Un abbraccio lungo tre ore per NICCOLÒ FABI che incanta il Palalottomatica a Roma – LIVE

Erica Mou
ERICA MOU, esce oggi il singolo “Svuoto i cassetti”, che anticipa l’album “Bandiera sulla luna” in uscita venerdì
27 novembre 2017
Sanremo 2018
SANREMO 2018, tre nuovi premi oltre quello della critica. E sui big in gara si vocifera che..
27 novembre 2017

Un abbraccio lungo tre ore per NICCOLÒ FABI che incanta il Palalottomatica a Roma – LIVE

Ieri è stata una Domenica speciale per chi come me è cresciuta con i suoni e le parole di Niccolò Fabi . Il Palalottomatica di Roma è pieno, il clima è familiare e sereno ed il pubblico è pronto a stringersi forte al cantautore per festeggiare i suoi “primi” venti anni di carriera. Apre il concerto con “Una somma di piccole cose“, quelle piccole cose che l’hanno portato sin qui anche adesso che volutamente ha scelto di fermarsi per un pò. Non riesce a controllare l’emozione ma rimane sempre composto Niccolò che con fatica si lascia andare e dice: “Me la prendo questa responsabilità. Me l’avete data e io l’accetto. Lo avete sentito: mi è scappata questa frase della pausa, della vacanza, del bisogno di allontanarmi un po’ da questo. È fondamentale: serve per dare importanza e peso a ogni cosa che mi capiterà di fare”, spiega prima di suonare “Il primo della lista”. 

Indubbiamente si respira aria di festa, non è un addio ed è per questo che sul palco si alternano tutti i musicisti che lo hanno accompagnato sin qui: i chitarristi Roberto Angelini e Danilo Pao, il bassista Lorenzo Feliciati, i percussionisti Agostino Marangolo e Fabio Rondanini, il tastierista Aidan Zammi, Pier Cortese e gli GnuQuartet e a sorpresa anche Fiorella Mannoia per un duetto del brano “Offeso”. Chiude il primo atto “Lasciarsi un giorno a Roma” con un’emozionante coreografia del pubblico che sventola dei cartelli a fine brano con su scritto “Grazie”. Per il gran finale non potevano mancare Silvestri e Gazzè per impreziosire questo magico momento cantando insieme “Alzo le Mani“, la hit “L’amore non esiste” e la storica “Vento d’Estate“. Chiude l’emozionante viaggio durato circa 3 ore “Lontano da me“, come per chiudere un cerchio e per esorcizzare il momento dell’ epilogo e come recita il brano ” perchè alla giusta distanza la vista migliora, allontanarsi è conoscersi”.

Per chi volesse ripercorrere tutto il percorso artistico di Niccolò Fabi vi consigliamo di non perdervi la raccolta interamente prodotta, arrangiata e registrata in totale autonomia da Niccolò Fabi a Campagnano di Roma: DIVENTI INVENTI 1997-2017”. Suddivisa in 2 CD, la versione standard di “DIVENTI INVENTI 1997-2017” comprende nel primo disco l’inedito omonimo brano, scritto appositamente per il ventennale, una selezione di canzoni scelte da NICCOLÒ FABI, interamente spogliate e rivisitate, e alcuni brani estratti da “Una Somma Di Piccole Cose”. Nel secondo disco si trovano, invece una serie di rarità musicali, tra cui demo, provini di brani inediti rimasti nel cassetto e la versione live di “Attesa e Inaspettata”, eseguita il 30 agosto 2010 a Mazzano Romano durante Parole di Lulù.

Niccolò Fabi @Palalottomatica di Roma – La scaletta

Una somma di piccole cose
Filosofia agricola
Evaporare
Facciamo finta
Ostinatamente
È non è
Il negozio di antiquariato
Ecco
Le chiavi di casa
Una mano sugli occhi
Una buona idea
Rosso
La promessa
Solo un uomo
Attesa e aspettata
Sangue del mio sangue
Costruire
Offeso
 (con Fiorella Mannoia)
Lasciarsi un giorno a Roma (con Daniele Sinigallia)
Il primo della lista
Alzo le mani
 (con Max Gazzè e Daniele Silvestri)
L’amore non esiste (con Max Gazzè e Daniele Silvestri)
Vento d’estate (con Max Gazzè e Daniele Silvestri)
Capelli
Lontano da me

Video “Alzo le Mani”

 

Comments on Facebook
Francesca Daccico
Francesca Daccico
Appassionata di Musica e di tutto quello che si chiama arte, imparerei a suonare qualsiasi tipo di strumento se ne avessi il tempo. Lavoro come Communication Manager presso la Paco Cinematografica, attualmente delegata alla produzione di concerti, rappresentazioni teatrali.

Comments are closed.