#AspettandoSanremo. Il ritorno dei DECIBEL con “Lettera dal Duca”

Mannarino
MANNARINO: nuove date a Milano, Torino e Roma per “L’impero crollerà”
15 Gennaio 2018
Takagi & Ketra Da Sola / In the night
TAKAGI & KETRA FEAT. TOMMASO PARADISO E ELISA, online il video di “Da sola / In the Night” con Francesco Mandelli
15 Gennaio 2018

#AspettandoSanremo. Il ritorno dei DECIBEL con “Lettera dal Duca”

Sanremo 2018

Sanremo 2018 sarà il festival della lotta fratricida tra gli ex Pooh ma anche il festival delle grandi reunion. Parliamo naturalmente del ritorno insieme sia de Le Vibrazioni che dei Decibel: nella puntata odierna del nostro road to Sanremo vogliamo parlarvi proprio della band che ha fatto la storia del punk e della new wave in Italia.

I Decibel sono Silvio Capeccia, Fulvio Muzio ed Enrico Ruggeri, tre giganti della musica nostrana che, dopo un lungo periodo in cui ognuno aveva preso la propria strada, si ritrovano dove tutto era finito e tutto era ricominciato.

Sì perché la storia dei Decibel si era interrotta proprio dopo il festival di Sanremo del 1980, quando si presentarono con il brano “Contessa” strabiliando pubblico e critica. Da lì in poi qualche malumore, qualche disputa legale ma soprattutto la voglia di intraprendere una carriera solista, che nel caso di Enrico Ruggeri ha portato grandi successi e tanta celebrità (oltre che, per rimanere in tema, due festival di Sanremo vinti: quello del 1987 insieme ad Umberto Tozzi e Gianni Morandi con “Si può dare di più” e quello del 1993, vinto con “Mistero“).

I Decibel, con la formazione orfana del frontman, hanno continuato comunque a produrre ottima musica: dal 1980 al 1998 sono usciti infatti gli album “Vivo da re“, “Novecento” e “Desaparecida“, mentre anche Mino Riboni lasciava il gruppo. Sanremo2018 DECIBEL

Poi, nel nuovo millennio, il ritorno di fiamma per così dire, e sempre a Sanremo: nel 2010 infatti, Fulvio Muzio e Silvio Capeccia sono ospiti di Enrico Ruggeri nella sua esibizione di “La notte delle fate“. E da lì un crescendo di collaborazioni, ospitate e visite live più o meno inaspettate hanno portato i tre a richiudersi in sala di registrazione per pubblicare il nuovo disco “Noblese Oblige“, uscito nel 2017 e seguito da un tour nazionale di grande successo con più di quaranta date all’attivo.

E visto il grande successo della reunion, perché non tornare in un luogo tanto significativo per il gruppo come l’Ariston? Ed ecco quindi il loro grande ritorno a Sanremo, con il brano “Lettera dal Duca“, che anticipa un nuovo disco in uscita il 16 febbraio dal titolo “L’anticristo“: un lavoro che, giurano gli addetti ai lavori che hanno avuto la fortuna di ascoltarlo, è destinato a segnare il cammino del rock italiano, ammesso che Enrico e soci siano in qualche modo etichettabili in un genere preciso.

Un ritorno storico quindi, ben 38 anni dopo l’ultima apparizione insieme nella città dei fiori. Enrico Ruggeri invece è un veterano del festival, essendo la sua undicesima partecipazione a Sanremo, con due vittorie all’attivo. Riusciranno i Decibel a salire sul podio quest’anno?

I bookmakers sono scettici: Eurobet li quota a 26, penultimi del lotto prima di Luca Barbarossa (a 31). Ma ben sappiamo la capacità di sorprenderci che ha il festival.. o non ricordate gli Stadio due anni fa? Pensate, ad un mese dalla kermesse erano quotati proprio a 26..

 

Decibel – Lettera dal Duca | Testo

di E. Ruggeri – S. G. Capeccia – F. Muzio
Ed. Anyway Music/Joe & Joe – Milano – Acquaviva di Montepulciano (SI)

Passano come rondini
Possibilità e utopie
Volano senza redini
Come libere armonie.
E non conosco più leggi di gravità
Ostacoli e complessità
Raggiungo un’altra dimensione
Se chiudo gli occhi vedo l’infinito in me
Supero i miei limiti più di quanto immagini
Tu stai parlando a una persona che non c’è
Silenziosa anima che questo sole illumina
I see the towns – I see the mountains
Here in my heart – Fuori dal tempo
A new fronteer – Another game to play
Passano vecchie immagini
Indelebili su di noi
Restano frasi e musica
E quel battito sentirai
Io non capisco più certe meschinità
Le misere mediocrità
Io vivo un’altra dimensione
Se chiudi gli occhi vedi l’infinito in te
E superi i tuoi limiti più di quanto immagini
Ti accorgerai che un mondo spirituale c’è
Fuoco dentro all’anima che tutto intorno illumina
I see the towns – I see the mountains
Here in my heart – Fuori dal tempo
A new fronteer – Another game to play
I see the towns – I see the mountains
Se chiudo gli occhi vedo l’infinito in me
Supero i miei limiti più di quanto immagini
Down down, I see the wall falling…

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.