ELVIS PRESLEY e il rapporto con gli USA in PROMISED LAND

Giorgia
GIORGIA celebra un anno di successi con “ORONERO LIVE”, in uscita il 19 gennaio. E da marzo via al nuovo tour!
6 Novembre 2017
Riki
RIKI, annunciata una nuova data a Bologna il 18 aprile all’Estragon. Continua intanto l’instore tour con nuove date
6 Novembre 2017

ELVIS PRESLEY e il rapporto con gli USA in PROMISED LAND

Promised Land

Se gli Stati Uniti sono la patria della democrazia moderna sono anche la patria dei re: quello del rock’n’roll è forse il più grande di tutti. Anche perché Elvis Presley è un perfetto prisma per raccontare la storia recente della nazione: è quello che racconta Promised Land, il documentario di Eugene Jarecki presentato alla 12^ Festa del cinema di Roma che celebra i 40 anni dalla morte del Re.

Il film prende la Rolls Royce che Elvis comprò nel ’63 e la usa per girare gli States mentre, con interviste, testimonianze e materiali d’epoca, racconta la parabola di ascesa e caduta del Re in parallelo con quella degli Stati Uniti, tanto dell’epoca quanto attuale, con la presenza di Trump che incombe nonostante non fosse ancora, all’epoca delle riprese, presidente.

Ed è un parallelo estremamente pregnante perché la musica di Elvis, oltre a lui come icona, rappresentano proprio una serie di valori, di scelte economiche, politiche e industriali che raccontano l’America e ne sono simbolo.

Per questo Jarecki sceglie di dare voce anche a personalità scettiche (Chuck D. dei Public Enemy, i leader dei diritti afro-americani), di non spegnere mai i riflettori dal lato oscuro che è anche il lato oscuro degli USA, di approfondire il percorso di uno dei più grandi artisti pop mai apparsi come elemento di un discorso più ampio senza cedere alla semplice biografia. Ne fa le spese forse
la musica di Elvis, parte del discorso e non suo centro, ma le riflessioni sulle differenze tra rock e rock’n’roll, le performance degli ospiti dell’auto, splendidi materiali di repertorio (l’esecuzione di Unchained Melody in uno degli ultimi concerti o la sequenza dedicata allo special tv del ’68 in cui tornava a suonare dopo 10 anni di cinema) non deludono nemmeno un po’, anzi fanno sussultare sia gli amanti del Re che i neofiti.

Comments on Facebook
Emanuele Rauco
Emanuele Rauco
Nato a Roma il 18 luglio del 1981, si appassiona di cinema dalla tenera età e comincia a scrivere recensioni dall'età di 12 anni. Comincia a collaborare con il giornalino scolastico e, dopo aver frequentato il DAMS di Roma 3, comincia a scrivere per siti internet e testate varie: redattore e poi caporedattore per il sito Cineforme, ora Cinem'art Magazine, e per la rivista Cinem'art, redattore e inviato per RadioCinema. Inoltre scrive per Four Magazine, di cui è caporedattore, e altre testate on line ed è curatore di un programma radiofonico su cinema e musica, Popcorn da Tiffany su Ryar Radio. Collabora per le riviste Il mucchio e The Cinema Show – primo mensile cinematografico per iPad – e per il quotidiano L'opinione. Alcuni suoi scritti sono stati pubblicati su saggi e raccolte critiche, tra cui la collana Bizzarro Magazine di Laboratorio Bizzarro ed è spesso ospite in trasmissioni radiofoniche e televisive come Ma che bella giornata o Square e I cinepatici di Coming Soon Television. Ha un canale di youtube in cui parla di cinema, spettacolo, cultura e comunicazione.

Comments are closed.