Inventaria 2017: i Vincitori

Fiorella Mannoia
Estate 2017: FIORELLA MANNOIA e tre Dj Set sul palco di Sicilia Outlet Village
15 giugno 2017
Varta
MINIONS LANTERN 4AA DI VARTA: ACCENDE LA FANTASIA E I GIOCHI DEI BAMBINI
17 luglio 2017

Inventaria 2017: i Vincitori

Inventaria 2017 

presso TEATRO ARGOT STUDIO  |  CARROZZERIE n.o.t  |  TEATRO STUDIO UNO   –    ROMA

24 compagnie, 4 sezioni

            11 prime nazionali, 10 prime romane 

                                3 teatri in 3 quartieri, 1 workshop

I VINCITORI

Con la cerimonia di premiazione nel cortile dell’accogliente Teatro Studio Uno, domenica 18 giugno si è conclusa la VII edizione del Festival INVENTARIA – la Festa del teatro Off.

Il Festival – diviso quest’anno tra tre teatri, in tre quartieri e in tre blocchi temporali – ha visto la partecipazione di 24 proposte selezionate tra le oltre 350 candidature pervenute da tutta Italia e dall’estero per offrire un ventaglio quanto più ampio possibile della scena teatrale off per linguaggi e generi. In pieno spirito “Inventaria”, la volontà è quella di far scoprire (o riscoprire) la necessità dell’esperienza teatrale agli spettatori con personaggi e storie che vivono a meno di un metro da loro, respirando la stessa aria.

La sezione Spettacoli è stata vinta da Malanova di Sciara Progetti (Piacenza), per “la costruzione drammaturgica efficace e la bella prova d’attore, entrambe di grande impatto emotivo, per l’essenzialità della messa in scena e il risultato asciutto cui si arriva con semplicità e senza patetismi nonostante l’argomento”.

La giuria ha tuttavia ritenuto di dover anche assegnare una menzione speciale a Adda Passà a Nuttata di Meridiano Zero (Sassari) per “l’unione di alto e basso, poetico e grottesco, per la combinazione unica di Shakespeare, De Filippo e attualità in una maionese che, lungi dall’impazzire, appassiona e tocca – anche grazie al particolare linguaggio estetico adottato e alle capacità attoriali esibite.”

La sezione Monologhi/Performance è stata invece vinta all’unanimità da Gobbo a mattoni di Spazio Teatrale Allincontro (Prato) per “la scrittura particolarmente efficace nel restituire con grande verosimiglianza l’indagine compiuta sul territorio, mantenendo un’apprezzabile struttura teatrale esaltata dall’interpretazione del protagonista”.

Dopo una serrata e combattuta consultazione della giuria, la sezione Pillole ha visto l’affermazione di Trittico delle bestie – testo già finalista del Premio di drammaturgia DCQ-Giuliano gennaio, VII edizione e segnalato all’ultima edizione del Premio Hystrio alla scrittura – della compagnia Sophia Dalla Notte (Roma), per “aver affrontato la tematica dei rapporti familiari, evocandola attraverso un interessante e archetipico parallelismo tra la condizione umana e quella animale, in atmosfere indefinite che si prestano a scenari potenzialmente immaginifici”…

…mentre il premio del pubblico, previsto per la stessa sezione, è andato invece a Casella 17 della compagnia Duramadre (Roma), con 95 punti complessivi, staccando proprio Trittico delle bestie (82) e Un qualche rumore fa (80) di Pandora Lab.

La sezione Corti Teatrali, infine, è stata vinta da Il circo invisibile di Orlando-Pedetta (Roma), per “la resa scenica esaltata dall’affiatamento degli attori, per l’ironia a tratti pungente ed il buon ritmo sostenuto fino alla fine “.

Per ogni altra informazione, visita il sito www.dovecomequando.net!

Comments on Facebook
Roberto Semprebene
Roberto Semprebene
Appassionato di Cinema e Videogiochi, ha fatto delle sue passioni il proprio lavoro. Ci tiene tantissimo a precisare di essere nato in un giorno palindromo, cosa che probabilmente affascina e stupisce solo lui!

Comments are closed.