GIORGIENESS in concerto al Monk di Roma venerdì 9 febbraio

Sanremo 2018 Claudio Baglioni
SANREMO 2018. Ottimi gli ascolti della prima serata ma sulla città dei fiori è bufera mediatica su Meta e Moro. Gli ospiti di stasera
7 Febbraio 2018
Elio e le storie tese - Arrivedorci
ELIO E LE STORIE TESE: online il video di “Arrivedorci”, singolo in gara al 68° Festival di Sanremo
7 Febbraio 2018

GIORGIENESS in concerto al Monk di Roma venerdì 9 febbraio

Giorgieness

foto di CHIARA MIRELLI

Il tour di Giorgieness continua inarrestabile e approda venerdì 9 febbraio al Monk di Roma. Biglietti disponibili in cassa; ingresso con tessera ARCI.

Dopo l’uscita di Calamite, il nuovo singolo dell’album, è possibile ascoltare in anteprima streaming su Rolling Stone ItaliaSiamo tutti stanchi”, in uscita il 20 ottobre per Woodworm/Audioglobe.
Calamite è stato registrato, prodotto e mixato da Davide Lasala presso Edac Studio di Fino Mornasco (CO) e masterizzato da Giovanni Versari.

Con il nuovo brano la cantautrice Giorgia D’Eraclea a capo dei suoi Giorgieness, prosegue il processo di crescita sia dal punto compositivo musicale che da quello delle parole. Un brano emblema del nuovo disco: aperto, diretto e pieno di suggestioni sonore e testuali, Calamite dimostra appieno la crescita e l’evoluzione fatta dalla band nell’ultimo anno e mezzo passato on the road (oltre 100 le date in poco più di un anno!) con il sorprendente debutto “La Giusta Distanza”.

Siamo Tutti Stanchi” mostra una crescita compositiva che comunque fa rimanere Giorgieness nei territori del rock italiano, dove parole e musica hanno la stessa importanza e lo stesso peso all’interno delle canzoni. Poi c’è la voce di Giorgia D’Eraclea che è un piccolo miracolo pop-soul prestato al rock ed alle sue sfaccettature.

Il nuovo disco di Giorgieness rappresenta un nuovo capitolo per la band: un perfetto equilibrio tra un’energia rock viscerale ed un sound più solido e maturo, alla costante ricerca di un nuovo spazio attraverso la voce e le armonie vocali di Giorgie d’Eraclea. “Ho scelto questo titolo perchè ben rispecchia il periodo storico che stiamo vivendo: stanchezza fisica, stanchezza da occhiaie ma anche e soprattutto quella stanchezza mentale che nasce dalla paura del fallimento” – spiega Giorgie d’Eraclea, voce e leader della band. E continua: “Il disco è una sorta di ode alla fallibilità, intesa come tensione naturale all’errore, da cui, se si ha la voglia e la forza, si può imparare a distruggersi per poi ricostruirsi. Paura del fallimento inteso anche come timore del giudizio e soprattutto del senso di umiliazione che ne consegue”.

Giorgie d’Eraclea ha messo un piede nell’età adulta. A differenza del primo disco, dove raccontava e “urlava” ciò che stava vivendo in quel momento con la rabbia tipica dei 20 anni, ora, con la lucidità del ricordo, va oltre: “Il senso più profondo è di nuovo qualcosa di egoistico e privato, un discorso con me stessa per raccontarmi davvero quello che sento e come lo sento. Sono riuscita però a partire da esperienze personali per parlare di argomenti più ampi e temi sociali che non possono lasciarci indifferenti”.

Fan attenti sia al suono potente generato dalla band nei live, sia alle parole e alla voce di Giorgie che colpisce a testa-cuore-pancia di chi se la ritrova davanti “armata” di microfono!

Giorgieness dal vivo ed in studio sono: Giorgie D’Eraclea (voce e chitarre), Davide Lasala (Chitarre e pianoforti), Andrea De Poi (Basso), Lou Capozzi (Batteria)

 

Comments on Facebook

Comments are closed.