RAG’N’BONE MAN all’Ex Dogana di Roma per il JUST MUSIC FESTIVAL

bleachers
#4International. “Gone Now”, il secondo album di BLEACHERS che celebra i momenti di chiarezza.
20 Giugno 2017
Briga
È online il video del nuovo singolo di BRIGA, “Nel male e nel bere”
20 Giugno 2017

RAG’N’BONE MAN all’Ex Dogana di Roma per il JUST MUSIC FESTIVAL

rag'n'bone man

Stasera all’Ex Dogana di Roma alle ore 21:00 RagNBone Man per il Just Music Festival, l’evento che trasformerà, anche quest’anno, la Capitale in un grande palcoscenico di musica e cultura contemporanea.

Soul, blues e ritmi hip hop per unapertura in grande stile con Rory Graham, aka Rag NBone Man, cantautore cresciuto nellunderground inglese, arrivato quest’anno al successo planetario grazie alla famosissima hit Human. Nato in un piccolo villaggio del sud-est dellInghilterra, Rag ‘N Bone Man si è formato a suon di blues e soul per poi entrare in contatto con la cultura hip hop nella vicina Brighton. Da allora si è imposto come uno degli artisti neo-soul più innovativi e talentuosi, in particolar modo grazie a una profonda e potente voce al tempo stesso blueseggiante e soulful, mescolata a ritmi tipicamente hip hop. Al Just Music Festival, Rag ‘N Bone Man presenterà il suo primo lavoro per la Columbia, Human (2017), a oggi la sua prova più matura ed eclettica da cui tra laltro è tratta la famosissima hit che dà il titolo allalbum.

Con Rag’N Bone Man si apriranno le date del Just Music  Festival all’Ex Dogana che proseguirà fino a luglio con l’avanguardia di Nicholas Jaar (21 giugno), artista newyorkese di origine cilena, famoso in tutto il mondo per la sua elettronica in bilico tra suggestioni techno, rnb, jazz e world e ancora con il poliedrico e carismatico Paul Kalkbrenner (24 giugno), padre indiscusso di quel suono e quell’estetica che portano la firma Berlino-anni-2000, all’intramontabile Fatboy Slim (9 luglio), artista dal talento inarrivabile nel mischiare generi e registri, che con le sue produzioni ha segnato una pagina intera di storia dell’elettronica e del pop. Fino ad alcune stelle indiscusse del djing mondiale come il canadese Richie Hawtin (7 luglio), custode incontrastato della techno minimale di prima generazione e artista che da sempre riesce a spostare il confine tra dj set e performance live. Ma, soprattutto, quest’anno è la volta di una grande novità al Just Music Festival: una giornata interamente dedicata ad una delle culture musicali contemporanee più importanti e influenti al mondo. “Roots In The City (2 luglio) è un festival nel festival, un nuovo format dedicato ai suoni reggae, dub e dancehall. Il 2 luglio, in un’unica lunga maratona musicale, si esibiranno sullo stesso palco alcuni dei più importanti interpreti legati alla tradizione “roots” e alla musica popolare giamaicana, in tutte le sue varianti e interpretazioni come quelle dei leggendari Lee Scratch Perry e Mad Professor, due vecchi maestri che, per una notte, si ritroveranno a Roma di nuovo insieme sul palco per ridare vita ad un capitolo intero della storia del reggae e della dub music; ma ci saranno anche interpreti affermati della nuova generazione, provenienti da paesi satellite rispetto al suono giamaicano, come il guyanese Promise No Promises, o l’astro nascente australiano Nattali Rize, con il suo reggae impegnato contaminato dai linguaggi del nuovo hip-hop. Ad essi si aggiungeranno guest, sound system e crew di Roma, per mettere in connessione l’olimpo del reggae con le migliori esperienze locali.

Il Just Music Festival è infatti prima di tutto il tentativo di creare uno spazio nuovonella città di Roma, in cui diversi generi e diverse tradizioni contemporanee si incontrino. Un festival per un pubblico non più di nicchia, ma misto, trasversale e multietnico: appassionati di elettronica e pop, devoti del roots reggae, fan della techno, amanti dell’house music, adepti del nuovo movimento dancehall e fedeli dellhip hop, tutti insieme sotto uno stesso tetto, non più divisi da barriere di genere e contesto, che in definitiva sono anche barriere culturali e sociali.

 La musica è anche loccasione per indagare altri linguaggi: ad accompagnare il festival, alcuni singolari incroci con le arti visive, per gettare ponti tra la musica contemporanea e le più importanti esperienze artistiche internazionali.

Comments on Facebook

Comments are closed.