#AspettandoSanremo. LO STATO SOCIALE all’Ariston con “Una vita in vacanza”

Eminem Milano
EMINEM: per la prima volta in concerto in Italia il 7 luglio all’Area EXPO-Experience Milano
29 Gennaio 2018
Thirty Seconds to mars Milano
Milano Rocks: THIRTY SECONDS TO MARS sono il primo gruppo headliner annunciato
29 Gennaio 2018

#AspettandoSanremo. LO STATO SOCIALE all’Ariston con “Una vita in vacanza”

Sanremo 2018

A rappresentare l’indie italiano (qualunque cosa esso sia) al festival di Sanremo 2018 ci saranno loro, Lo Stato Sociale, i cinque ragazzi bolognesi che da 2009 (anno di formazione della band) ad oggi hanno fatto parlare molto di loro, conquistando una serie di successi difficilmente pronosticabili agli esordi.

Scanzonati e cazzoni, impegnati ma leggeri, Lo Stato Sociale arrivano all’Ariston sull’onda di un disco di assoluto successo come “Amore, lavoro ed altri miti da sfatare“, l’album della loro “svolta pop”, e lo fanno con un brano poco sanremese ma di sicuro impatto come “Una vita in vacanza“: un intro sinfonico e poi un sound elettronico che pervade tutto il pezzo, un testo che rispecchia a pieno le caratteristiche del gruppo, con dentro parolacce, influencer e rottamatori. Non la solita canzone che parla d’amore ecco, ma sicuramente una delle canzoni più orecchiabili e radiofoniche presenti in garaLo stato sociale Sanremo 2018

Una vita in vacanza” è un’arguta riflessione sul mondo del lavoro di oggi, in cui i ragazzi mettono in discussione la tendenza sempre più diffusa ad identificare completamente l’individuo con la sua professione. É il racconto epico dello scontro fra il lavoro e la sua nemesi di sempre: la vacanza. Attraverso un elenco di professioni improbabili, il collettivo vuole spingere il pubblico a interrogarsi sui perché della nostra ricerca di definizione attraverso le scelte professionali.

Il pezzo, scritto e arrangiato da Lo Stato Sociale, unisce la canzone d’autore alle sonorità tipiche dell’elettronica, fondendo i due generi in uno stile unico ed originale. “Una vita in vacanza” è stato prodotto artisticamente e orchestrato da Fabio Gargiulo (F. Michielin, C.De Andrè, Arisa) e gli archi sono stati incisi e coscritti con Davide Rossi (Coldplay, U2, Goldfrapp).

Il singolo sanremese farà da apripista poi al nuovo album “Primati“, la prima raccolta (differenziata) della band, con tre inediti: il brano sanremese, “Fare mattina” e “Facile”.

Possibilità di vittoria? Poche, ma non pochissime. I bookmakers, memori di Gabbani, li mettono subito dietro i favoritissimi, con Eurobet che assegna loro una quota di 11 (a parimerito con Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico). Ma vittoria o meno, una cosa ve la possiamo assicurare: con loro sul palco dell’Ariston ci sarà da divertirsi!

 

Lo stato sociale – Una vita in vacanza | Testo

di A. Cazzola – F. Draicchio – L. Guenzi – A. Guidetti –
E. Roberto – M. Romagnoli
Ed. Garrincha Edizioni Musicali/EMI Music Publishing Italia – Medicina (BO) – Milano

E fai il cameriere, l’assicuratore
Il campione del mondo, la baby pensione
Fai il ricco di famiglia, l’eroe nazionale
Il poliziotto di quartiere, il rottamatore
Perché lo fai?
E fai il candidato poi l’esodato
Qualche volta fai il ladro o fai il derubato
E fai opposizione e fai il duro e puro
E fai il figlio d’arte, la blogger di moda
Perché lo fai?
Perché non te ne vai?
Una vita in vacanza
Una vecchia che balla
Niente nuovo che avanza
Ma tutta la banda che suona e che canta
Per un mondo diverso
Libertà e tempo perso
E nessuno che rompe i coglioni
Nessuno che dice se sbagli sei fuori
E fai l’estetista e fai il laureato
E fai il caso umano, il pubblico in studio
Fai il cuoco stellato e fai l’influencer
E fai il cantautore ma fai soldi col poker
Perché lo fai?
E fai l’analista di calciomercato
Il bioagricoltore, il toyboy, il santone
Il motivatore, il demotivato
La risorsa umana, il disoccupato
Perché lo fai?
Perché non te vai?
Vivere per lavorare
O lavorare per vivere
Fare soldi per non pensare
Parlare sempre e non ascoltare
Ridere per fare male
Fare pace per bombardare
Partire per poi ritornare

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.