Via dalla Siae: ENRICO RUGGERI e J-AX approdano a Soundreef

Benji e Fede
BENJI & FEDE saranno i primi protagonisti del 2018 a “RTL 102.5 Live session”
5 Gennaio 2018
Jovanotti
JOVANOTTI: “Oh Vita” è il brano più suonato dalle radio. L’album già certificato doppio platino
5 Gennaio 2018

Via dalla Siae: ENRICO RUGGERI e J-AX approdano a Soundreef

Enrico Ruggeri J-Ax Siae

Enrico Ruggeri e J-Ax lasciano la Siae (Società Italiana Autori Editori) per affidare a Soundreef la raccolta e gestione dei loro diritti d’autore. E’ questo in sintesi quanto comunicano gli interessati circa un accordo tra la società di Davide D’Atri e i due artisti, accordo operativo dal primo gennaio di quest’anno.

L’arrivo di Enrico Ruggeri è un grande onore per tutti noi. Lavorare con il suo repertorio ci rende contenti e orgogliosi del percorso fatto e conferma i progressi della nostra azienda” dichiara il fondatore di Soundreef Davide D’Alatri. E l’amministratore delegato Francesco Danieli rimarca “Le iscrizioni a Soundreef sono continuate in maniera esponenziale durante tutto il 2017 da un punto di vista quantitativo ma anche qualitativo come dimostra l’iscrizione di grandissimi artisti come Enrico Ruggeri e J-Ax“.

Dal canto suo Ruggeri ha voluto spiegare i motivi della scelta: “Tutto è nato da un incontro con i ‘ragazzi’ di Soundreef. Ho trovato entusiasmo, combattiva attitudine alla sfida e voglia di comunicare progetti, qualità che da sempre cerco nelle persone con le quali lavoro. Non ‘un ente’, ma un gruppo di persone con un volto e una voce. Ecco perché ho deciso di intraprendere con loro un percorso comune. Ringrazio la Siae per gli anni trascorsi assieme e inizio una nuova avventura, con l’intento (che sono certo sia comune a tutti…) di tutelare il diritto d’autore, importantissima battaglia culturale“.

Dura la risposta del Direttore Generale di SIAE, Gaetano Blandini: “Proprio perché abbiamo avuto occasione di conoscere la sensibilità di Enrico Ruggeri nelle battaglie a tutela del diritto d’autore, la sua scelta ci risulta francamente incomprensibile. La Società a cui ha deciso di affidarsi, sulla base della normativa vigente, opera illegittimamente nel nostro Paese in cui l’attività di intermediazione del diritto d’autore è consentita alle organizzazioni – come SIAE – senza scopo di lucro e gestite dai propri associati. SIAE era e resterà la casa degli autori e degli editori e le sue porte erano e resteranno aperte per Enrico Ruggeri e per tutti gli autori, che siano o meno di successo, già famosi o sconosciuti”.

 

 

Comments on Facebook

Comments are closed.