei musicisti, collaboratori di sempre, ancora più a fuoco. Chiedo molto alla mia band perché in questo concerto le atmosfere cambiano di continuo e per un musicista si tratta di spingere sempre al massimo e sempre in modo diverso. La spina dorsale dello show è la musica e il viaggio di passare dalle atmosfere acustiche all’hip hop al dancehall alla disco al rock’n’roll senza fermarsi mai. Rispetto ai miei show degli ultimi dieci anni qui c’è un cambio di direzione verso un’idea più decostruita del concerto, più libera da qualsiasi schema, è un tour all’insegna della mia idea di rock’n’roll show.

Si parte con Ti porto via con me, il brano che chiudeva Lorenzo nei Palasport 2015 e che, questa volta, apre lo show più tirato e avventuroso che Lorenzo abbia mai pensato.

Le canzoni, il secondo brano tratto da Oh, vita, l’album prodotto per Universal da Rick Rubin uscito lo scorso primo dicembre, questa settimana è al primo posto nella classifica dei brani più suonati in radio ed è anche il secondo brano dello show.

La scaletta è serratissima: si balla dall’inizio alla fine! Trenta canzoni, scenografie, luci e sorprese pensate ad hoc per ognuna delle hit della scaletta, con al centro un momento dj set di Lorenzo in console che ne raggruppa un’altra decina che cambiano ogni sera. Da L’ombelico del mondo, con i ballerini gonfiabili colorati in mezzo alla gente, a Ciao mamma, passando per Sbam!, Fame e Le canzoni; da L’estate addosso a Safari, da Tutto l’amore che ho a Il più grande spettacolo dopo il Big Bang, la scaletta è una sequenza di singoli da lasciare senza fiato. Una breve parentesi con Mi fido di te, Sbagliato, Baciami ancora e Chiaro di luna rappresenta la parte più acustica dello show. Lo show chiude con Viva la libertà, tratta dall’ultimo album Oh, vita!, prodotto da Rick Rubin, che ha già superato le 130 mila copie. Un mantra, quasi una canzone per bambini, che resta nelle orecchie e accompagna il pubblico alla fine della festa.

Comments on Facebook

Comments are closed.