LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA arrivano a Roma col tour estivo di TERRA: 15 luglio @Ex Dogana (Viteculture Festival)

Tre allegri ragazzi morti
TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI in tour per un mini festival itinerante con chiusura allo SZIGET di Budapest
4 luglio 2017
MAX GAZZÈ aprirà il festival AcqueDotte il 7 luglio a Cremona
5 luglio 2017

LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA arrivano a Roma col tour estivo di TERRA: 15 luglio @Ex Dogana (Viteculture Festival)

Le Luci della Centrale elettrica

Le Luci della Centrale elettrica, Hiroshima Mon Amour - 2017

Sabato 15 luglio arriva a Roma al Viteculture Festival il tour estivo de Le Luci della Centrale Elettrica, che presenterà dal vivo il suo ultimo album TERRA, uscito lo scorso marzo e che è stato candidato per la Targa Tenco 2017 nella categoria “miglior album”.

Per questo tour è stato pubblicato il secondo singolo e video tratto dal disco, A Forma di Fulmine, una “canzone manifesto”, se così vogliamo definirla, che racchiude poeticamente molti dei temi affrontati da Vasco Brondi in questi anni.
Il video è stato realizzato nel Parco Naturale della Maremma da Francesco Cabras ed è un micro film a metà tra sogno e realtà, un volo su mare e terra, quella TERRA che ha dato il titolo all’ultimo disco.

La curiosità, la sorpresa, l’inciampo, la scoperta, la meraviglia: come ha scritto il regista Francesco Cabras, nelle sue note di regia “una specie di videogioco analogico” di cui è protagonista l’attrice Daphne Scoccia, grande rivelazione dell’ultima stagione del cinema italiano con il film “Fiore”.

Un volto il suo che “ha il segreto di una bellezza sorgivamente candida ma difficilmente raggiungibile. Questo non per attitudine altezzosa o distanziante, il contrario, ma perché difesa da qualcosa di doloroso e vero.”

A forma di fulmine – scrive Vasco Brondidice che più di ogni altra cosa possiamo accettare quello che succede. Proseguire, andare avanti, perché abbiamo una forza incredibile, siamo esseri che si adattano. È la canzone che apre il disco, una specie di rito liberatorio.

Oltre alle nuove canzoni al centro dei live estivi ci saranno anche molti brani tratti dai dischi precedenti: “Per combattere l’acne”, “Cara catastrofe”, “I destini generali”, “C’eravamo abbastanza amati”, “Le ragazze stanno bene”, canzoni che hanno contribuito a rendere Vasco Brondi uno degli artisti più rappresentativi della sua generazione.

Le Luci della Centrale Elettrica questa estate si esibiranno su alcuni tra i palchi estivi più importanti d’Italia, da Ferrara sotto le stelle a al Flowers Festival di Collegno (TO), da Viteculture a Roma all’Home Festival di Treviso, senza tralasciare un’esibizione speciale in trasferta presso uno dei più importanti appuntamenti internazionali come lo Sziget Festival di Budapest.

In apertura uno dei più talentuosi cantautori italiani, Diodato, uscito a marzo con un nuovo album, Cosa Siamo Diventati, accolto con entusiasmo da pubblico e addetti ai lavori.

Il disco esce a tre anni dall’uscita del cd di esordio “E forse sono pazzo”. Periodo in cui il cantautore ha partecipato al Festival di Sanremo 2014 nella categoria “Nuove proposte” con il bellissimo brano “Babilonia”, ha vinto il premio “Best New Generation” di Mtv, ha partecipato, per dodici puntate consecutive alla trasmissione “Che tempo che fa”, esperienza che ha ispirato il disco “A ritrovar Bellezza” del 2014, personale tributo dell’artista ai grandi della musica italiana.

Sul palco Vasco Brondi sarà accompagnato da una band di quattro elementi: Marco Ulcigrai (chitarra), Matteo Bennici (basso), Giusto Correnti (batteria) e Angelo Trabace (tastiere).

 

LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA
Opening: DIODATO

Ex Dogana – Viale dello Scalo S. Lorenzo 10

Apertura botteghino: 18:00
Inizio concerto: 21:00
Ingresso: 15 euro + d.p.

 

Comments on Facebook

Comments are closed.