#4Factor, la cronaca del quinto live di X FACTOR 11. Tra tutti i litiganti Mara gode!

GIORGIA e MARCO MENGONI per la prima volta insieme in “COME NEVE”, il nuovo singolo in radio dal 1° dicembre
24 Novembre 2017
Salmo
SALMO è tornato con il nuovo singolo “PERDONAMI”, online da oggi
24 Novembre 2017

#4Factor, la cronaca del quinto live di X FACTOR 11. Tra tutti i litiganti Mara gode!

Serata difficile ieri a X Factor 11, tra litigi, inediti e emozioni varie ed eventuali. E’ la serata in cui, come ama ripetere Alessandro Cattelan, gli 8 concorrenti entrano ufficialmente nel mercato discografico, esibendosi col proprio inedito che già da oggi è disponibile negli store digitali ed in rotazione radiofonica. Qualche sorpresa, tante conferme, un inizio da buonisti ed un finale coi coltelli tra i denti: ecco a voi la cronaca e le pagelle del quinto live di XF11.

X Factor 11- Partenza top coi Negramaro, tanto buonismo e sorrisi (finti?)

Si parte con un mega medley dei Negramaro, ospiti speciali di questo quinto live. Tutti i concorrenti in gara, uno dietro l’altro, cantano il meglio del repertorio della band salentina: bello da vedere, un po’ meno da sentire (Giuliano Sangiorgi è un’altra cosa..). Poi, pronti via, ecco subito gli inediti.

Il primo a esibirsi è Lorenzo Licitra con “In the name of love“, un brano che, citando Selvaggia Lucarelli, ha il nome di una canzone famosa e la melodia di tutte le altre. Banalotta ma ben cantata. Dopo di lui, senza soluzione di continuità, tutti gli altri concorrenti: uno spentino Gabriele, i Maneskin che spaccano sempre di brutto, Rita Bellanza che finalmente torna a cantare bene. Giudici in vena di complimenti, con Fedez che distribuisce complimenti a tutti neanche fosse Vincenzo Mollica, quando in realtà non proprio tutti sono stati all’altezza. Ecco le nostre pagelle degli inediti!

X Factor 11 , le pagelle degli inediti

Lorenzo LicitraIn the name of love 5– L’inedito firmato da Zampaglione (non quello famoso, quell’altro) non è proprio niente di che, per non dire di peggio. Banale, per nulla innovativo, in una sola parola: dimenticabilissimo. Ma lui è bravo e lo canta bene comunque. E la presenza scenica migliora di giorno in giorno

Gabriele EspositoLimits 5 – La canzone è sua (anche se sembra di Ed Sheran, complimento o insulto che sia), l’aveva interpretata anche alle audition e lì ci era piaciuto di più obiettivamente. Spento e teso, si vede che sentiva su di sé la pressione del precedente ballottaggio.

ManeskinChosen 7 – Il frontman Damiano è fastidioso come un calcio sui coglioni, però, ma che je voi dì? I più forti del lotto, ma di gran lunga. E soprattutto, già prontissimi per il mondo discografico.

Andrea RadiceLascia che sia 5 – Sarà pure radiofonica, ma è una rottura di cazzo senza pari. E anche il testo boh, niente di che..

Rita BellanzaLe Parole che non dico mai 6 – L’allegria non è proprio cosa sua, e neanche dell’autrice del suo pezzo (che “a sorpresa” è il suo giudice Levante). Però la canzone è godibile e raffinata, e soprattutto con questo pezzo Rita finalmente riesce a ritrovare un po’ di intonazione!

Samuel StormThe Story 6 – La voce è bella, pochi cazzi, e anche la canzone funziona bene. I dubbi sono sul suo look (sembra Marty McFly appena arrivato nel 1851) e sul fatto che non canta in italiano manco per sbaglio. E a X Factor Italia magari è un punto debole..

RosRumore 6,5 – Una Meg se suonasse nei Prozac+, ecco cosa sono i Ros. Al pubblico non piacciono troppo, ai giudici non piacciono per nulla, sul web ancora peggio. A me però il loro rumore ha convinto eccome!

Enrico NigiottiL’amore è 7 – Ho un problema nella testa, funziona a metà, ogni tanto parte un suono che fa  “tu credimi, credimi, credimi, credimi, credimi sempre”! Bella, una ballad tipica della musica italiana, cantata anche molto bene. Sempre meglio il Nigiotti!

X Factor 11 – la quiete prima della tempesta

Giusto il tempo di gustarsi il nuovo singolo dei Negramaro “Fino all’imbrunire” (e di rendersi conto della differenza tra i professionisti e i concorrenti dei talent) ed è subito televoto. E’ Gabriele il meno votato della manche degli inediti, e così la fase successiva perde la sua cover di Oroscopo di Calcutta (come si suol dire, abbiamo scansato un bel fosso). Tutti gli altri si esibiscono in un megamedley di 10 minuti, che televisivamente è una superfigata, musicalmente.. bah. Finalmente in forma Rita che cantando in portoghese “Aguas de Março” ritrova la propria dimensione (facendo fare la figura del pirla a Fedez, che paragona il capolavoro del gigante Jobim alla “musichetta d’attesa al telefono del maestro Do Nascimento”. Ma perché?), sottotono i Ros con “Song 2” dei Blur, sempre pienamente a loro agio i Maneskin che interpretano bene “Take me Out” dei Franz Ferdinand.X factor

Poco a fuoco le assegnazioni per Andrea Radice e Samuel (rispettivamente con “Can’t Stop The Feeling!” di Justin Timberlake e “Rolling in the deep” di Adele), bravino Licitra con la difficile “Somebody That I Used To Know” di Gotye, emozionante Nigiotti e la sua versione de “L’isola che non c’è” di Edoardo Bennato.

X Factor 11 – fuori Gabriele, litigi e veleni tra i giudici

Il televoto della seconda manche penalizza (ingiustamente stavolta) Rita Bellanza, che si ritrova di nuovo allo scontro finale con Gabriele Esposito: dejavù!  La scorsa settimana a salvarla era stata Gianni Morandi, stavolta ci pensano invece gli altri giudici, che decidono di eliminare Gabriele nonostante la richiesta di Fedez di andare al tilt e lasciare decidere al pubblico. E da qui in poi, finalmente ci si diverte!

Perché anche se non c’è un Morgan ad animare i veleni a Strafactor, stavolta si vede che il rapper di Rozzano ha accusato il colpo. Dapprima scandisce col labiale un “che merdata” già protagonista di numerose gif e meme. Poi si lancia in una lunga polemica con Mara Maionchi (che difende il suo diritto alla scelta) e con Manuel Agnelli. Il leader degli Afterhours non ci fa una bellissima figura, prima dicendo di voler andare al tilt, poi rivendicando di non averlo fatto. Alla fine volano parole grosse: bambino, coglione, fanculo! con Fedez che prima della canonica pubblicità si alza e se ne và. Ma d’altra parte, cosa sarebbe X Factor senza nessuno che rosica?

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.