#AspettandoSanremo2018. MIRKOEILCANE tra le Nuove Proposte di Sanremo 2018 con “Stiamo tutti bene”

Sting e Shaggy
STING e SHAGGY per la prima volta insieme nell’inedito “Don’t Make Me Wait”
10 gennaio 2018
Baby k
BABY K: il video di “Roma-Bangkok” feat. GIUSY FERRERI supera le 200 milioni di visualizzazioni
10 gennaio 2018

#AspettandoSanremo2018. MIRKOEILCANE tra le Nuove Proposte di Sanremo 2018 con “Stiamo tutti bene”

Sanremo 2018

A poche settimane da quel 6 Febbraio che darà inizio a Sanremo 2018 continua il road di Fourzine verso la 68^ edizione del Festival della Musica Italiana.

Nella sezione Nuove Proposte a giocarsela sul palco dell’Ariston saranno in 8. Noi ve li vogliamo presentare ad uno ad uno, a partire da Mirkoeilcane che gareggerà con il brano “Stiamo tutti bene”.
Romanaccio con una buona penna e capacità interpretative, è a nostro avviso uno dei papabili vincitori delle Nuove Proposte. Dalla sua pagina social ufficiale leggiamo tra le informazioni: “cantautore, stonato, raffreddato”. Vero: si fa presto a dire cantautore negli ultimi tempi, sulla carta ce ne sono tanti quanti di avvocati. Ma non è questo il caso di Mirkoeilcane. Il suo “Stiamo tutti bene” ne è una lampante dimostrazione, in grado di fare incetta di lacrime durante le selezioni finali tenutesi a Villa Ormond.

Intendiamoci: non lo consideriamo tra i possibili vincitori perché, come tante edizioni di Sanremo ci hanno insegnato, i brani “impegnati” e “strappalacrime” sono sempre avvantaggiati. Il “Stiamo tutti bene” di Mirkoeilcane può trionfare perché è a tutti gli effetti un ottimo pezzo. 

Al centro del brano il dramma dei naufraghi. Niente di nuovo come tema, ok. Ma a fare la differenza è la chiave narrativa trovata dal cantautore romano per raccontarlo: in prima persona attraverso gli occhi ingenui di un bambino, Mario. Nome italiano tra i più comuni scelto non a caso. Nella prima strofa scopriamo chi è Mario, un piccolo di 7 anni e mezzo che ama giocare a pallone. E l’ascoltatore è già agganciato perché pensa “ah, un bambino come tanti che ha una famiglia un po’ scombussolata”. È nella seconda strofa che scopriamo, invece, la storia di Mario e il suo epilogo. Il brano è forte e fa breccia nell’ascoltatore, trascinandolo in un impasse di emozioni che vanno dalla commozione alla rabbia. Feroce nella sua delicatezza. Ed è questa originale chiave narrativa che meriterebbe d’essere premiata.

Mirkoeilcane è un perfetto raccordo – non anulare – tra Silvestri, Cristicchi e Brunori. Il cantautore che sa come raccontare, interpretare e arrivare dritto alla pancia dell’ascoltatore. Erede ideale, nel contesto dell’Ariston, dei precedenti Moro e Maldestro. E non fermiamoci alle apparenze: non etichettiamo Mirkoeilcane nelle vesti del cantautore impegnato perché, andando ad ascoltare la sua produzione, troviamo anche pezzi più leggeri e allegri ma con la stessa capacità di affrescare storie che come per magia riesci quasi a vedere come attraverso la pellicola di un film.

Cos’altro dire di Mirkoeilcane? Noi abbiamo espresso la nostra, ora lasciamo al cantautore romano rispondere in prima persona alla nostra scheda informativa. Ecco cosa ci ha detto di lui. Mirkoeilcane

Nome all’anagrafe: Mirko Mancini

Nome d’arte: Mirkoeilcane

Anni: 31

Singoli/Lp/Ep pubblicati: un album, “Mirkoeilcane”, uscito nel 2016

Precedenti partecipazioni a programmi televisivi: Musicultura 2017 (dove ha anche vinto, ndr)

Tentativo di entrare a Sanremo Giovani numero: il primo!

La mia canzone preferita di Sanremo è: “Aria” di Daniele Silvestri (Sanremo 1999)

La mia canzone può vincere perché è (tre aggettivi): diversa, diretta e fa riflettere

Cosa mi terrorizza di più pensando alle serate all’Ariston: che le persone franitendano il messaggio della mia canzone

Cosa mi carica più di entusiasmo: che posso far ascoltare quello che voglio comunicare ad una platea immensa di persone

Il mio rito scaramantico: ho un tatuaggio, il ricordo di una persona e non solo, farò fede a questo..

Se vinco Sanremo… : farò un mare di concerti! Reazioni a caldo non saprei, non sono capace ad esternare le mie emozioni, probabilmente rimarrei impietrito!

Mirkoeilcane – Stiamo tutti bene | Testo e Video

stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene

Ciao,
mi chiamo Mario e ho 7 anni
7 e mezzo per la precisione
mi piace il sole, l’amicizia
le persone buone, il calcio,
le canzoni allegre
ed il profumo buono della pelle di mia madre
papa mio è da qualche mese che non torna
ma guai a parlarne con qualcuno specialmente con la mamma
perché si sente male, grida, piange e non la smette più
e per 3 giorni si nasconde e non si fa vedere
ma oggi è un giorno felice
che qui è arrivato un pallone
e finalmente potrò diventare forte e fare il calciatore
so già palleggiare… con i sassi è diverso
ma sono avvantaggiato perché corro forte come il vento
e allora volo alla radura insieme agli altri bambini
chi arriva ultimo in porta, sai che rottura di coglio…
arrivo primo come sempre e allora sono attaccante
Scatto, dribblo, tiro in porta ed il portiere non può farci niente
poi da più lontano sento
“Mario vieni qua! Prendiamo tutto quel che abbiamo e raggiungiamo papà !”
“Mamma ! Proprio adesso! sto tirando un rigore…”
ma non c’è verso, ce ne andiamo, meglio non polemizzare. 
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
tutto molto bene, come si conviene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene, non c’è nulla per cui vi dobbiate preoccupare
Ma guarda te la iella proprio a me doveva capitare
4 giorni su ‘sta barca e intorno ancora solo mare
ma ti pare giusto uno va in vacanza per la prima volta
e quelli li davanti son capaci di sbagliare rotta
che poi a chiamarla barca ci vuole un bel coraggio, 
stare in tre seduti in mezzo metro di spazio
e come me gli altri duecento tutti intenti a pregare
e io vorrei soltanto alzarmi e palleggiare
ma se soltanto sposto anche di un centimetro il piede
questo davanti si sveglia e inizia a dire che ha sete
io pure ho sete, fame, sonno e mi fa male la schiena
ma non c’è mica bisogno di fare tutta sta scena

e poi c’è questo di fianco che ha chiuso gli occhi e non li apre più
è da 3 giorni che dorme che pare non respiri
non ho mai visto nessuno dormire così tanto
ho chiesto a mamma e ha detto che era proprio stanco 
boh 3 giorni fa ne hanno buttati una trentina in mare 
mamma dice che volevano nuotare
io li sentivo gridare e non sembravano allegri
ma almeno adesso ho un po di spazio per i piedi

è il sesto giorno e adesso dorme pure mamma
un tipo magro qualche fila più in la grida che vede la madonna
e questa barca adesso puzza di benzina e di morte
ma mamma ha detto di non farci caso e di esser forte
di fare il bravo bambino e star seduto qua
che mamma adesso s’addormenta e raggiunge papà
però piangeva e si sforzava di sorridere
forse era proprio tanto stanca pure lei.

E c’è un silenzio tutto intorno che mi mette paura
s’è fatta notte, ho freddo e in cielo non c’è neanche la luna
la gente grida, chiede aiuto ma nessuno risponde
mi guardo intorno e neanche a dirlo vedo sempre e solo onde, dopo onde, ancora onde,
allora onde evitare di addormentarmi come gli altri e esser buttato in mare
Mi unisco al coro della barca e inizio a piangere e gridare
Ma non ho forza, chiudo gli occhi e non so neanche nuotare.

stiamo tutti bene, stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene, stiamo tutti bene
stiamo tutti bene, stiamo tutti bene, stiamo tutti bene

 

Testo: Mirko Mancini
Compositore: Mirko Mancini
Arrangiamento : Mirko Mancini/Steve Lyon
Produzione: Steve Lyon

Comments on Facebook

Comments are closed.