RHÒ: esce il 2 febbraio l’album “Neon Desert”, un viaggio in un deserto notturno ed elettronico

Sfera Ebbasta - tour
SFERA EBBASTA: raddoppiano le date di Roma e Torino per il “Rockstar Tour 2018”
1 Febbraio 2018
Sanremo 2018
#AspettandoSanremo. NINA ZILLI canta della violenza sulle donne con la sua “Senza Appartenere”
1 Febbraio 2018

RHÒ: esce il 2 febbraio l’album “Neon Desert”, un viaggio in un deserto notturno ed elettronico

Rhò

Sonorità scure e calde, un sound intenso e vibrante, un’elettronica emozionale, elaborata e avvolgente. Una dimensione sonora a metà strada tra il soul di James Blake e l’R’nB di The Weeknd, tra la pomposità di un’opera Wagneriana e il minimalismo di Jamie XX.

Tutto questo è “Neon Desert“, il nuovo disco di Rhò in uscita il 2 febbraio pubblicato da Gibilterra e distribuito da Believe.

A tre anni di distanza dall’ultimo EP “Nebula“, Neon Desert si compone di nove canzoni tutte in inglese, unite e legate dal titolo immaginifico ed evocativo, dove l’artista propone variazioni timbriche tipiche di una dimensione più clubbing rispetto al folk del passato e prodotte mixando dei bit r’n’b a suoni distorti e flautati.

Alla permeante e viscerale profondità del suono si unisce quella dei testi, che parlano dei temi più vari in modo mai banale. Rapporti difficili e amori intensi, disagi contemporanei e battaglie sociali si permeano di synth distorti, di groove drammatici e della tanto improbabile quanto efficace unione di flauto traverso ed elettronica.

Il disco è stato anticipato dall’uscita del video di “Black horse“, realizzato completamente in CGI dallo studio Creative Nomads. Il video è partito da un’idea molto semplice e chiara: un artwork animato che diventa un’esperienza installativa in cui un cavallo in corsa, riprodotto in 3D, attraversa scenari in evoluzione, bucando un simbolico velo dell’affermazione. Dall’oscurità alla luce, il cavallo nero di Rhò racconta una direzione sonora nuova del suo percorso musicale. Più soul ed elettronica.

Neon Desert si inoltra dunque nel deserto personale di Rhò, quello spazio infinito, estremo, che talvolta spaventa e altre volte sa consolare e tenere i pericoli lontani. Uno spazio della mente in cui l’artista ha la possibilità di ascoltare i suoni della propria memoria, per poi restituirli sotto forma di canzone in luoghi in cui l’elemento del neon racconta circostanze notturne, fatte di socialità e di ambiguità.

Musicista dalle mille sfaccettature, con la sua produzione Rhò ha da sempre trovato grande spazio nei contesti creativi più vari e internazionali: dalle collaborazioni con la Settimana della Moda di Milano alle produzioni cinematografiche nazionali (da “The Young Pope” a “Il padre d’Italia“, dove nella colonna sonora è inserita anche la sua “Hold On“) e internazionali, (il brano “As you hope” viene scelto da Ridley Scott per la campagna promozionale del film “Killing Kennedy”) arrivando alla collaborazione per lo sviluppo di The Hood, indumento dotato di dispositivo musicale elaborato a fine 2015 ad Atlanta insieme a un team di ricercatori del progetto Google Glass.

In Neon Desert la voce ottiene un totale primo piano naturale, proprio in un periodo in cui solitamente passa attraverso tanti vocoder, dove abbondano effetti e armonizzazioni.

A sostenerla, in una sapiente alternanza, una strumentazione sia acustica (piano elettrico, chitarra acustica, flauto traverso e batteria) che elettronica (Ableton Live con tastiera StudioLogic VMK188 e MicroKorg).

L’artwork di copertina di Neon Desert è stato creato da Stavros Bilionis, un designer greco di base a Londra, seguendo un concept che unisce uno scenario etereo con un elemento geometrico dal colore quasi aggressivo. Il risultato è un equilibrio tra dimensioni e trattamenti visivi che traducono il legame tra buio e luce presente nel disco.

Neon Desert è un disco scritto nel corso di un anno, in modo maturato e rilassato. Un disco che rallenta, un album senza fretta, che tratteggia un’immagine più completa e definitiva del suo autore, quasi come se fosse il primo disco ma con tutta la consapevolezza frutto di anni di lavoro ed esperienze.

Rhò non tralascia le sue multiple fonti di ispirazione, in primis quella cinematografica che da sempre ne contraddistingue la carriera, ma vi aggiunge atmosfere e sonorità finora rimaste sopite nella sua produzione.

Un disco che nasce nella notte e si sposta nel giorno, che vuole ricondurre a una dimensione accogliente, che si dimostra capace di condensare le più svariate ispirazioni e sensazioni in un suono di maestosa ricchezza, decisa originalità e penetrante sensibilità.

Comments on Facebook

Comments are closed.