EMENÈL, è online “Leaves” il nuovo video che anticipa l’album “Border Diary”

Liam Payne e Rita Ora
LIAM PAYNE e RITA ORA: da venerdì in radio e già in tutti gli store digitali il singolo “For you (Fifty shades Freed)”
9 Gennaio 2018
Sanremo 2018
SANREMO 2018: Claudio Baglioni ci presenta il suo Festival 0.0. Ecco cosa ci dobbiamo aspettare
9 Gennaio 2018

EMENÈL, è online “Leaves” il nuovo video che anticipa l’album “Border Diary”

Emenèl

Leaves” è il NUOVO VIDEO di Emenél disponibile da ieri lunedì 8 gennaio che anticipa l’album d’esordio “Border Diary“, in uscita venerdì 12 gennaio su Spotify, iTunes e tutte le principali piattaforme digitali per Black Seed Records e distribuito da Egea Music.

“Leaves” è il primo video estratto, girato in Val di Susa tra i laghi di Avigliana e la città fantasma di Consonno da Nicolò Roccatello.
Emenél è il nuovo progetto solista di Moreno Turi, cantante, producer, autore e compositore che si divide tra Torino e il Salento. Frontman degli Steela fino al 2012, ha collaborato con gli Africa Unite, con Raiz degli Almamegretta e suonato in apertura ad artisti del calibro di Black Eyed Peas, Anthony B, Subsonica e Caparezza. E’ attualmente sul palco a fianco di Roy Paci e gli Aretuska con il progetto “Valelapena” ed è membro della band torinese The Sweet Life Society. Nel corso degli anni si è esibito nei principali club italiani ed internazionali (tra cui il Paradiso di Amsterdam o il Village Underground a Londra) e sui palchi di alcuni tra i più prestigiosi festival europei, come il Glastonbury Festival, Boomtown, Fusion, Sziget e l’Eurosonic.

“Border Diary” è il disco d’esordio di Emenél, un progetto che il cantante, compositore e producer definisce “elettronica negra”. Un album che raccoglie un vero e proprio melting pot di suoni provenienti dai vari epicentri di musica elettronica del mondo che si insaporiscono di ritmi black in levare, beat spezzati e fuori griglia, connaturati nel background del cantante. La matrice del disco è divisa tra componente digitale e analogica: oltre la metà delle tracce si compongono di suggestioni elettroniche e pad e allo stesso tempo la voce, attraverso una minuziosa ricerca, si trasforma in materia e strumenti, con tracce in cui lo schiocco di lingua si fa rullante e i lamenti sostituiscono bassi e arpeggiatori.

Comments on Facebook

Comments are closed.