Che succede a Roma? #illatopositivo è il VITECULTURE FESTIVAL

Michele Bravi
MICHELE BRAVI, aperte oggi le vendite dei biglietti per l’ ANIME DI CARTA TOUR – NUOVE PAGINE
27 Giugno 2017
The Zen Circus
I THE ZEN CIRCUS annunciano le prossime date del tour estivo
28 Giugno 2017

Che succede a Roma? #illatopositivo è il VITECULTURE FESTIVAL

Viteculture

Al principio furono i “leprotti” di Villa Ada, e l’associazione a loro difesa che da tempo combatteva una battaglia a protezione dell’ecosistema e contro lo storico festival.

In seguito arrivò il bando dell’Estate Romana o meglio, arrivò proprio all’ultimo, facendosi attendere fino al 22 giugno per la definitiva (anzi, ancora provvisoria) assegnazione, con i concerti già sold out (Come quello di COEZ del 30 giugno) e un festival con una line up già bella formata. E il risultato era inequivocabile: il bando per l’assegnazione della rassegna al laghetto di Villa Ada viene vinto dall’ARCI, e non da Viteculture, ossia l’associazione che da 3 anni insieme all’ARCI curava il festival, e che già da un anno lavorava e preparava l’edizione di quest’anno.

E qui succede qualcosa, e da un festival ne nascono due! Se infatti l’ARCI conferma il cartellone e la location di Villa Ada, Viteculture si sposta in una nuova dimora, con parte degli eventi in già in locandina. E visto che bisogna sempre guardare il lato positivo, anzi, #illatopositivo, non possiamo che rallegrarci per la pronta rinascita di una nuova rassegna in un altra location e con un altro nome. Si chiamerà VITECULTURE FESTIVAL, e sarà in programma dal 30 giugno all’8 agosto negli spazi messi a disposizione dall’EX DOGANA nel quartiere di San Lorenzo.

SUL MAIN STAGE PASSERANNO ARTISTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI, QUALI I PRIMAL SCREAM, KAMASI WASGHINGTON, ELIO E LE STORIE TESE, COEZ, (quest’ultimo tutto esaurito nonostante la doppia apertura di prevendita di un mese prima e di pochi giorni fa) e tanti altri. Molti anche i contenuti extra musicali tutti concentrati nell’”area free”  tra intrattenimento, formazione ed animazione sociale grazie alla collaborazione di un ampio numero di associazioni del territorio romano. Il palinsesto di spettacoli ed eventi artistici sarà affiancato da un calendario di appuntamenti dedicati alla convivialità nel segno del buon cibo e del buon bere. Una scelta ampia di formule per tutti i gusti dal vegan allo street food laziale, disponibili sempre, sia nell’area concerti che nell’area free.

Questo il programma per ora confermato

.      30/06/2017 – COEZ

·      01/07/2017 – THE ZEN CIRCUS

·      05/07/2017 – LUCKY CHOPS + FRANKIE CHAVEZ

·      06/07/2017 – TOUCH THE WOODSTOCK

·      10/07/2017 – CRISTINA DONÀ

·      10/07/2017 – THE LUMINEERS (presso AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA)

·      11/07/2017   GAZZELLE+CANOVA

·      12/07/2017   ARCHIVE

·      15/07/2017   LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA  + DIODATO

·      16/07/2017   PRIMAL SCREAM

·      18/07/2017   MECNA + DARGEN D’AMICO

·      20/07/2017   KAMASI WASHINGTON

·      21/07/2017 – GEMITAIZ + MADMAN + PRIESTESS

·      24/07/2017   CIGARETTES AFTER SEX

·      27/07/2017   BOOMDABASH

·      28/07/2017   ELIO E LE STORIE TESE

·      29/07/2017   THE STARS FROM THE COMMITMENTS

·      02/08/2017   ALBOROSIE

·      04/08/2017   APRES LA CLASSE

·      06/08/2017   SUD SOUND SYSTEM

Ma se la nascita di una nuova rassegna come il VITECULTURE FESTIVAL è #illatopositivo della vicenda, rimane comunque in sospeso una domanda. Che ne sarà di Villa Ada?

Villa Ada c’è ancora, resiste, e come negli ultimi 24 anni continua ad incontrare il mondo sulla riva del laghetto. La line up completa ancora non è confermata, ma i primi nomi già sono noti: Baustelle (13 luglio), Motta (25 luglio), Suicidal Tendencies (3 luglio), MezzoSangue, Good Old Boys, God Is An Astronaut (10 luglio), Ani DiFranco (4 luglio), Marco Travaglio, Femi Kuti (14 luglio), James Senese (17 luglio), Paolo Rossi, Antonio Rezza, Wire (26 luglio), Fast Animals and Slow Kids (1 agosto), Orchestraccia, Sabina Guzzanti, The Heliocentrics, Nada, Il Muro del Canto (10 agosto) e tanti altri che presto verranno annunciati.

Da un problema burocratico alla nascita di due festival diversi: come da tradizione millenaria, Roma sa sempre reinventarsi!

 

Comments on Facebook
Adalberto Piccolo
Adalberto Piccolo
Responsabile editoriale, responsabile della comunicazione, responsabile social media. Ma comunque poco responsabile. "Il Mondo non è perfetto: in un mondo perfetto Mark Chapman avrebbe sparato a Yoko Ono".

Comments are closed.