LUCA NAPOLITANO ci racconta il nuovo singolo “Anche Stavolta” ed i progetti futuri – INTERVISTA

Sam Smith
SAM SMITH: Da domani in radio il nuovo singolo “ONE LAST SONG” tratto dal nuovo album “The Thrill of It All”
14 Dicembre 2017
Calcutta
CALCUTTA ritorna a sorpresa con il nuovo singolo “Orgasmo” – VIDEO
15 Dicembre 2017

LUCA NAPOLITANO ci racconta il nuovo singolo “Anche Stavolta” ed i progetti futuri – INTERVISTA

Luca Napolitano

Me lo ricordo bene nel 2008, la prima edizione di Amici a cui si interessarono veramente le case discografiche. Era quella vinta da Alessandra Amoroso con Valerio Scanu subito dietro al secondo posto, due che di lì a pochi anni sarebbero diventati dei pesi massimi del mondo musicale italiano.

Al terzo gradino di quel podio c’era salito un ragazzo che sembrava dover spaccare il mondo, e che invece dopo un buon esordio con “Vai“, il suo primo EP certificato disco d’oro, si è un po’ perso per strada arrivando anche a non pubblicare più nulla tra il 2011 ed il 2016. Parliamo di Luca Napolitano, che dopo questo periodo di smarrimento (ma anche di crescita e riflessione sui propri mezzi) è tornato nel 2016 con un nuovo brano “ci whatsappiamo?” ed ora nel 2017 con “Anche stavolta“, il nuovo singolo scritto in collaborazione con Francesco Ciccotti e il maestro Adriano Pennino che anticipa un nuovo progetto discografico in uscita nel 2018.

Abbiamo avuto il piacere di scambiarci due chiacchiere qualche giorno fa, per parlare del passato ed anche del futuro. Ecco cosa ci ha raccontato.

Una delle cose che più mi ha incuriosito della canzone è il video, una bolla gigante in un paesaggio lunare. Cosa sta a significare?

La bolla è riferita al fatto che oramai viviamo in un mondo ovattato, come se fosse davvero un’enorme bolla. Iperconnessi ma comunque isolati dal pianeta, addirittura fuori dal pianeta in alcuni casi. Nel caso del videoclip si parla di una storia d’amore un’attimo diversa rispetto alla classica storia: un ragazzo che viene lasciato dalla propria fidanzata per un’altra ragazza. Quindi in qualche modo parliamo di tematiche sentimentali, maturità, perdono, felicità, gioia di se stessi, accettazione della felicità dell’altro. Una situazione che mi ha visto spesso coinvolto, una rottura di un amore senza che ci si finisca per odiare.

Il singolo è programmatico rispetto al disco in cantiere? Sentiremo le stesse sonorità e le stesse tematiche?

No, questo è solo uno dei dieci capitoli che comporranno l’album. Un brano scritto in collaborazione con Francesco Ciccotti e il maestro Adriano Pennino, con il quale stiamo lavorando sono e sono veramente felice di averlo con me, lo stimo tanto, per me è diventato un fratello maggiore. Lui con me sta facendo il produttore artistico oltre che l’arrangiatore

E quindi cosa ci troveremo in questo album?

Troveremo cinquanta sfumature di Luca, citando il film ed il libro. Ci saranno canzoni che parlano delle più svariate tematiche. Il brano che ho anticipato lo scorso anno, “Ci whatsappiamo”, parlava del mondo dei social, “Anche stavolta” parla d’amore, non ti posso  anticipare troppo ma troverete delle cose inimmaginabili.

Ed a livello di sound?

Ogni brano avrà un sound diverso, nessuno si assomiglierà all’altro anche avendo un filo conduttore che li unisce. Una ricerca sperimentale se vogliamo, data dal fatto che mi sono avvicinato alla chitarra negli ultimi anni, strumento per me da sempre ostico. Ora mi si è aperto un mondo, anche nella scrittura

Il disco doveva uscire nel 2017. Cosa è successo poi?

Purtroppo questo è un lavoro con alti e bassi, la vita di chi fa questo mestiere può cambiare da un momento all’altro, possono venire meno persone, accordi, promesse. C’è stato un momento in cui ho addirittura pensato di abbandonare il progetto e lasciar perdere tutto.

E quale è stata la chiave per rimettersi in carreggiata e finire tutto? Dove hai trovato la forza?

Continuano i segni che mi fanno ben sperare, e io continuo a trovare la forza.La forza l’ho trovata nelle persone che ho accanto e nei fan soprattutto, perché ogni volta che vivevo un momento brutto, che avevo pensieri tristi mi arrivava una mail, un messaggio, un commento che mi faceva tornare la voglia ed il sorriso. Qualcosa di fatalista se vogliamo, il destino che voleva leggessi quella cosa in quel momento. Tra l’altro proprio qualche giorno fa ho letto una mail di una fan che mi scriveva di aver attraversato un momento brutto e che l’ha superato proprio grazie al mio ultimo brano.

Naturalmente ho anche delle persone speciali a cui devo molto, naturalmente Ciccotti ma anche un prete con il quale ho stretto un grande legame, Don Maurizio, e chiaramente Adriano Pennino, che oramai è il mio mentore. Faccio parte di un’ottima squadra, con Mignardi, con Broglia, ho trovato il mio habitat ideale. Ed è difficile.

Voglio tornare un attimo indietro: lo rifaresti un talent? La sensazione è che nel 2008 ti sei ritrovato scaraventato in un mondo in cui non eri ancora pronto per stare.

La sensazione è giusta. La verità è che bisognerebbe fare prima un corso per imparare a partecipare ad un talent. Devi arrivare lì che già hai capito chi sei. Io non l’avevo capito all’epoca, e per un talent devi essere pronto ed io non lo ero. Ma chi di noi sa quando è il momento di fare una cosa? Col senno di poi è troppo facile.. Però sinceramente lo rifarei, ho ottimi ricordi ed ogni esperienza mi ha fatto crescere. 

Per concludere, un sogno, una soddisfazione che vuoi toglierti da qui ai prossimi anni?

Io impazzisco per Ed Sheeran, sarebbe un sogno poter un giorno cantare con lui. E naturalmente Sanremo è l’obiettivo naturale di chiunque faccia questo lavoro. Chissà, magari un giorno..

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.