SANREMO 2018. Ottimi gli ascolti della prima serata ma sulla città dei fiori è bufera mediatica su Meta e Moro. Gli ospiti di stasera

Lo stato sociale Primati
LO STATO SOCIALE: da oggi su Vevo il video di “Una vita in vacanza”
7 Febbraio 2018
Giorgieness
GIORGIENESS in concerto al Monk di Roma venerdì 9 febbraio
7 Febbraio 2018

SANREMO 2018. Ottimi gli ascolti della prima serata ma sulla città dei fiori è bufera mediatica su Meta e Moro. Gli ospiti di stasera

Sanremo 2018 Claudio Baglioni

Sanremo 2018giorno 2. È tempo di fare i bilanci sulla serata inaugurale di ieri durante cui il pubblico ha finalmente potuto ascoltare per la prima volta i 20 brani dei Campioni in gara. Venti pezzi pregni di contenuti, un Claudio Baglioni sobrio e in sordina, Michelle Hunziker padrona assoluta della conduzione, Pierfrancesco Favino canterino e di gran classe, l’eterno ragazzo Gianni Morandi perfetto nell’ospitata con duetto insieme a Tommaso Paradiso e Fiorello show. Si potrebbe sintetizzare così la prima serata di Sanremo 2018.

Eppure, eppure: le sorprese finali, a riflettori spenti, non sono mancate. Al finire della diretta, mentre il pubblico impellicciato delle grandi occasioni svuotava l’Ariston, sul Festival sono iniziati a piombare i primi polveroni. Intorno alle 2 di notte scatta il “caso Meta-Moro”. Ma procediamo con ordine, ripercorrendo i momenti salienti della serata inaugurale di Sanremo.

Sanremo 2018. Il “giallo” Moro-Meta, i sospetti di plagio ma caso a quanto pare archiviato

La nostra cronaca comincia dal finale, da quanto è accaduto a notte inoltrata fuori dalle mura dell’Ariston e sulla piazza più affollata di sempre: il web. Tutti contenti, serata che tra alti e bassi è filata comunque liscia ma a irrompere sul clima sereno del post-performance rumors che hanno fatto (e continuano a farlo) tanto baccano. Protagonista il duo super favorito della 68^ edizione: Ermal MetaFabrizio Moro e il loro brano “Non mi avete fatto niente”.

Cosa è successo? Il pezzo del duo è stato accusato di plagio: troppo simile – specie nel ritornello – a tale “Silenzio”, canzone presentata (ma non passata) alle selezioni di Sanremo 2016 per la sezione Nuove Proposte da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali. Aspetto curioso della scottante faccenda il comune denominatore: Andrea Febo, autore sia dell’ei fu “Silenzio” che co-autore di “Non mi avete fatto niente”.

Ci si chiede cosa ci sia dietro. Se troppa leggerezza da parte del duo Meta-Moro nell’accettare comunque un rischio così grosso o sei due fossero entrambi all’oscuro della cosa. Chissà, aspettiamo le dichiarazioni ufficiali da parte dei due interpreti. Per ora per loro è solo “silenzio” stampa. E ci si chiede soprattutto cosa succederà.

Sino alla conferenza stampa di questa mattina la situazione non era delle migliori: si palesava anche un’eventuale squalificazione. E dire che il picco di share è stato registrato ieri sera proprio alle 21:58 durante l’esibizione di Meta e Moro. In conferenza stampa si è tentato di archiviare il caso ma il giallo continua e il mondo giornalistico non è affatto contenti delle mezze risposte arrivate e che sanno di “pezza a colori”.

Questa mattina il primo ad essere interpellato sulla faccenda Claudio Baglioni: “Non ho sentito né Fabrizio né Ermal. Sono in attesa di notizie più chiare, ma da quanto ho capito non è plagio, è più che altro un’autocitazione di una parte di un brano”.

Cerca di chiudere il “giallo” Fasulo: “Non c’è scoop né plagio. C’è un fattore importante: il regolamento prevede che si possano rimaneggiare brani passati purché non si superi il 30%. Meta e Moro sono in gara”. Ma… i ma e i dubbi continuano ad aleggiare. Non è ancora stata fatta chiarezza.

Sanremo 2018. La conduzione: girl power anche alle redini della trasmissione

Spostiamoci ora sul terzetto a cui è stata affidata la conduzione di Sanremo 2018. Claudio Baglioni ha mantenuto fede alle sue promesse: da buon “sacrestano” per lui profilo basso. È intervenuto col contagocce, non fosse per gli esilaranti siparietti insieme a Fiorello. Michelle Hunziker invece padrona assoluta della scena, in grado di reggere il palco con no chalance. Pierfrancesco Favino elegante e contenuto che si è misurato anche con una simpatica prova canora, superata egregiamente.

Ci siamo divertiti, rispetto a quanti lo dipingevano come il luogo del terrore puro”, ha dichiarato poco fa Claudio Baglioni in conferenza stampa.

Carlo Conti non ti temo. Ascolti favorevoli per la serata inaugurale di Sanremo 2018

Diamo ora i numeri della prima serata. Più che favorevoli i dati sugli ascolti. Si temeva che l’edizione con patron Baglioni non eguagliasse i numeri della trilogia condotta da Carlo Conti ma i risultati sono stati una bella sorpresa: oltre il 52% di share e più di 11 milioni e mezzo di telespettatori per la prima serata. “Sono felice dei dati dell’ascolto, vedo tutti visi soddisfatti e i complimenti si sprecano. Ci eravamo prefissi un festival senza grandi eroismi, che dovesse descrivere il nostro mondo di artisti che usano parole e musica per affascinare gli altri. È stato un ottimo debutto” sostiene Baglioni. “Per citare Pierfrancesco (Favino ndr) il dato è tratto” ironizza.

C’è stato un senso di squadra molto forte dietro le quinte, sono molto emozionata e contenta” aggiunge la Hunziker. “Io non sono abituato a guardare i numeri ma alla soddisfazione personale perché credo che siano quelli a fare i numeri” chiude Favino.

Gli ospiti. “Laura non c’è” ma c’è stato un grande Fiorello e uno scoppiettante duo Morandi-Paradiso

Alla fine Baglioni “lo ha uscito presto”: Fiorello in scena sin dalle prime battute della serata e che dio lo benedica. Esilaranti i suoi interventi e l’interazione con la platea dell’Ariston, giocando a fare lo “scaldapubblico”.

Altrettanto degna di nota l’ospitata di Gianni Morandi che ha duettato insieme a Tommaso Paradiso su “Una vita che ti sogno”.

Sanremo 2018 – Le canzoni. Bilanci sul primo ascolto dei 20 brani Sanremo 2018 Hunziker

Tanti contenuti, dal sociale alla sempreverde tematica dell’amore, per i 20 brani in gara. Ci si aspettava qualcosa in più dagli Elii, quel colpo di genio che è mancato ed è invece arrivato da parte de Lo Stato Sociale.

E visto che la stampa ha un certo peso nel decidere le sorti della competizione, basiamoci anche sul feedback degli addetti ai lavori: applausi ieri sera perlomeno nella Sala Stampa “Lucio Dalla” per Ron e per il trio Vanoni-Bungaro-Pacifico. Più timide le reazioni per il brano di Meta e Moro. Piaciuto anche il pezzo di Diodato e Roy Paci.

Si vola verso la seconda serata – Stasera toccherà a 4 delle Nuove Proposte e a 10 Campioni salire sul palco dell’Ariston. Quanto agli ospiti attesi, ci saranno: Pippo Baudo, Roberto Vecchioni, Franca Leosini, Sting con Shaggy, Biagio Antonacci, il Mago Forest e Il Volo.

Sanremo 2018 – l’ordine di uscita dei cantanti in gara

Lorenzo Baglioni

Giulia Casieri

Mirkoeilcane

Alice Caioli

Le Vibraizoni

Nina Zilli

Diodato & Roy Paci

Elio e le storie tese

Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico

Red Canzian

Ron

Ermal Meta & Fabrizio Moro

Annalisa

Decibel

Comments on Facebook

Comments are closed.